TG2 Post

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
TG2 Post
PaeseItalia
Anno2019 – in produzione
Generetalk show, rotocalco
Edizioni3
Durata20 minuti
Lingua originaleitaliano
Crediti
ConduttoreManuela Moreno
IdeatoreGennaro Sangiuliano
Carlo Freccero
RegiaVittorio Iannilli
Anna Rita Lattanzi
Laura Voce
Silvia Belluscio
Massimo Morelli
Aiuto regiaGiada Patriarca
MontaggioAntonio Silvestri
ScenografiaFlaminia Suri
FotografiaFausto Carboni
Rete televisivaRai 2

TG2 Post è un programma televisivo di approfondimento giornalistico in onda su Rai 2 dal 18 febbraio 2019 subito dopo il TG2.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il programma viene ideato nel 2019 dal direttore del TG2 Gennaro Sangiuliano e dal direttore di Rai 2 Carlo Freccero per dotare la rete di un programma d'approfondimento dopo l'edizione serale del telegiornale. È iniziato il 18 febbraio 2019 e va in onda subito dopo il TG2 delle 20:30 per venti minuti, dal lunedì al venerdì.[1]

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Edizione Periodo Conduzione
Inizio Fine
18 febbraio 2019 27 giugno 2019 Francesca Romana Elisei
Estate 1º luglio 2019 1 novembre 2019 Maria Antonietta Spadorcia
4 novembre 2019 10 luglio 2020 Manuela Moreno
Estate 13 luglio 2020 28 agosto 2020 Luca Salerno
31 agosto 2020 21 luglio 2021 Manuela Moreno
Estate 22 luglio 2021 3 settembre 2021 Luca Moriconi
6 settembre 2021 Manuela Moreno

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Il programma per diversi mesi è stato accusato da differenti opinionisti e giornalisti di non essere imparziale e di fare propaganda a favore del Governo Conte I. Accusa simile è stata rivolta ai programmi Povera patria e Popolo sovrano, anch’essi in onda su Rai 2.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Meteo Expert, Tg2 Post, nasce un nuovo format su Rai 2, su Icona News, 15 febbraio 2019. URL consultato il 10 marzo 2020.
  2. ^ Cosa sta succedendo al TG2, su Il Post, 31 gennaio 2020. URL consultato il 10 marzo 2020.
Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione