Mastro Zacharius o l'orologiaio che aveva perduto l'anima

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mastro Zacharius o l'orologiaio che aveva perduto l'anima
Titolo originale Maître Zacharius ou l'horloger qui avait perdu son âme
Altri titoli Mastro Zaccaria,[1]
Mastro Zaccaria - Leggenda ginevrina,[2]
Mastro Zaccaria ovvero l'anima dell'orologiaio,[1]
Mastro Zaccaria ovvero l'orologiaio che aveva perduto l'anima,[1]
Mastro Zacharius[1]
Autore Jules Verne
1ª ed. originale 1854
1ª ed. italiana 1875[1]
Genere racconto
Lingua originale francese

Mastro Zacharius o l'orologiaio che aveva perduto l'anima (Maître Zacharius ou l'horloger qui avait perdu son âme)[1] è un racconto breve di sapore hoffmanniano, scritto da Jules Verne nel 1854.

La prima edizione italiana, intitolata Mastro Zaccaria ovvero l'orologiaio che aveva perduto l'anima, risale al 1875 nella raccolta Novelle fantastiche pubblicata dai Fratelli Treves.[1] Le successive edizioni italiane dell'opera riportano vari titoli diversi come Mastro Zaccaria,[1]Mastro Zaccaria - Leggenda ginevrina,[2]Mastro Zaccaria ovvero l'anima dell'orologiaio,[1] e Mastro Zacharius.[1]

La trama base è piuttosto semplice: un vecchio orologiaio cede l'anima (e poi la figlia) in cambio dell'immortalità dei propri orologi.

Il sapore di molti dettagli della storia è grottesco, in particolare nella sequenza finale.

Compare qui uno degli elementi verniani ricorrenti dei romanzi più leggeri, la giovane coppia di innamorati, più o meno contrastati come in Una città galleggiante, Le Indie nere, Il raggio verde, Il castello dei Carpazi, Caccia alla meteora.

Edizioni italiane[modifica | modifica sorgente]

  • Mursia, 1967, nel volume "Viaggio al centro della terra; Mastro Zacharius; Il conte di Chanteleine", traduzione di M. Triboni.
  • Una traduzione italiana di questo racconto è stata pubblicata dalla rivista Urania, con il titolo Mastro Zaccaria - Leggenda ginevrina e spezzata in quattro parti sui numeri 511(6/4/1969)[2], 512 (20/4/1969)[3], 513 (4/5/1969)[4] e 514 (18/5/1969).[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j Catalogo SBN. URL consultato il 17-04-2012.
  2. ^ a b c 511 Luna Luna di Miele.
  3. ^ 512 La scacchiera.
  4. ^ 513 Il vampiro del mare.
  5. ^ 514 La sentinella.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura