Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Nakajima Ki-4

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nakajima Ki-4
Ki-4 94siki-tei.jpg
Descrizione
Tipoaereo da ricognizione
aereo da attacco al suolo leggero
aereo da addestramento
aereo da traino
Equipaggio2
CostruttoreGiappone Nakajima
Data primo volo1933
Data entrata in servizio1934
Data ritiro dal servizio1943
Utilizzatore principaleGiappone Dai-Nippon Teikoku Rikugun Kōkū Hombu
Altri utilizzatoriManciukuò Dai-Manshū Teikoku Kūgun
Esemplari516
Dimensioni e pesi
Lunghezza7,73 m
Apertura alare12,00 m
Altezza3,50 m
Superficie alare29,70
Peso a vuoto1 664 kg
Peso carico2 474 kg
Peso max al decollo2 616 kg
Propulsione
Motoreun radiale Nakajima Ha-8
Potenza640 hp (477 kW) (max)
Prestazioni
Velocità max283 km/h a 2 400 m (7 874 ft)
Autonomia1 200 km
Tangenza8 000 m (26 246 ft)
Armamento
Cannonifino a 4 calibro 7,7 mm
Bombe50 kg

i dati sono estratti da Japanese Aircraft, 1910-1941[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Nakajima Ki-4 (中島 キ 4?), indicato anche Aereo da ricognizione Tipo 94 (九四式偵察機 Kyūyon-shiki teisatsuki?) in base alle convenzioni allora vigenti, fu un aereo da ricognizione multiruolo, monomotore, biposto e biplano, sviluppato dall'azienda aeronautica giapponese Nakajima Hikōki KK nei primi anni trenta.

Impiegato principalmente in missioni di ricognizione aerea durante la seconda guerra sino-giapponese dal Dai-Nippon Teikoku Rikugun Kōkū Hombu, componente aerea dell'Esercito imperiale giapponese, ricoprì in seguito numerosi ruoli come aereo da attacco al suolo leggero, aereo da addestramento e aereo da traino anche, dopo l'istituzione del Manchukuò, dalla forza aerea della nuova realtà nazionale, la Dai-Manshū Teikoku Kūgun, rimanendo in servizio fino alla prima parte della Guerra del Pacifico.

Fu l'ultimo modello da ricognizione a velatura biplana adottato dall'Esercito imperiale.

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Impiego operativo[modifica | modifica wikitesto]

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Giappone Giappone
Manciukuò Manciukuò

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mikesh e Abe 1990, p. 217.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) René J. Francillion, Japanese Aircraft of the Pacific War, 2nd edition, London, Putnam & Company Ltd., 1979 [1970], ISBN 0-370-30251-6.
  • (EN) Robert C. Mikesh, Shorzoe Abe, Japanese Aircraft 1910-1941, London, Putnam Aeronautical Books, 1990, ISBN 0-85177-840-2.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]