Antonino Papania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antonino Papania
Antonino Papania.jpg

Senatore della Repubblica Italiana
Durata mandato 20 maggio 2005 –
14 marzo 2013
Legislature XIV, XV, XVI
Gruppo
parlamentare
Margherita e Partito Democratico
Circoscrizione Sicilia
Incarichi parlamentari
Nella XIV Legislatura (Gruppo Margherita - DL - L'Ulivo):

Membro dal 24 maggio 2005 al 25 luglio 2005 Componente del Comitato Direttivo dal 26 luglio 2005 al 27 aprile 2006 4ª Commissione permanente (Difesa): Membro dal 25 maggio 2005 al 27 aprile 2006

Nella XV Legislatura (Gruppo L'Ulivo): Membro dal 28 aprile 2006 al 28 aprile 2008 (dal 27 novembre 2007 il Gruppo assume la denominazione Partito Democratico-L'Ulivo) 8ª Commissione permanente (Lavori pubblici, comunicazioni): Vicepresidente dal 6 giugno 2006 al 28 aprile 2008 Comitato parlamentare per i procedimenti di accusa: Membro sostituto dal 12 giugno 2006 al 28 aprile 2008

Nella XVI Legislatura (Gruppo Partito Democratico): Membro dal 6 maggio 2008 al 14 marzo 2013 8ª Commissione permanente (Lavori pubblici, comunicazioni): Vicepresidente dal 22 maggio 2008 al 12 ottobre 2010 Membro dal 13 ottobre 2010 al 14 marzo 2013

Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico La Margherita, Partito Democratico
Professione Consulente tributario e aziendale

Antonino Papania (Alcamo, 16 agosto 1959) è un politico italiano del Partito Democratico ed ex senatore della Repubblica Italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La sua militanza politica affonda le radici nel 1984, quando insieme ai rappresentanti di diverse Associazioni e presenze cattoliche e laiche impegnate nel sociale, fonda il movimento "Presenza Sociale" del quale diventa Coordinatore.

Assemblea Regionale Siciliana[modifica | modifica wikitesto]

Antonino Papania dal 1996 è stato deputato dell'Assemblea Regionale Siciliana per due legislature, la XII e la XIII, eletto nella lista "La Margherita - Democrazia È Libertà Con Rutelli" per il Collegio di Trapani: la prima volta, nel Partito Popolare Italiano, con voti 6.498 di preferenza su 19.289 di lista (33,69%); la seconda, ne La Margherita, con voti 8.130 di preferenza su 19.529 di lista (41,63%).[1]

Ha ricoperto rilevanti incarichi istituzionali: è stato Assessore regionale al Lavoro, Previdenza Sociale, Formazione Professionale ed Emigrazione nella I e II Giunta Capodicasa di centrosinistra (dal 21 novembre 1998 al 10 novembre 1999), e Vice Presidente Commissione II - Bilancio e Programmazione dal 08-08-2001, e membro della Commissione Antimafia dal 28-12-2001.[1]

Nella tredicesima legislatura dell'ARS, è stato Vice Presidente della II Commissione legislativa permanente Bilancio e programmazione dal 17 aprile 2002, Componente della II Commissione legislativa permanente Bilancio e programmazione dal 7 agosto 2001, Componente della Commissione Antimafia dal 28 dicembre 2001. È stato componente della Commissione CEE e del CNEL, il Consiglio Nazionale per l'Economia e il Lavoro. Estensore e primo firmatario di vari disegni di legge, interrogazioni parlamentari, interpellanze Parlamentari, mozioni di indirizzo, ordini del giorno. Si è poi dimesso da deputato regionale, essendo stato eletto Senatore della Repubblica, sostituito il 14 giugno 2005 da Vincenzino Culicchia.[1]

Attività al Senato[modifica | modifica wikitesto]

È eletto per la prima volta al Senato nel maggio 2005, subentrato in sostituzione di Michele Lauria. Nella XIV legislatura è eletto membro della 4ª Commissione permanente (Difesa) del Senato. Viene rieletto il 9 aprile 2006, al Senato della Repubblica, nelle liste della Margherita, circoscrizione Sicilia. Nella XV legislatura, è eletto Vicepresidente della 8ª Commissione permanente (Lavori pubblici, comunicazioni) e componente del Comitato parlamentare per i procedimenti di accusa. Viene riconfermato al Senato della Repubblica, anche nella XVI legislatura, nelle liste del Partito Democratico, sempre nella Circoscrizione Sicilia, il 13 aprile 2008.

Durante questa legislatura è eletto Vicepresidente della 8ª Commissione permanente (Lavori pubblici, comunicazioni), ed è membro della Direzione Nazionale del Partito Democratico; ha anche dato alle stampe, per i tipi della casa editrice L'Espresso di Roma, una raccolta di poesie giovanili, con la prefazione del prof. Roberto Lagalla, Rettore dell'Università degli Studi di Palermo.

Il 3 novembre 2009, il suo factotum Filippo di Maria è stato arrestato in seguito all'operazione Dioscuri che ha messo in difficoltà il clan di Alcamo dei Melodia. Alcune intercettazioni della Direzione distrettuale antimafia di Palermo l'hanno sorpreso mentre faceva campagna elettorale per il senatore del PD e procurava a un suo collaboratore (l'assessore comunale di Alcamo Giuseppe Scibilia) elenchi di nomi da inserire come votanti alle primarie in cui il Pd sceglieva nel 2005 il candidato alla presidenza della Regione.[2]

In merito a tali fatti, Papania in un comunicato[3] ha affermato che da nessuna delle conversazioni intercettate emerge che uomini politici o loro diretti collaboratori avessero consapevolezza del ruolo rivestito da Di Maria dando inoltre mandato ai propri legali di querelare Marco Travaglio autore di un articolo su "Il Fatto".

In vista delle elezioni politiche del 2013 si presenta alle primarie dei parlamentari del suo partito ottenendo più di 7.000 preferenze e il posto numero 2 tra i rappresentanti democratici al Senato in Sicilia, tuttavia la sua candidatura viene annullata dal comitato dei garanti del PD il 18 gennaio al fine di "tutelare l'immagine e l'onorabilità" del movimento, come ha dichiarato il presidente della suddetta istituzione Luigi Berlinguer[4].

Procedimenti giudiziari[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 gennaio 2002 ha patteggiato davanti al gip di Palermo una pena di 2 mesi e 20 giorni di reclusione (poi tramutata in multa[5]) per abuso d'ufficio, quando ricopriva l'incarico di assessore al lavoro presso la Regione Siciliana.[6] .

Nel 2016 è condannato dal tribunale di Trapani a 8 mesi per il reato di voto di scambio [7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c http://www.ars.sicilia.it/deputati/scheda.jsp?idDeputato=81
  2. ^ Esattore del pizzo e factotum del senatore | Palermo la Repubblica.it
  3. ^ Comunicato[collegamento interrotto]
  4. ^ Il Pd vara l'operazione liste pulite - In Sicilia via Crisafulli e Papania Archiviato il 19 gennaio 2013 in Internet Archive., La Stampa, 18 gennaio 2013
  5. ^ Pd, fuori Crisafulli e Papania
  6. ^ "Se li conosci li eviti", di Marco Travaglio e Peter Gomez; Articolo sul Fatto quotidiano, 16-4-2001; Il Fatto quotidiano del 19-11-2011; Ladri di Stato. Storie di malaffare, arricchimenti illeciti e tangenti, Edizioni Dedalo, 2010, ISBN 88-220-6312-0, 9788822063120, pag. 15
  7. ^ Il Fatto quotidiano

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]