Lous and the Yakuza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lous and the Yakuza
Lous and The Yakuza Victoires 2021.jpg
Lous and the Yakuza alla cerimonia dei Victoires de la musique nel 2021
NazionalitàRD del Congo RD del Congo
Belgio Belgio
GenereContemporary R&B[1]
Trap[1]
Periodo di attività musicale2015 – in attività
EtichettaColumbia Records
Album pubblicati1
Studio1
Sito ufficiale

Lous and the Yakuza, pseudonimo di Marie-Pierra Kakoma (Lubumbashi, 27 maggio 1996), è una cantautrice e modella della Repubblica Democratica del Congo naturalizzata belga.[2][3]

Il suo nome d'arte deriva dalla combinazione tra l'anagramma della parola soul, che in inglese significa anima, e Yakuza, nota organizzazione criminale giapponese.[4]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Lubumbashi, nella Repubblica Democratica del Congo, da genitori medici: il padre era un ginecologo, mentre la madre era una pediatra. Quest'ultima, a causa della sua etnia ruandese, è stata in prigione per due mesi nel 1998 durante la seconda guerra del Congo. Dopo la scarcerazione, la famiglia Kakoma si trasferisce a Bruxelles prima nel 2000 e poi, dopo un breve ritorno nel Ruanda, nel 2011 in maniera definitiva.[5]

Nel 2014, al compimento della maggiore età, ottiene la cittadinanza belga.[6]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

La sua carriera inizia nel 2015 quando viene scoperta dal suo manager Miguel Fernandez tramite alcune canzoni pubblicate su internet. Due anni dopo, grazie alla popolarità ottenuta soprattutto nella scena underground belga, firma un contratto con la Columbia Records.[7] Il 15 giugno 2018 collabora, insieme al duo di musica elettronica BSSMNT, al brano Le redicule ne tue pas.[8]

Tra settembre 2019 e marzo 2020 pubblica tre singoli: Dilemme, Tout est gore e Solo. Il 2 aprile, insieme a Tha Supreme e Mara Sattei, realizza il remix di Dilemme; tale collaborazione le permette di raggiungere la terza posizione della classifica dei singoli italiana e successivamente ottenere la certificazione di platino per la suddetta canzone.[9] Il 16 ottobre seguente viene pubblicato il suo primo album in studio intitolato Gore e composto da dieci tracce.[10]

Alla fine del 2020 pubblica il singolo Amigo, il 16 gennaio 2021 ne realizza un remix, dal titolo Amigo Remix, in collaborazione con Joey Badass.[11]

Il 26 febbraio 2021 pubblica il singolo Je ne sais pas in collaborazione con il rapper italiano Sfera Ebbasta.[12] Sei giorni dopo, il 4 marzo, partecipa come ospite al Festival di Sanremo, eseguendo il brano Mi sono innamorato di te di Luigi Tenco insieme alla cantante Gaia nella serata dedicata ai duetti in collegamento da Bruxelles.[13]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • 2018 – Le ridicule ne tue pas – BSSMNT feat. Lous and The Yakuza

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Lous and the Yakuza, su AllMusic, All Media Network.
  2. ^ (EN) Maxine Wally, Lous and the Yakuza Is a 'Child of the World' on Her Debut Album 'Gore', su wmagazine.com, W. URL consultato il 23 ottobre 2020.
  3. ^ Claudio Cabona, Lous and The Yakuza, una stella urban tra ritmi moderni e tribali, su rockol.it, Rockol. URL consultato il 16 ottobre 2020.
  4. ^ (FR) Emmanuel Poncet, Lous and The Yakuza... dans la lumière, su lexpress.fr, L'Express. URL consultato il 19 maggio 2020.
  5. ^ (EN) Tara Joshi, The majesty and tragedy of Lous and The Yakuza’s music, su dazeddigital.com, Dazed. URL consultato il 22 aprile 2020.
  6. ^ (FR) Afp, Lous and the Yakuza, sabre au clair sur le r'n'b, su la-croix.com, La Croix. URL consultato l'8 dicembre 2019.
  7. ^ (FR) Jek, Lous & the Yakuza, su rtbf.be, Tip!k. URL consultato il 10 dicembre 2019.
  8. ^ Le redicule ne tu pas, su music.apple.com, Apple Music. URL consultato il 15 giugno 2018.
  9. ^ Alessia Bisini, Lous And The Yakuza: è uscito “Dilemme (Remix)” feat. tha Supreme e Mara Sattei, su insidemusic.it, Inside Music. URL consultato il 2 aprile 2020.
  10. ^ Claudio Cabona, Lous And The Yakuza ha tante anime, proprio come la sua musica, su rockol.it, Rockol. URL consultato il 24 ottobre 2020.
  11. ^ Lous and The Yakuza and Joey Bada$$ Go All-In on “Amigo” Remix / Ones To Watch, su Ones To Watch. URL consultato il 26 marzo 2021.
  12. ^ Lous and the Yakuza e Sfera Ebbasta, in arrivo il singolo "Je Ne Sais Pas", su tg24.sky.it, Sky Tg24. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  13. ^ Alessia Andreon, “MI SONO INNAMORATO DI TE”: il duetto di Gaia con Lous and the Yakuza, su insidemusic.it, Inside Music. URL consultato il 21 febbraio 2021.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]