Mindanao

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mindanao
tagalog: "Mindanao"
spagnolo:
"
Gran Molucas"
Pulangi river in valencia.jpg
Geografia fisica
Localizzazione Sud-est asiatico Oceano Pacifico
Coordinate 7°30′N 125°00′E / 7.5°N 125°E7.5; 125Coordinate: 7°30′N 125°00′E / 7.5°N 125°E7.5; 125
Arcipelago Filippine
Superficie 97.530 km²
Altitudine massima Monte Apo,
2.954 m s.l.m.
Geografia politica
Stato Filippine Filippine
Regione Caraga,
Davao,
Mindanao Settentrionale,
Penisola di Zamboanga,

SOCCSKSARGEN,
Regione Autonoma nel Mindanao Musulmano
Centro principale Davao (1.147.116 ab.),
Zamboanga (601.800)
Demografia
Abitanti 18.133.864 (2000,)
Densità 172,5 ab./km²
Cartografia
Mappa di localizzazione: Filippine
Mindanao
Mindanao
Map of Philippines.png

[senza fonte]

voci di isole delle Filippine presenti su Wikipedia

Mindanao è una grande isola del sud delle Filippine, seconda per estensione dello Stato asiatico e una delle tre suddivisioni amministrative insulari del Paese insieme a Luzón a settentrione e Visayas nel centro.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

La terraferma di Mindanao in rosso e le sue isole associate in bordeaux
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: isole delle Filippine, Placca delle Filippine e Mare delle Filippine.
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Lingue filippine e Lingue filippine centrali.
bandiera
costa di Mindanao
Monte Apo, la vetta più alta delle Filippine

Mindanao è la seconda isola più grande delle Filippine con 104.630 chilometri quadrati, ed è l'ottava isola più popolosa del mondo. L'isola di Mindanao risulta più estesa di 125 Paesi del mondo, fra i quali i Paesi Bassi, la Corea del Sud, l'Austria, il Portogallo, la Repubblica Ceca, l'Ungheria, e l'Irlanda.

L'isola è prevalentemente montuosa con il vulcano Monte Apo che è la vettà più alta dell'intero Paese. Mindanao è circondata da quattro mari: Mare di Sulu, a ovest,[1] il Mar delle Filippine ad est, il Mare di Celebes a sud e il Mare di Mindanao a nord.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Una vecchia carta spagnola dell'isola di Mindanao.
Maradeka le donne in azione per i diritti umani

La prova dell'occupazione umana dell'isola risale a decine di migliaia di anni. In tempi preistorici la gente Negrito si insediò nell'area. Intorno al 1500 aC, austronesiani si diffusero in tutte le Filippine e ben oltre.

I nativi delle Molucche si riferiscono l'isola come Maluku Besar (Grande Molucca).

Mindanao è anche una casa sacra di Paramata Bantogen, Mabaning Gandamatu e Daranda Mabagani gli indigeni Meranaw da Kiaranda un Ragat un Layagen Tiongcopa prima islamica Da wah, la più grande tribù non musulmano, e il Subanon Tribe.

Gli aborigeni della Penisola di Zamboanga Zamboanga del Norte, Zamboanga del Sur, Zamboanga Sibugay, Isola di Basilan e le province settentrionali del Misamis Occidental, Lanao del Norte e Misamis Oriental.

Età neolitica e del bronzo[modifica | modifica wikitesto]

I Subanon si crede che si sono stabiliti sull'isola di Mindanao durante il Neolitico, il periodo nello sviluppo della tecnologia umana che inizia intorno al 10.000 aC secondo la cronologia ASPRO (tra 4.500 e 2.000 aC).

Molti degli oggetti in ceramica sono dei periodi Yuan e Ming. Evidentemente, ci fu una lunga storia di scambi tra la Subanon ei cinesi molto tempo prima che il contatto di quest'ultimo con l'Islam.

Età indù-buddista[modifica | modifica wikitesto]

In epoca classica della storia delle Filippine (900AD in poi), la gente di Mindanao sono stati pesantemente esposti all'indù e influenza buddista e credenze locali indonesiane e del Borneo.

Gli artefatti trovati da questo periodo sono il Jinnaluo d'oro, Golden Tara, e il ciondolo Ganesh. Questi tratti culturali passati attraverso Mindanao nel Visayas e Luzon, persi o fortemente modificato in queste zone dopo l'arrivo spagnola nel XVI secolo.

Nelle zone costiere, la rivoluzione culturale indù-buddista è stata più forte, mentre in parti interne, le influenze sono state indigenized in credenze animiste e costumi locali e apparivano più sottilmente.

Il Regno di Butuan, un regno di ispirazione indù di cui al record cinesi come stato vassallo nel X secolo d.C., si è concentrata lungo la costa nord-orientale dell'isola intorno Butuan.[2]

Arrivo dell'Islam[modifica | modifica wikitesto]

Nell'isola di Mindanao i primi contatti con l'Islam è avvenuto nel XIV secolo.

La prima moschea nelle Filippine è stata costruita nella metà del XIV secolo nella città di Simunul[2]. I sultanati filippini di Sulu e Maguindanao sono stati stabiliti successivamente nel XV e XVI secolo.

A questo punto, l'Islam si è ben radicato in Mindanao e aveva iniziato gruppi sui grandi isole delle Visayas, come Cebu influenzare e nord fino Bohol e oggi Manila sull'isola di Luzon.

Manila stessa al tempo era musulmana quando il Sultanato del Brunei venne occupato.

Conquista spagnola[modifica | modifica wikitesto]

All'arrivo degli spagnoli nelle Filippine, erano costernati nel trovare una forte presenza musulmana sull'isola, avendo appena espulso i Mori dalla Spagna dopo secoli di combattimenti con la Reconquista. In realtà, il nome Moros (in spagnolo per "Mori"), è stato dato agli abitanti musulmani dagli spagnoli.

Cesarea Caroli era il nome dato dal Villalobos per l'isola di Mindanao quando la raggiunto dal mare. Questo è stato chiamato dopo Carlo V Imperatore del Sacro Romano Impero e Re della Spagna.

La Spagna abbandonò Zamboanga a Mindanao e far rientrare i suoi soldati a Manila nel 1662 dopo che i cinesi con la guida militare di Koxinga minaccò di invadere le Filippine spagnole.

Storia moderna[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la guerra ispano-americana, gli americani hanno combattuto numerose battaglie contro il Moro.

All'inizio della seconda guerra mondiale, le forze giapponesi sconfissero le forze del generale William F. Sharp, tra cui la divisione del generale Guy O. Fort 81st, dopo una battaglia a Malabang, vicino a Gandamatu Macadar, Lanao, il 29 aprile 1942, e conclusa nei pressi di Ganassi, Lanao, il 10 maggio 1942.[3] Tuttavia, i soldati filippini e guerriglieri locali erano attivi fino alla liberazione, a conclusione della battaglia di Mindanao.

I nativi Moro musulmani e lumads sono stati soppiantati dai primi programmi di colonizzazione spagnola e americana, con i coloni cristiani prendere il controllo di settori chiave e distruggere le strutture amministrative del musulmani e il controllo delle risorse.

Gli americani hanno scelto coloni cristiani per costituire i funzionari di comuni coloni popolate al posto di lumads e musulmani. A causa delle attività dei coloni, tra cui la registrazione, l'ambiente ha subito danni significativi.

Divisioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Regioni delle Filippine, Province delle Filippine e Titolo di città nelle Filippine.

Mindanao è costituita da 6 regioni amministrative, suddivise a loro volta in 22 province, di cui 4 all'esterno del territorio dell'isola e 30 città (27 province e 33 città considerando le isole collegate).

Mindanao comprende l'arcipelago delle Isole Sulu a sud-ovest, che consiste nelle isole di Basilan, di Jolo e di Tawi-Tawi, più altre isole periferiche quali Camiguín, Dinagat, Siargao, Samal e le isole Sarangani.

Le sei regioni sono:

Dettagli[modifica | modifica wikitesto]

Mappa Regione
Popolazione
Superficie[4][5] Densità Capoluogo
Map of the Philippines highlighting the Zamboanga Peninsula Zamboanga

(regione IX)
3.407.353
(3.7%)
17,056.73 km² 200/km2 Città di Zamboanga
Map of the Philippines highlighting Northern Mindanao Hilagang
Mindanao

(regione X)
4.297.323
(4.7%)
20.496,02 km² 210/km2 Città di Cagayan de Oro
Map of the Philippines highlighting Davao Region Davao
(regione XI)
4.468.563
(4.8%)
20.357,42 km² 220/km2 Città di Davao
Map of the Philippines highlighting Soccsksargen Soccsksargen
(regione XII)
4.109.571
(4.5%)
22.513,30 km2 180/km2 Koronadal
Map of the Philippines highlighting the Caraga Region Caraga
(regione XIII)
2.429.224
(2.6%)
21.478,35 km2 110/km2 Butuan
Map of the Philippines highlighting the Autonomous Region in Muslim Mindanao Regione autonoma
del Mindanao musulmano

(regione XIV)
3.256.140
(3.5%)
33.511,42 km2 97/km2 Città di Cotabato[6]
Regione censimento del 2010 Superficie Densità Capoluogo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ C.Michael Hogan. 2011. Sulu Sea. Encyclopedia of Earth. Eds. P. Saundry & C.J.Cleveland. Washington DC
  2. ^ a b Brendan I. Koerner, How Islam got to the Philippines, su Slate, 28 gennaio 2005. URL consultato il 4 ottobre 2009.
  3. ^ Childress, C., 2003, "Wendell Fertig's Fictional 'Autobiography': a Critical Review of They Fought Alone", Bulletin of the American Historical Collection, Vol. 31, No. 1 (123)
  4. ^ PSGC Interactive; List of Provinces, su Philippine Statistics Authority. URL consultato il 3 aprile 2016.
  5. ^ PSGC Interactive; List of Cities, su Philippine Statistics Authority. URL consultato il 7 aprile 2016.
  6. ^ Città di Cotabato, anche se amministrativamente dipende dal SOCCSKSARGEN, è considerato il centro regionale della regione del Mindanao musulmano.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN246116894 · GND: (DE4100996-4