Maurizio Giammarco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giammarco Maurizio
Nazionalità Italia Italia
Genere Jazz
Periodo di attività 1972 – in attività
Sito web

Maurizio Giammarco (Pavia, 17 ottobre 1952) è un sassofonista, compositore, arrangiatore jazz italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Pavia ma residente a Roma fin dall'infanzia, si avvicina al sassofono a 14 anni. Negli anni '70 prende parte a numerosi corsi di jazz in Italia e all'estero con insegnanti come Giorgio Gaslini e Joe Allard. A partire dal 1976 fonda e dirige diversi gruppi, il più noto dei quali è senz'altro quello dei Lingomania. Fondati da Giammarco negli anni '80, i Lingomania hanno ottenuto vari premi, imponendosi nei referendum di Musica Jazz del 1984, 1985, 1987 e di Guitar Club del 1988 e 1989 come miglior gruppo italiano. Nel gruppo si sono avvicendate alcune delle più interessanti nuove promesse del jazz italiano, che in seguito sono divenuti musicisti tra i più importanti nel panorama jazzistico italiano; Umberto Fiorentino (chitarra), Enzo Pietropaoli e Furio Di Castri (basso), Danilo Rea e Stefano Sabatini (tastiere), Roberto Gatto (batteria).

Nel 1981 è stato votato miglior sassofonista italiano nel referendum della rivista Fare Musica e nel 1984 il premio Rai 1 come musicista jazz dell'anno. Ha svolto inoltre intensa attività d'insegnamento e di composizione per musiche di teatro, danza e film. Ha al suo attivo collaborazioni con i maggiori esponenti del jazz italiano e internazionale, nomi come Chet Baker, Billy Cobham, Peter Erskine, Giorgio Gaslini, Lester Bowie, Enrico Pieranunzi, Dave Liebman, Paolo Fresu, Enrico Rava, Giovanni Tommaso, Miroslav Vitous, Aldo Romano, Steve Lacy, Danny Gottlieb, Tom Harrell, Kenny Wheeler, Phil Woods, Marc Johnson.

Ha accompagnato in tournée e su disco anche noti artisti di musica pop come Mina, Mia Martini, Fiorella Mannoia, Riccardo Cocciante, Antonello Venditti, Francesco De Gregori e Tiziana Rivale.

Negli ultimi anni il sassofonista romano è leader dei Megatones, gruppo musicale definito la naturale evoluzione delle concezioni degli storici Lingomania. Tra gli altri progetti attuali, spicca il Trio Tricycles con John Arnold e Dario Deidda. Domenico Giammarco è attualmente direttore della PMJO (Parco della Musica Jazz Orchestra), la jazz band dell'Auditorium di Roma. Forte di una carriera ormai ultra trentennale in cui ha esplorato il jazz in tutte le sue molteplici forme, spinto sempre da un'inesauribile volontà di ricerca musicale Maurizio Giammarco si è guadagnato un posto di rilievo nel jazz italiano, tanto da esser citato nella Biographical Enciclopedia of Jazz di Leonard Feather.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Come leader[modifica | modifica wikitesto]

  • 2007 - Jazzitalianolive 2007 (L'Espresso) vol. 5 (Special guest B. Stewart)
  • 2005 - Mega meets Microtones (Megatones con D.Fiuczynski)
  • 2004 - Punkromantic (Megatones)
  • 2001 - 7 + 8 (M.Giammarco - P.Markowitz quartet)
  • 2001 - Live at big mama (Giammarco, Liebman, Di Castri, Humair)
  • 1999 - Love ballads (Giammarco, Lande, Leverato, Gatto)
  • 1995 - 2nd passage
  • 1995 - In our hands (Heart Quartet)
  • 1993 - Inside (Heart Quartet)
  • 1992 - Passage (Giammarco, Tessarollo, Johnson, Vincent)
  • 1991 - Saurian Lexicon (Giammarco trio & Day after band)
  • 1988 - Hornitology (Giammarco, Rea, Erskine, Johnson)
  • 1982 - Precisione della notte (Giammarco quartet
  • 1974 - Davanti ed oltre la soglia (Giammarco Centazzo duo)
  • 1972 - BLue morning

