Lorenzo Ornaghi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lorenzo Ornaghi
Lorenzo Ornaghi.jpg

Ministro dei beni e delle attività culturali
Durata mandato 16 novembre 2011 –
28 aprile 2013
Presidente Mario Monti
Predecessore Giancarlo Galan
Successore Massimo Bray

Dati generali
Partito politico Indipendente
Università Università Cattolica del Sacro Cuore

Lorenzo Ornaghi (Villasanta, 25 ottobre 1948) è un politologo, accademico e rettore italiano.

Dal 1º novembre 2002 al 12 dicembre 2012 è stato rettore dell'Università Cattolica di Milano, quando è stato sostituito da Franco Anelli. Ha ricoperto la carica di Ministro dei beni e delle attività culturali del governo Monti (16 novembre 2011-28 aprile 2013).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ornaghi si è laureato con lode in Scienze politiche nel 1972 all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e vi ha lavorato come ricercatore fino al 1987, quando è diventato professore associato presso l'Università di Teramo. Nel 1990 è ritornato alla Cattolica di Milano diventando titolare della cattedra di Scienza politica nella facoltà di Scienze politiche - già del suo "maestro" Gianfranco Miglio - e di Storia delle dottrine politiche. Dopo essere stato prorettore con incarico alle relazioni internazionali durante il rettorato di Sergio Zaninelli, dal novembre 2002 è rettore dell'Università Cattolica. Nel 2006 è stato rieletto per un secondo mandato quadriennale e nel 2010 è stato riconfermato. Si dimette il 17 settembre 2012.[1]

È autore di numerosi volumi e saggi pubblicati su riviste italiane e internazionali, negli ultimi anni, oltre che alle indagini sul sistema politico e sulle élite dell'Italia, si è dedicato allo studio dell'integrazione politico-istituzionale dell'Europa e al tema della Costituzione europea.

Ornaghi riveste o ha rivestito anche diversi incarichi di prestigio in enti pubblici e privati:

Nel 2006 ha ricevuto l'Ambrogino d'oro dal comune di Milano.

Ministro nel governo Monti[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 novembre 2011 è stato nominato Ministro dei beni e delle attività culturali del governo Monti.[4] Il 24 maggio 2012 minaccia le dimissioni dall'incarico in polemica con la decisione di localizzare nei pressi di Villa Adriana a Tivoli una discarica di rifiuti.[5] Per lo stesso motivo presenta le proprie dimissioni Andrea Carandini, Presidente del Consiglio Superiore dei Beni Culturali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ignazio Ingrao, Ornaghi dà l'addio alla Cattolica, in Panorama.it. URL consultato il 17 settembre 2012.
  2. ^ a b c d e Sito del Ministero dei beni e delle attività culturali. Il Ministro. Biografia, su beniculturali.it. URL consultato il 30 maggio 2012.
  3. ^ Sito Fondazione Vittorino Colombo. Comitato Direttivo, su fondazionecolombo.org. URL consultato il 30 maggio 2012.
  4. ^ Le Novae - Ecco il governo Monti
  5. ^ Ultime Notizie Online | Agenzia Giornalistica Italia | AGI

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Ministro, Ministero dei beni e delle attività culturali. URL consultato il 25-11-2011.
Predecessore Magnifico Rettore dell'Università Cattolica del Sacro Cuore Successore Stemma UCSC.png
Sergio Zaninelli 1º novembre 2002 - 12 dicembre 2012 Franco Anelli
Predecessore Ministro dei beni e delle attività culturali Successore MiBAC.jpg
Giancarlo Galan 16 novembre 2011 - 28 aprile 2013 Massimo Bray
Controllo di autoritàVIAF: (EN31834 · ISNI: (EN0000 0001 0860 9281 · SBN: IT\ICCU\CFIV\048602 · LCCN: (ENn84219185 · GND: (DE1059824620 · BNF: (FRcb12058641n (data)