Laura Allegrini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Laura Allegrini
Laura Allegrini datisenato 2008.jpg

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XV, XVI
Gruppo
parlamentare
XV:
- Alleanza Nazionale

XVI:
- Il Popolo della Libertà

Circoscrizione Lazio
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico MSI (Fino al 1995)
AN (1995-2009)
PdL (2009-2013)
NCD (2013-2015)
AzN (2015-2017)
MNS (2017-2018)
FdI (Dal 2018)
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Università Università degli Studi di Roma La Sapienza
Professione Imprenditrice

Laura Allegrini (Viterbo, 23 luglio 1960) è una politica italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Vive a Gradoli (Viterbo); si è laureata in Giurisprudenza presso l'Università La Sapienza di Roma, è imprenditrice nel settore agroalimentare.[1]

Dal 1995 al 2001 è stata Presidente della scuola musicale comunale di Viterbo.[2]

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Esponente del Movimento Sociale Italiano, alle elezioni regionali nel Lazio del 1995 è candidata in Consiglio regionale con Alleanza Nazionale in provincia di Viterbo, risultando la prima dei non eletti; ciononostante diviene Consigliere l'anno successivo, subentrando a Michele Bonatesta, eletto senatore.[3]

Alle successive regionali del 2000 viene rieletta Consigliere regionale, con quasi 9.000 preferenze.[4] È stata presidente della Commissione consiliare permanente Agricoltura, caccia e pesca, produzione agroalimentare, nonché Vicepresidente della Commissione consiliare per la condizione giovanile, innovazione e riforma della burocrazia.

Ricandidata anche alle regionali del 2005, nonostante le quasi 11.000 preferenze personali non è rieletta, in quanto non scatta il seggio di Alleanza Nazionale in provincia di Viterbo.[5]

Dal 2005 al 2006 è stata Consigliere ministeriale del Ministro della Salute Francesco Storace.[6]

Alle elezioni politiche del 2006 viene eletta al Senato della Repubblica, nelle liste di Alleanza Nazionale nella circoscrizione Lazio.[7]

Alle elezioni politiche del 2008 viene rieletta senatrice, nelle liste del Popolo della Libertà.[8]

Ricandidata in Senato anche alle elezioni politiche del 2013 con il Popolo della Libertà, non è rieletta.[9]

Il 16 novembre 2013, con la sospensione delle attività del Popolo della Libertà, aderisce al Nuovo Centrodestra,[10] partito che abbandonerà ad ottobre 2015.[11]

A novembre 2015 aderisce ad Azione Nazionale,[12][13] il movimento politico di Gianni Alemanno che nel 2017 confluirà nel Movimento Nazionale per la Sovranità.[14]

A gennaio 2018 lascia il Movimento Nazionale per la Sovranità per aderire a Fratelli d'Italia,[15] con cui è candidata al Senato, alle elezioni del 2018,[16] nella circoscrizione Lazio, ma non venendo eletta.[17]

Alle elezioni amministrative a Viterbo del 2018 viene eletta Consigliere comunale con Fratelli d'Italia;[18] il 4 luglio successivo diviene Assessore ai lavori pubblici del comune di Viterbo nella nuova giunta di Giovanni Arena.[19][20]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Laura Allegrini, su Fratelli d'Italia Viterbo. URL consultato il 1º marzo 2019.
  2. ^ lafuneviterbo, Laura Allegrini candidata con Fratelli d’Italia al Senato, su La Fune | news da Viterbo, 30 gennaio 2018. URL consultato il 1º marzo 2019.
  3. ^ Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali, su elezionistorico.interno.gov.it. URL consultato il 1º marzo 2019.
  4. ^ Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali, su elezionistorico.interno.gov.it. URL consultato il 1º marzo 2019.
  5. ^ Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali, su elezionistorico.interno.gov.it. URL consultato il 1º marzo 2019.
  6. ^ Viterbo Laura Allegrini consigliere del ministro Storace, su guide.supereva.it. URL consultato il 1º marzo 2019.
  7. ^ Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali, su elezionistorico.interno.gov.it. URL consultato il 1º marzo 2019.
  8. ^ Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali, su elezionistorico.interno.gov.it. URL consultato il 1º marzo 2019.
  9. ^ Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali, su elezionistorico.interno.gov.it. URL consultato il 1º marzo 2019.
  10. ^ Laura Allegrini (NCD) avvio entusiasmante del Nuovo Centro Destra, su ilrigattiereoggi.it. URL consultato il 1º marzo 2019.
  11. ^ Laura Allegrini fuori dal Nuovo centro destra, su Tusciaweb.eu, 20 ottobre 2015. URL consultato il 1º marzo 2019.
  12. ^ Laura Allegrini in campo con Azione Nazionale: “Un luogo di dialogo per ritrovare la Destra”, su Quinta Epoca. URL consultato il 1º marzo 2019.
  13. ^ Rinasce An, si chiama Azione Nazionale, su www.liberoquotidiano.it. URL consultato il 1º marzo 2019.
  14. ^ Laura Allegrini tra i fondatori del Movimento per la sovranità, su Tusciaweb.eu, 21 febbraio 2017. URL consultato il 1º marzo 2019.
  15. ^ Laura Allegrini, su Fratelli d'Italia Viterbo. URL consultato il 1º marzo 2019.
  16. ^ I candidati del Viterbese per il consiglio regionale, la Camera dei deputati e il Senato, su www.ilmessaggero.it. URL consultato il 1º marzo 2019.
  17. ^ Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali, su elezionistorico.interno.gov.it. URL consultato il 1º marzo 2019.
  18. ^ Elezioni Comunali di Viterbo 2018: tutti i voti dei candidati lista per lista |, su newtuscia.it, 11 giugno 2018. URL consultato il 1º marzo 2019.
  19. ^ Palazzo dei Priori: si chiude, la giunta parte a nove, Laura Allegrini alla cultura tra le sorprese, su Citta Paese, 2 luglio 2018. URL consultato il 1º marzo 2019.
  20. ^ comune.viterbo.it, https://www.comune.viterbo.it/viterbo/index.php/allegrini-laura?server=1.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]