Con i Lingomania[modifica | modifica wikitesto]

  • 1989 - Camminando
  • 1987 - Grr...expanders
  • 1986 - Riverberi

Con la PMJO[modifica | modifica wikitesto]

  • 2007 - Jazzitalianolive 2007 (L'Espresso) - Special guest Irene Grandi e Simona Bencini

Come sideman[modifica | modifica wikitesto]

  • 2014 - Giammai (Renato Strukelj Trio)
  • 2005 - Fast race (Roma jazz ensemble)
  • 2003 - Little beat (Funkoff)
  • 2003 - My name is Pasquale (Nicola Arigliano)
  • 2001 - A very far place (Serafino Sabatini quartet)
  • 2001 - Now we can (Basingu big band)
  • 2000 - Grazie Italia (Franco Ambrosetti & guests)
  • 1999 - A flower is a lovesome thing (Cecilia Finotti)
  • 1999 - My funny Valentine (Mario Schiano)
  • 1999 - Live collection Vol.1 (AA.VV. Lingomania '99)
  • 1998 - Third step (Giovanni Tommaso quintet)
  • 1997 - Bitter cake walk (M. Grossi ensemble)
  • 1997 - Dodici storie (Mario Raja Big Bang)
  • 1997 - Songbook Iseo Jazz '97 (AA.VV. Heart quartet)
  • 1996 - Onyx jazz club 1985-1995 (AA. VV. Lingomania)
  • 1996 - Insieme (Giammarco-Del Fra-Revel-Drevet-Goubert)
  • 1995 - Song Tong (Paolo Damiani ensemble feat. K.Wheeler)
  • 1994 - Ellington (Mario Raja Big Bang)
  • 1994 - Out of perspective (Maurizio Quintavalle quartet)
  • 1994 - Ozio (Libens)
  • 1993 - Gate 32 (Fabio Mariani)
  • 1991 - Trio & guests (Massimo Moriconi)
  • 1991 - Wonderland (Stefano Sabatini)
  • 1991 - 7 steps to the beginning (Nuccio Intrieri)
  • 1991 - Mia Martini in concerto (Mia Martini)
  • 1990 - Ci ritorni in mente (AA. VV. per Lucio Battisti)
  • 1989 - Fronne (Lello Panico)
  • 1989 - Empusa (Gianni Nocenzi)
  • 1989 - Grosso modo (Paolo Emilio Marrocco)
  • 1989 - Embraceable (Mario Raja Big Bang feat.P.Woods)
  • 1989 - Orange Park (Enzo Pietropaoli)
  • 1986 - Notes (Roberto Gatto)
  • 1984 - Things (Furio Di Castri)
  • 1983 - Alma latina (Aldo Romano)
  • 1980 - Soft Journey (Chet Baker & Enrico Pieranunzi)
  • 1980 - Effetto amore (New Perigeo)
  • 1978 - Laboratorio della quercia (AA.VV.)
  • 1978 - Carnascialia (Carnascialia - P. Minieri)
  • 1978 - From always to now (Enrico Pieranunzi)
  • 1977 - Miradas (Canzoniere del Lazio)
  • 1977 - Morra (Canzoniere del Lazio)
  • 1974 - Fragmentos (Andrea Centazzo)
  • 1973 - Sud (Mario Schiano)
  • 1973 - Message (Giorgio Gaslini)
  • 1973 - Favola pop (Giorgio Gaslini)
  • 1973 - Jazz a confronto n.5(Giancarlo Schiaffini)
  • 1973 - Jazz a confronto n.10 (G. Gaslini - M. Schiano )
  • 1973 - On the waiting list (Mario Schiano)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN46951845 · LCCN: (ENn93005007 · ISNI: (EN0000 0000 5517 8966 · GND: (DE135303974 · BNF: (FRcb139491383 (data)