Marc Johnson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Marc Johnson
Marc Johnson & other musicians.jpg
Johnson al contrabbasso con altri musicisti
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereJazz
Periodo di attività musicale1962 – in attività

Marc Alan Johnson (Omaha, 21 ottobre 1953) è un contrabbassista, compositore e bandleader statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

All'età di diciannove anni, Johnson suona da professionista nella Fort Worth Symphony. Durante i suoi studi alla University of North Texas fa parte della One O'Clock Lab Band, ed è il bassista principale della NTSU Symphony Orchestra.

Nel 1978, Johnson viene reclutato dal pianista Bill Evans per sostituire Eddie Gomez,[1] e a fianco del batterista Joe LaBarbera fa parte dell’ultimo trio di Evans.[2] In quell’anno, con Evans, Philly Joe Jones e Lee Konitz in qualità di ospite d’onore partecipa a Umbria Jazz.[3] La collaborazione con Evans, sia in studio che in tour, durerà fino alla morte del pianista nel 1980.[4] Nel 2007 pubblica insieme a sua moglie, la pianista Eliane Elias, l'album Something for You, un tributo a Evans.[5]

Successivamente a Evans, Johnson collabora con numerosi musicisti, tra cui Joe Lovano, Michael Brecker, Stan Getz, Bob Brookmeyer, Gary Burton, John Abercrombie, Bill Frisell, Pat Metheny, Eliane Elias, Enrico Pieranunzi, Joey Baron, Philly Joe Jones, Jack DeJohnette, Peter Erskine, Paul Motian, Steps Ahead, John Lewis.

Ha anche pubblicato album come leader, a partire dal progetto Bass Desires: un quartetto con Bill Frisell e John Scofield alla chitarra elettrica, e Peter Erskine alla batteria.[1] I Bass Desires hanno ottenuto riconoscimenti internazionali in seguito alla pubblicazione di due album con l'etichetta ECM (Bass Desires e Second Sight) a metà degli anni '80.[4] Nel 1991 fonda il gruppo Right Brain Patrol con cui registra due album per la JMT Records, suonando insieme al chitarrista Ben Monder e al cantante-percussionista Arto Tunçboyacıyan, e un successivo album in cui Monder è sostituito da Wolfgang Muthspiel.[6] Nel 1998 invece pubblica Sound of Summer Running per Verve. Nel 2005 pubblica Shades of Jade, per ECM, con Joe Lovano al sassofono tenore, John Scofield alla chitarra, Eliane Elias al piano e Joey Baron alla batteria. L'album riceve numerosi riconoscimenti: viene selezionato da Time per l'uscita di 5 CDs That Really Swing del 17 ottobre 2005, dal Chicago Tribune come una delle dieci migliori registrazioni jazz del 2005, e ha anche ricevuto il Danish Music Award per la migliore uscita straniera del 2005.[4] Come seguito di Shades of Jade, nel 2012 pubblica, sempre per ECM, Swept Away (con la stessa formazione del precedente album, meno Scofield). I brani registrati sono tutte composizioni originali.

Come produttore, Johnson vince due Grammy Awards per aver co-prodotto gli album di Eliane Elias Made in Brazil (2016) e Dance of Time (2017) per Concord Records.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Come leader e co-leader[modifica | modifica wikitesto]

Con John Abercrombie & Peter Erskine

Con Enrico Pieranunzi

  • 1987 - Deep Down (Soul Note)
  • 1992 - The Dream Before Us (IDA)
  • 1994 - Untold Story (IDA)
  • 2000 - Racconti Mediterranei (Egea)
  • 2001 - Play Morricone (CAM Jazz)
  • 2003 - Trasnoche (Egea)
  • 2003 - Current Conditions (CAM Jazz)
  • 2004 - Play Morricone 2 (CAM Jazz)
  • 2006 - Ballads (CAM Jazz)
  • 2007 - Live in Japan (CAM Jazz)
  • 2008 - As Never Before (CAM Jazz)
  • 2008 - Yellow & Blue Suites (Challenge)
  • 2009 - Dream Dance (CAM Jazz)

Come sideman[modifica | modifica wikitesto]

Con John Abercrombie

Con Eliane Elias

Con Peter Erskine

  • 1988 - Motion Poet (Denon)
  • 1991 - Sweet Soul (Novus/RCA)
  • 1998 - Behind Closed Doors Vol. 1 (Fuzzy Music)

Con Bill Evans

Con Stan Getz

Con Jimmy Gourley

  • 1981 - No More (Musica)
  • 1983 - The Jazz Trio (Bingow)
  • 1986 - The Left Bank of New York (Uptown)

Con Woody Herman

  • 1977 - Jazz Jamboree 77 Vol. 2 (Polskie Nagrania Muza)
  • 1978 - Chick, Donald, Walter & Woodrow (Century)
  • 1978 - Road Father (Century)

Con Andy LaVerne

  • 1988 - Plays the Music of Chick Corea (Jazzline)
  • 1988 - True Colors (Jazz City)
  • 1989 - Frozen Music (SteepleChase)

Con John Lewis

  • 1981 - The John Lewis Album for Nancy Harrow (Finesse)
  • 1982 - Kansas City Breaks (Finesse)
  • 1983 - Slavic Smile (Baystate)
  • 1985 - J.S. Bach Preludes and Fugues from the Well Tempered Clavier Book 1 (Philips)
  • 1986 - The Bridge Game Vol. 2 Based On the Well Tempered Clavier Book 1 (Philips)
  • 1988 - The Garden of Delight Delaunay's Dilemma (EmArcy)
  • 1989 - Vol. 3 Preludes and Fugues Based On the Well Tempered Clavier Book 1 (Philips)

Con Pat Martino

Con Lyle Mays

  • 1986 - Lyle Mays (Geffen)
  • 1988 - Street Dreams (Geffen)
  • 1988 - The Tale of Peter Rabbit, The Tale of Mr. Jeremy Fisher & The Tale of Two Bad Mice (Windham Hill)
  • 1993 - Fictionary (Geffen)
  • 2015 - The Ludwigsburg Concert (Jazzhaus)

Con Wolfgang Muthspiel

  • 1996 - Perspective (Amadeo)
  • 2001 - Real Book Stories (Quinton)
  • 2004 - Air, Love & Vitamins (Quinton)

Con Enrico Pieranunzi

  • 1990 - No Man's Land (Soul Note)
  • 1993 - In That Dawn of Music (Soul Note)
  • 1996 - The Night Gone by (Alfa)
  • 1997 - The Chant of Time (Alfa)
  • 2002 - Jazz Roads (CAM Jazz)
  • 2004 - Les Amants (Egea)
  • 2013 - Live at the Village Vanguard (CAM Jazz)

Con John Scofield

  • 1991 - Meant to Be (Blue Note)
  • 1993 - The John Scofield Quartet Plays Live (Jazz Door)
  • 2000 - Steady Groovin' (Blue Note)

Con Toots Thielemans

  • 1987 - Ne Me Quitte Pas (Milan)
  • 1988 - Only Trust Your Heart (Concord Jazz)
  • 1989 - Do Not Leave Me (Stash)
  • 1992 - The Brasil Project (Private Music)
  • 1993 - The Brasil Project Vol. 2 (Private Music)

Con altri musicisti

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Boccadoro, p. 66.
  2. ^ Polillo, p. 811.
  3. ^ Polillo, p. 813.
  4. ^ a b c (EN) Marc Johnson - Biogrphy, su AllAboutJazz. URL consultato il 22 settembre 2022.
  5. ^ (EN) Anil Prasad, Marc Johnson – Underpinning Genius, su innerviews. URL consultato il 22 settembre 2022.
  6. ^ Carr, p. 398.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Boccadoro, Jazz!, Torino, Einaudi, 2006, ISBN 9788806179113.
  • (EN) Ian Carr, Digby Fairweather, Brian Priestley, Jazz - The Rough Guide, 2ª ed., Londra, Rough Guide Ltd, 2000, ISBN 9781858285283.
  • Arrigo Polillo, Jazz, Milano, Mondadori, 1997 [1975], ISBN 88-04-42733-7.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN49408434 · ISNI (EN0000 0000 8128 1270 · Europeana agent/base/69462 · LCCN (ENno96033696 · GND (DE134418832 · BNF (FRcb13895691t (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no96033696
  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica