Lorenzo Pucci (cardinale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lorenzo Pucci
cardinale di Santa Romana Chiesa
Scuola fiorentina del 1480-1510 ca, medaglia di lorenzo pucci (bronzo dorato).JPG
Medaglia di Lorenzo Pucci, 1480-1510 circa
Coat of arms of Lorenzo Pucci.svg
Nato 18 agosto 1458
Consacrato vescovo 13 dicembre 1513
Creato cardinale 23 settembre 1513 da papa Leone X
Deceduto 16 settembre 1531

Lorenzo Pucci (18 agosto 145816 settembre 1531) è stato un cardinale e vescovo cattolico italiano, originario della famiglia fiorentina dei Pucci.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Professore allo Studio di Pisa, il 15 febbraio 1509 fu nominato vescovo coadiutore di Pistoia. Succedette alla medesima sede il 17 settembre 1518.

Papa Leone X lo nominò cardinale nel concistoro del 23 settembre 1513 con il titolo di Cardinale presbitero dei Santi Quattro Coronati e lo scelse come suo segretario personale. In questa veste compì numerose ambascerie, soprattutto a Firenze, dove il papa voleva che il gonfaloniere a vita Piero Soderini si ritirasse dall'incarico. Nello stesso anno ricevette la commenda come abate dell'Abbazia di Notre-Dame-en-Saint-Melaine, carica che mantenne per poco più di un anno. Tra il 1518 e il 1519 fu Camerlengo del Sacro Collegio.

Il 10 agosto 1521 Leone X lo nominò Commendatore del Monastero di San Giovanni in Fiore. Dopo il rovinoso conflitto contro Carlo V, il Sacco di Roma e la prigionia del Papa, e sopo la successiva riappacificazione tra Papa e Imperatore, Lorenzo Pucci fu tra quelli che più spinsero ad accelerare l'impresa della riconquista di Firenze dai ribelli repubblicani.

Accusato di appropriazione indebita e peculato, fu rimproverato aver aver dato a Martin Lutero l'opportunità di portare avanti le accuse di venalità contro la corte pontificia, in particolare contro le indulgenze, delle quali egli aveva fatto un commercio scandaloso. Il suo comportamento lo rese odioso ai colleghi. Il cardinale Giulio de'Medici allontanò da lui queste accuse con la sua stima e, divenuto papa con il nome di Clemente VII, lo riportò alla reputazione iniziale.[1]

Il cenotafio di Lorenzo Pucci nella Cappella di San Sebastiano nella basilica della Santissima Annunziata a Firenze

Morì il 16 settembre 1531, poco dopo l'assedio di Firenze che aveva reinstaurato, definitivamente, i Medici a Firenze. La sua salma è inumata nella basilica di Santa Maria sopra Minerva a Roma.

Il nipote Antonio e il fratello Roberto furono pure cardinali.

Incarichi episcopali[modifica | modifica wikitesto]

Lorenzo Pucci fu amministratore apostolico di quattro diocesi: Vannes, Melfi, Amalfi e Vallo della Lucania. Fu poi cardinale-vescovo di Albano e successivamente di Palestrina.

Conclavi[modifica | modifica wikitesto]

Durante il suo cardinalato, Lorenzo Pucci partecipò ai conclavi:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Salvador Miranda, Lorenzo Pucci, su fiu.edu – The Cardinals of the Holy Roman Church, Florida International University.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Successioni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN37813554 · ISNI (EN0000 0000 1636 8433 · GND (DE122966945