Maria di Svevia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Maria di Svevia (1200 circa – Lovanio, 29 marzo 1235) è stata una principessa tedesca, degli Hohenstaufen consorte dell'erede del ducato di Brabante.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Secondo gli Annales Marbacenses, Maria era la figlia femmina secondogenita del Duca di Toscana, duca di Svevia e re di Germania, Filippo di Svevia e di Irene Angelo, principessa bizantina[1], figlia, secondo il Ryccardus de Sancti Germano Chronica dell'imperatore Isacco II Angelo[2] e di Irene Tornikaina, figlia di Demetrio Tornisse e della moglie, Malakissa[3].
Filippo di Svevia, della dinastia degli Hohenstaufen, era il sesto figlio maschio del re di Germania e imperatore del Sacro Romano Impero, Federico Barbarossa e della contessa di Borgogna, Beatrice di Borgogna, come ci viene confermato dal Historiens occidentaux II, Historia Rerum in partibus transmarinis gestarum ("L'estoire de Eracles Empereur et la conqueste de la terre d'Outremer"), Continuator, che lo cita come quintogenito ancora in vita[4]; anche gli Annales Stadenses confermano che fu il figlio sestogenito di Beatrice di Borgogna[5], l'unica figlia del conte di Mâcon e conte di Vienne e Conte di Borgogna Rinaldo III, come ci conferma la Continuatio Admuntensis[6] e della moglie (come ci viene confermato dalle Gesta Friderici Imperatoris Ottonis Frisingensis[7]) Agatha di Lorena († dopo il 1148), figlia di Simone I di Lorena, sempre secondo le Gesta Friderici Imperatoris Ottonis Frisingensis[7] e di Adelaide di Lovanio.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sua madre era al suo secondo matrimonio, era stata principessa consorte di Sicilia[8], in quanto moglie di Ruggero III di Sicilia, dal 1192 al 1193).

Maria, prima del 21 agosto 1215[9][10], venne data in sposa a Enrico, come ci viene confermato sia dagli Annales Marbacenses[11], che dalla Genealogia Ducum Brabantiæ Heredum Franciæ[12]; Enrico II di Brabante, secondo la Genealogia Ducum Brabantiæ Heredum Franciæ era il figlio maschio primogenito del duca della Bassa Lorena, conte di Lovanio e primo duca di Brabante, Enrico I e di Matilde di Lorena[13], che era figlia del conte di Boulogne, Matteo di Lorena[13], come conferma la Flandria Generosa (Continuatio Bruxellensis), che precisa che era la figlia femmina secondogenita ed era figlia della contessa di Boulogne, Maria[14], che secondo il cronista e monaco benedettino inglese, Matteo di Parigi, nel suo Matthæi Parisiensis, Monachi Sancti Albani, Chronica Majora, Vol. II era la figlia del re d'Inghilterra, Stefano di Blois [15] e di Matilde di Boulogne; questo matrimonio era frutto di un contratto (fidanzamento) fatto dai genitori di Maria e di Enrico, nel 1207, dopo la nascita di Enrico[16], per rafforzare l'alleanza tra Filippo di Svevia e Enrico I di Brabante, dopo che quest'ultimo aveva cambiato campo, nella guerra civile tra i due re di Germania[17]: Filippo, che era stato incoronato re di Germania (Rex Romanorum) a Magonza, l'8 settembre 1198[18] e Ottone IV di Brunswick, che invece era stato eletto a Colonia il 9 giugno 1198 dai principi guelfi del basso Reno[18], poi incoronato ad Aquisgrana il 12 luglio[18].

Non riuscì a divenire duchessa consorte di Brabante in quanto morì qualche mese prima di suo suocero; Maria morì nel 1235, a Lovanio, dove venne sepolta[12].
Il marito, Enrico II, che, in quello stesso anno, ereditò il ducato dal padre Enrico I, si risposò nel 1241 con Sofia di Turingia[12].

Figli[modifica | modifica wikitesto]

In venti anni di matrimonio, Maria riuscì a dare alla luce sei figli, tra cui l'erede maschio del ducato[19][20]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (LA) Monumenta Germanica Historica, Scriptores, tomus XVI: Annales Marbacenses, anno 1201, pag. 170, righe 27 - 33
  2. ^ (LA) Monumenta Germanica Historica, Scriptores, tomus XIX: Ryccardus de Sancti Germano Chronica, anno 1191, pag. 325, righe 39 - 40
  3. ^ (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy: Imperatori bizantini - ISAAKIOS Angelos
  4. ^ (FR) Historiens occidentaux II, Historia Rerum in partibus transmarinis gestarum Continuator: L'estoire de Eracles Empereur et la conqueste de la terre d'Outremer, chapitre IX, pag. 118, incluse note b e c
  5. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, tomus XVI: Annales Stadenses, anno 1185, pag. 351
  6. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, tomus IX: Continuatio Admuntensis, anno 1156, pag. 582
  7. ^ a b (LA) Monumenta Germaniae Historica, tomus XX: Gesta Friderici Imperatoris Ottonis Frisingensis, par. 2.29, pag. 413
  8. ^ (LA) Monumenta Germanica Historica, Scriptores, tomus XVI: Annales Marbacenses, anno 1201, pag. 170, righe 27 - 29
  9. ^ (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy: Re di Germania - MARIA von Staufen
  10. ^ (EN) #ES Genealogy: Hohenstaufen - Marie
  11. ^ (LA) Monumenta Germanica Historica, Scriptores, tomus XVI: Annales Marbacenses, anno 1201, pag. 170, riga 33, nota 90
  12. ^ a b c d e f g h i (LA) Monumenta Germanica Historica, tomus XXV, Genealogia Ducum Brabantiæ Heredum Franciæ, par. 8, pag 390
  13. ^ a b (LA) Monumenta Germanica Historica, tomus XXV, Genealogia Ducum Brabantiæ Heredum Franciæ, par. 7, pag 390
  14. ^ (LA) Monumenta Germanica Historica, tomus IX, Flandria Generosa (Continuatio Bruxellensis), righe 41 - 44, pag 325
  15. ^ (LA) Matthæi Parisiensis, monachi Sancti Albani, Chronica Majora, Vol. II, De tempore regis Enrici secundi, pag. 216
  16. ^ Austin Lane Poole, Filippo di Svevia e Ottone IV, cap. II, vol. V, pag. 80, nota 1
  17. ^ Austin Lane Poole, Filippo di Svevia e Ottone IV, cap. II, vol. V, pagg. 79 e 80
  18. ^ a b c Austin Lane Poole, Filippo di Svevia e Ottone IV, cap. II, vol. V, pag. 59
  19. ^ (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy: DUKES of BRABANT - MARIA von Staufen (HENRI de Brabant)
  20. ^ (EN) #ES Genealogy: Brabant 3 - Marie von Hohenstaufen (Henri II of Brabant)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura storiografica[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Trophées tant sacrés que profanes du duché de Brabant.
  • Austin Lane Poole, Filippo di Svevia e Ottone IV, cap. II, vol. V (Il trionfo del papato elo sviluppo comunale) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 54-93.
  • Austin Lane Poole, La Germania sotto il regno di Federico II, cap. III, vol. V (Il trionfo del papato elo sviluppo comunale) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 94-127.
  • E.F. Jacob, Inghilterra: Enrico III, cap. V, vol. VI (Declino dell'impero e del papato e sviluppo degli stati nazionali) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 198-234.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]