Lingue finniche del Volga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lingue finniche del Volga
Parlato inFederazione Russa
Tassonomia
FilogenesiLingue uraliche
 Lingue ugrofinniche
  Lingue finnopermiche
   Lingue finnovolgaiche

Le lingue finniche del Volga, definite anche volgaiche,[1][2] sono un sottogruppo delle lingue uraliche, le lingue dei finnici del Volga. Il gruppo include la lingua mari (anteriormente Cheremis) e le lingue mordvine, le quali comprendono rispettivamente la mokša e la erza.[3] Le lingue estinte (che si ipotizza siano state finniche-volgaiche) includono le lingue merya, mescera e muroma.

La volgaica, insieme alla lingua balto-finnica e alle lingue sami forma il gruppo delle lingue finno-volgaiche del ramo finno-permico le quali si pensa che si siano separate dalle lingue permiche intorno al III millennio a.C.[4]

Si suppone che la volgaica stessa si sia differenziata in varie diramazioni intorno al 1200 a.C.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mario Alinei, Origini delle lingue d'Europa: Continuità dal Mesolitico all'età del Ferro nelle principali aree etnolinguistich, vol. 2, Il Mulino, 2000, ISBN 88-15-07386-8.
  2. ^ Péter Hajdú, Introduzione alle lingue uraliche, Rosenberg & Sellier, 1992, ISBN 88-7011-521-6.
  3. ^ (EN) La famiglia della lingua uralica: fatti, miti e statistica; di Angela Marcantonio; p57; ISBN 0-631-23170-6
  4. ^ (EN) Le repubbliche ugro-finniche e lo stato russo, di Rein Taagepera; p. 33; ISBN 0-415-91977-0
  5. ^ Enciclopedia Britannica s.v. "finnici del Volga".
  Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica