Maurizio Romani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maurizio Romani

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XVII
Gruppo
parlamentare
GRUPPO MISTO - componente: Italia dei Valori (Dal 6/08/2015-attualmente)

In precedenza:

- Movimento 5 Stelle (Da inizio legislatura al 6/03/2014)

- GRUPPO MISTO (Dal 7/03/2014 al 10/07/2014)

- GRUPPO MISTO - componente: Movimento X (Dall'11/07/2014 al 5/8/2015)

Circoscrizione Regione Toscana
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Italia dei Valori (Dal 2015)
In precedenza:
Movimento 5 Stelle (2013-2014)
Indipendente (2014-2015)
Titolo di studio Laurea in Medicina e Chirurgia
Università Università di Firenze
Professione Medico

Maurizio Romani (Castel San Niccolò, 18 febbraio 1954) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Diplomato presso il Liceo Scientifico "Leonardo Da Vinci", si laurea in Medicina e Chirurgia all' Università di Firenze nel 1983 e diventa omeopata.

Alle consultazioni politiche del 2013 è stato eletto senatore della XVII Legislatura nella circoscrizione Toscana per il Movimento 5 Stelle.

Nel luglio 2013, il sindaco di Firenze, e poi premier Matteo Renzi, minaccia di querelare Romani a seguito delle dichiarazioni da lui fatte sulla concessione del Ponte Vecchio per una festa organizzata dalla casa automobilistica Ferrari.

Attualmente è Vicepresidente della Commissione Sanità del Senato.

È candidato per la scelta del nuovo Capogruppo del M5S al Senato con 23 voti in rappresentanza dell'area più dialogante del Movimento ma viene battuto da Vincenzo Santangelo con 26 voti, considerato più vicino alla linea oltranzista di Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio.

A seguito delle sue dimissioni dal Senato insieme a quattro colleghi (Laura Bignami, Maria Mussini, Monica Casaletto e Alessandra Bencini), offerte in segno di solidarietà con i colleghi espulsi, viene a sua volta espulso dal Movimento 5 Stelle, passando al gruppo misto[1]

Il 7 marzo 2014 fonda la componente Movimento X (MX) del gruppo misto a cui aderiscono i senatori 5 Stelle dimissionari con lei[non chiaro] Laura Bignami e Maria Mussini, a cui si aggiunge anche il senatore Bartolomeo Pepe, il neo espulso dal Movimento, mentre le altre due senatrici dimissionarie, Monica Casaletto e Alessandra Bencini, aderiscono alla componente del gruppo misto "Italia Lavori in Corso" (ILIC) dei senatori espulsi capeggiati da Luis Alberto Orellana.

In seguito alla sua espulsione, insieme ad altri parlamentari espulsi o fuoriusciti dal Movimento, ha proseguito nel versamento di metà dello stipendio e di parte della diaria ad associazioni benefiche, così come imposto dal regolamento del gruppo parlamentare del M5S.

Il 16 luglio 2015, durante una conferenza stampa alla Camera dei deputati ha annunciato la sua adesione all'Italia dei Valori assieme alla collega Alessandra Bencini, anch'essa espulsa dal Movimento 5 Stelle.

Il 5 agosto 2015, infatti, Romani e Bencini hanno costituito al Senato la componente del gruppo misto Italia dei Valori, a cui hanno poi aderito entrambi.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]