Manuela Moreno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Manuela Moreno

Manuela Moreno (Roma, 11 luglio 1966) è una giornalista italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver iniziato a lavorare in varie emittenti televisive locali, viene assunta in Rai nel 1992. Ha fatto parte della redazione del TG1, curando rubriche e collegamenti in diretta dell'edizione del mattino e le rubriche Italia sera e Prima di tutto.

Nel 2002 è passata poi al TG2, lavorando prima alla redazione Cultura e spettacolo e poi alla redazione esteri. Ha condotto l'edizione mattutina del telegiornale e le rubriche Costume e Società, TG2 Salute e TG2 Puntoit, per poi passare alla conduzione dell'edizione delle 13 e, successivamente, delle 20:30.

Come inviata ha coperto numerosi avvenimenti, come gli attentati alla maratona di Boston del 2013, quelli alla sede di Charlie Hebdo e al Bataclan del 2015, all'aeroporto di Bruxelles e al mercatino di Natale di Berlino del 2016 e l'attentato terroristico di London Bridge del 2017, il terremoto in Nepal nel 2015 e la Guerra del Donbass. È stata inoltre inviata nella cosiddetta "giungla di Calais", nel campo di accoglienza profughi di Lesbo e sull'isola di Lampedusa per raccontare la situazione dei migranti e dei profughi, così come a Buenos Aires in occasione dell'elezione di papa Francesco e ha curato gli speciali del TG2 in diretta sul tentato golpe in Turchia avvenuto nel 2016, gli attentati di Dacca e di Nizza del 2016 e di Istanbul del 2017 e il terremoto del Centro Italia del 2016.

Nel 2013 è diventata corrispondente dagli Stati Uniti d'America: qui ha seguito l'elezione di Bill de Blasio a sindaco di New York, la visita di Stato dell'allora Presidente del Consiglio Enrico Letta negli USA e successivamente l'intera campagna elettorale di Donald Trump, fino alla sua elezione a Presidente.[1] Ha inoltre realizzato vari servizi sulle condizioni dei migranti, recandosi ai confini con Canada e Messico, e ha seguito la storia di Chico Forti, imprenditore trentino condannato all'ergastolo per omicidio.[2][3]

Nel 2006, ha partecipato come concorrente alla prima edizione del reality show Notti sul ghiaccio, in coppia con il nazionale di pattinaggio Fabrizio Pedrazzini.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Filmato audio Manuela Moreno, House of Trump, Rai, 15 gennaio 2017. URL consultato il 19 febbraio 2018.
  2. ^ Filmato audio Manuela Moreno, Il caso di Chico Forti, Rai, 20 ottobre 2013. URL consultato il 19 febbraio 2018.
  3. ^ Marco Pontoni, Chico Forti, un caso giudiziario tra Italia e America, su La Voce di New York, 19 maggio 2014. URL consultato il 19 febbraio 2018.
  4. ^ Notti sul ghiaccio: pattinaggio artistico in tivù, in la Provincia Pavese, 20 aprile 2006. URL consultato il 10 febbraio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]