Michele Lauria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Michele Lauria
Michele Lauria datisenato 2001.jpg

Sindaco di Enna
Durata mandato 1979 –
1987
Predecessore Paolo Lo Manto
Successore Vito Cardaci

Senatore della Repubblica Italiana
Durata mandato 2 luglio 1987 –
16 maggio 2005
Legislature X, XI, XII, XIII, XIV
Gruppo
parlamentare
DC, PPI, DL
Circoscrizione Sicilia
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico DC (1987-1994)
PPI (1994-2002)
DL (2002-2007)
PD (dal 2007)
Titolo di studio Laurea in filosofia
Professione Dirigente amministrativo

Michele Lauria (Enna, 9 novembre 1942) è un politico e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Michele Lauria (il secondo a destra) durante il mandato da sindaco

Direttore amministrativo USL, è stato sindaco della città natale dal febbraio 1979 al maggio 1987. È stato senatore per quasi cinque legislature, dal 1987 eletto nel collegio di Enna nella Democrazia Cristiana, poi nel PPI e infine nella Margherita, fino al 16 maggio 2005, quando si è dimesso per incompatibilità, ed è stato sostituito da Antonino Papania.

È stato sottosegretario in quattro governi di centro-sinistra, dal 1996 al 2001.

Al parlamento è stato vicepresidente della Commissione parlamentare per l'indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi dal 24 settembre 2001 al 17 aprile 2003 e questore del Senato dal 27 marzo 2003 al 17 maggio 2005.

È stato Commissario per i servizi e i prodotti dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni dal 2005 al 2012.

Incarichi governativi[modifica | modifica wikitesto]

  • Sottosegretario per le poste e telecomunicazioni del Governo Prodi I dal 22 maggio 1996 al 20 ottobre 1998
  • Sottosegretario per le comunicazioni del Governo D'Alema I dal 22 ottobre 1998 al 21 dicembre 1999
  • Sottosegretario per le comunicazioni del Governo D'Alema II dal 22 dicembre 1999 al 25 aprile 2000
  • Sottosegretario per le comunicazioni del Governo Amato II dal 27 aprile 2000 al 10 giugno 2001

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scienza e fede alleate contro il male, in Il Venerdì di Repubblica.
  2. ^ Giuseppe Amoroso, Esordio nella trappola ipnotica dell’eros, in Corriere della Sera, 21 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2015).
  3. ^ Calunnie telefoniche, in L'Espresso, 22 luglio 2004.
  4. ^ Stefania Vitulli, Da Cassius Klei ad Amadeus, che cosa leggere sotto l'albero. Un piccolo dio, in Panorama, 19 dicembre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Predecessore Sindaco di Enna Successore Enna-Stemma.png
Paolo Lo Manto 1979 - 1987 Vito Cardaci
Controllo di autoritàVIAF (EN63413632 · ISNI (EN0000 0000 3649 5982 · SBN IT\ICCU\CFIV\194086 · LCCN (ENn2005027409 · BNF (FRcb13566540r (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n2005027409