Linea di successione al trono del Brasile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lo stemma della monarchia brasiliana.

La linea di successione al trono del Brasile (Linha de sucessão ao trono brasileiro) segue il criterio della primogenitura maschile. La monarchia in Brasile terminò nel 1889 a seguito di un colpo di stato militare contro l'Imperatore Pietro II e la proclamazione della repubblica. Nel 1993 in Brasile si organizzò un referendum per restaurare la monarchia, ma la maggior parte dei votanti votò in favore della repubblica, mentre la causa monarchica non ebbe successo, ricevendo il 13,2% dei voti.

Attualmente esiste una controversia circa l'attribuzione del titolo di capo della casa fra il principe Luigi d'Orléans-Braganza ed il principe Pietro Gastone d'Orléans-Braganza. Oggi il capo della Casa Imperiale è sotto una disputa tra i due pretendenti.

Successione al trono[modifica | modifica wikitesto]

La controversia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1908 il figlio di Isabella, Pietro d'Orléans-Braganza sposò Elisabetta Dobrzensky de Dobrzenicz. Isabella dichiarò che il matrimonio non sarebbe stato valido per la successione brasiliana, e, di conseguenza, egli rinunciò ai suoi diritti al trono del Brasile il 30 ottobre 1908[1]. Così alla morte di Isabella nel 1921 le succedette il nipote Pietro Enrico d'Orléans-Braganza.

Nel 1981 Luigi d'Orleans-Braganza succedette al padre, principe Pietro Enrico come pretendente al trono imperiale del Brasile, da parte del ramo Vassouras. Secondo le preteste legittimiste monarchiche, egli sarebbe de jure Imperatore del Brasile con il nome di Luigi I. Il titolo è disputato dal principe Pietro Gastone d'Orléans-Braganza.

Luís d'Orléans-Braganza[modifica | modifica wikitesto]

Il Principe Gastone Luigi d'Orleans-Braganza, nato nel 1938, è discendente di Isabella del Brasile ed è considerato Capo della Famiglia Imperiale Brasiliana ed è considerato inoltre Pretendente al trono del Brasile. Alcuni brasiliani gli danno il nome di futuro Imperatore del Brasile.

La linea di successione a Gastone Luigi d'Orléans-Braganza è attualmente:

  1. Sua altezza imperiale e reale il principe Bertrando d'Orleans-Braganza, nato nel 1941.
  2. Sua altezza imperiale e reale il principe Antonio Giovanni d'Orléans-Braganza, nato nel 1950.
  3. Sua altezza imperiale e reale il principe Raffaele d'Orléans-Braganza, nato nel 1986.
  4. Sua altezza imperiale e reale la principessa Maria Gabriella d'Orléans-Braganza, nata nel 1989.
  5. Sua altezza imperiale e reale la principessa Isabella Maria d'Orléans-Braganza, nata nel 1944.

Le altre case reali riconoscono Gastone Luigi come legittimo pretendente.

Pietro Carlo d'Orléans-Braganza[modifica | modifica wikitesto]

Il principe Pietro Carlo d'Orléans-Braganza, nato nel 1945, è discendente di Isabella del Brasile attraverso suo figlio Pietro d'Alcantara d'Orléans-Braganza. Nel 1908 Pietro d'Alcantara d'Orléans-Braganza volle sposare la contessa Elisabetta Dobrzensky de Dobrzenicz, una donna non sufficientemente nobile, violando così le leggi dinastiche della sua casa. Pietro, pertanto, per sposarla dovette rinunciare ai propri diritti di successione ed al titolo di erede al trono. Il principe Pietro d'Alcantara non ha mai contestato la validità della sua rinuncia.

Nonostante ciò, dopo la sua morte, suo figlio primogenito Pietro Gastone ha respinto la rinuncia fatta da suo padre e si è autoproclamato pretendente al trono. Con la morte del principe Pietro Gastone, nel 2007, suo figlio il principe Pietro Carlo è ora considerato capo della famiglia imperiale da chi riconosce come valida la loro pretesa.

La linea di successione a Pietro Carlo d'Orléans-Braganza è attualmente:

  1. Sua altezza imperiale e reale il principe Pietro Giacomo d'Orléans-Braganza, nato nel 1979.
  2. Sua altezza imperiale e reale il principe Filippo Rodrigo d'Orléans-Braganza, nato nel 1982.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ BARMAN, Roderick J., Princesa Isabel do Brasil: gênero e poder no século XIX, UNESP, 2005

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]