La sfida del samurai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La sfida del samurai
La sfida del samurai.png
Il duello finale nel film
Titolo originale 用心棒, Yōjinbō
Paese di produzione Giappone
Anno 1961
Durata 110 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere azione, thriller, drammatico
Regia Akira Kurosawa
Soggetto Akira Kurosawa, Ryuzo Kikushima
Sceneggiatura Akira Kurosawa, Ryuzo Kikushima
Fotografia Kazuo Miyagawa
Montaggio Akira Kurosawa
Musiche Masaru Satô
Scenografia Yoshirô Muraki
Interpreti e personaggi

La sfida del samurai (用心棒 Yōjinbō?, lett. "La guardia del corpo") è un film del regista giapponese Akira Kurosawa del 1961; il titolo originale Yōjinbō significa letteralmente "guardia del corpo".

La distribuzione occidentale, in particolar modo in Italia, è divenuta famosa per la disputa legale per plagio avvenuta tra Toho Company e Sergio Leone riguardo la realizzazione di Per un pugno di dollari (1964), film che rilanciò con successo l'esautorato genere spaghetti-western e che fu trampolino di lancio per la carriera di Clint Eastwood.[1]

Nel 1996 venne girato Ancora vivo, un gangster movie diretto da Walter Hill, che fu un remake ufficiale del film di Kurosawa.

Nel 2008 La sfida del samurai è stato inserito al 95º posto nella classifica dei 500 più grandi film di tutti i tempi pubblicata da Empire[2].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un ronin senza nome arriva in una piccola cittadina stranamente silenziosa e senza vita. Alloggiatosi nella locanda, viene a sapere dall'oste che in città, dove regnano l'omertà e corruzione più sfrenate, è da tempo in corso una guerra logorante tra due potenti yakuza, Seibei e Ushitora, e decide di fare qualcosa per mettere fine a questa situazione di caos; tuttavia, sapendo di non potere niente contro gli eserciti di tagliagole e mercenari che Seibei e Ushitora hanno raccolto attorno a sé, capisce che la cosa migliore da fare è spingere i due capi a uno scontro diretto che li finisca entrambi.

Come prima cosa mette in mostra le proprie abilità uccidendo senza problemi tre uomini di Ushitora, quindi si offre come guardia di Seibei per la considerevole cifra di cinquanta ryou, ma un attimo prima della battaglia, sapendo anche che Seibei e la sua malevola moglie Orin intendono ucciderlo a cose fatte per non doverlo pagare, si tira indietro. Purtroppo, contro i suoi piani, subito prima che i due eserciti arrivino allo scontro si sparge la notizia che l'ispettore dello shogun sta arrivando in città, cosa che costringe inevitabilmente le due parti a dichiarare una tregua e a riportare il villaggio ad una parvente condizione di serenità.

L'ispettore si intrattiene per diversi giorni, con grande dispiacere del bottaio vicino dell'oste, che negli ultimi tempi si era arricchito sfruttando la guerra in corso tra i due clan, e nel frattempo Saibei e Ushitora fanno a gara per cercare di accaparrarsi i servizi del samurai senza nome, presentatosi come Sanjuro. Per tentare di portare Sanjuro dalla sua parte Ushitora gli rivela che il conflitto è prossimo a ricominciare; infatti, ha fatto uccidere il capo di un villaggio vicino, cosa che costringerà l'ispettore a ripartire.

Come predetto da Ushitora l'amministratore parte il giorno dopo e il conflitto ricomincia. Sanjuro è convinto che questo costituirà la spallata finale per il dominio dei due capi sul villaggio, ma dopo poco tempo il bottaio rivela che Saibei e Ushitora, su consiglio del fratello minore di quest'ultimo Unosuke (interpretato dall'altro attore simbolo del cinema di Kurosawa, Tatsuya Nakadai), stanno tentando una riappacificazione. Sanjuro però è preoccupato, perché sa che la pace serve solo a preparare una guerra più grande, e cerca di trovare il modo per mandare a monte i piani dei due capi.

Cattura quindi due uomini di Ushitora, Hachi e Kuma, che ubriachi avevano rivelato di essere gli assassini del capo del vicino villaggio, quindi li consegna a Saibei perché li consegni alla polizia, decretando la fine del suo nemico. Subito dopo si reca da Ushitora, a cui dice che i due ora sono in mano a Saibei, convinto che questo costituirà il pretesto ideale per ricominciare la guerra. Invece interviene nuovamente Unosuke, che assieme al terzo fratello, lo stupido e violento Inokichi, rapisce Yuchiro, il figlio dell'avversario, per costringere Saibei ad uno scambio di prigionieri.

Al momento dello scambio però Unosuke uccide i suoi due sicari e trattiene Yuchiro, pretendendo come condizione per il rilascio la resa di Saibei; Saibei però, che si aspettava una mossa del genere rivela di aver rapito Nui, la moglie di Tokuemon, il ricco commerciante di saké e seta amico di Ushitora.

Viene organizzato quindi un nuovo scambio, e una volta riavuta la donna Ushitora, temendo una contromossa di Saibei, la chiude in una casa protetta, guardata a vista da sei dei suoi uomini. Sanjuro a questo punto finge di mettersi al suo servizio, e recatosi con una scusa nella casa dove è rinchiusa Nui riesce con un trucco ad uccidere le guardie e a far scappare la donna con il figlio e il vero marito (che poco tempo prima era stato costretto a venderla a Tokuemon per ripagare un debito) facendo credere però che sia tutta opera di Saibei.

Ushitora, per vendetta, appicca il fuoco alla casa di Tazaemon, il capo villaggio alleato di Saibei, che risponde devastando la distilleria di Tokuemon. Si arriva quindi allo scontro aperto, con decine di morti.

Purtroppo, le macchinazioni di Sanjuro giungono presto alla fine; Unosuke scopre infatti il suo doppiogioco. Catturato, Sanjuro viene torturato perché riveli cosa ne è stato di Nui, ma riesce a fuggire e a lasciare il paese con uno stratagemma e la collaborazione dell'oste e del bottaio, nascondendosi in un capanno nei pressi del cimitero. Mentre Sanjuro è convalescente, Ushitora sconfigge Saibei, sterminando tutta la sua famiglia, quindi, scoperta la complicità dell'oste con Sanjuro, lo fa catturare perché riveli dove si trovi il samurai.

Informato dal bottaio, Sanjuro torna al villaggio e fa strage di Ushitora e di tutti i suoi seguaci all'infuori di uno, il figlio di un contadino che all'inizio del film si era unito a Ushitora inseguendo un miraggio di ricchezza e che rimanda a casa rammentandogli di come sia molto meglio vivere a lungo anche se poveri.

Con la morte dei due capi la pace nel villaggio è ristabilita, e mentre la comunità torna alla vita Sanjuro riprende il suo viaggio in cerca di nuove sfide.

La questione legale[modifica | modifica wikitesto]

Quando Sergio Leone realizzò Per un pugno di dollari (film di genere, all'epoca dal budget decisamente povero), non prevedendo affatto il successo planetario, non impose ai suoi produttori una richiesta dei diritti alla Toho Studios e ad Akira Kurosawa. Si aprì quindi una disputa legale che ritardò l'uscita del film di Leone negli Stati Uniti di circa tre anni.

La causa legale si concluse con la vittoria di Kurosawa che acquisì i diritti per la distribuzione nel continente asiatico e una percentuale sui guadagni di Leone.

Tuttavia, il regista italiano, seppur conscio di aver introdotto nel cinema un suo personalissimo stile di regia, non ammetterà mai a pieno i plagi alla sceneggiatura scritta da Kurosawa. Lo stesso Fernando di Leo, che lavorò con Leone alla sceneggiatura, avanzerà per difesa ipotesi sulle ispirazioni stesse di Kurosawa al cinema e alla cultura occidentale.

Il primo riferimento fu dato, in realtà, dallo stesso Kurosawa che ammise l'influenza da un classico film noir, La chiave di vetro di Stuart Heisler, tratto dall'omonimo romanzo di Dashiell Hammett. Allo stesso scrittore farà riferimento Leone in una intervista per la TV italiana citando un altro romanzo: Piombo e Sangue (Red Harvest) ammettendo di averlo, con il suo primo film western, "riportato in patria".[3]

Un ulteriore riferimento venne suggerito da Leone riguardo la commedia dell'arte, in particolar modo alla commedia di Arlecchino "Servitore di due Padroni" scritta da Carlo Goldoni nel 1745.

In una intervista, citata dal critico Aldo Tassone, Leone afferma scherzando di come Kurosawa "non avesse certo bisogno anche delle sue lodi". Tassone definisce la "civetteria" di Leone una mancanza di tatto nei confronti del "fordiano" Kurosawa, dichiarandosi egli stesso amante di John Ford.[1]

Differenze e similitudini con Per un pugno di dollari[modifica | modifica wikitesto]

Il film di Sergio Leone si presenta come un vero e proprio remake in Technicolor occidentale del film di Kurosawa, le similitudini sono molteplici e non si fermano solo alla sceneggiatura. Mentre Kurosawa si fa scudo di una raffinata ironia, Leone rende il suo film violento e sanguinario benché intriso ancora di humor-nero.

Le principali differenze sono nei principi politici ed etici che Kurosawa mette in scena grazie alla figura del personaggio di Mifune, samurai senza nome che vuole "risanare" un paese dalla presenza delle due famiglie di malavitosi che, con il loro potere nel gioco d'azzardo e la loro influenza sul capovillaggio, controllano o bloccano il mercato della seta e del sakè e, conseguentemente, la vita delle persone. Leone abolisce ogni complicanza politica e lascia scorrere il film in maniera "effettistica" e meno sociale, rendendo il personaggio di Clint Eastwood, il pistolero senza nome, non più di un avaro opportunista che solo alla fine concede aiuto alla famiglia divisa dal terribile Ramòn Roco (Gian Maria Volonté).

Il samurai viene accolto nel villaggio da un poliziotto codardo e corrotto che gli chiede di unirsi a Seibei, perché il più forte in quel momento, solo per ricavare una moneta d'oro per la preziosa "dritta". Leone, tuttavia, abolisce questo personaggio sostituendolo al neutrale campanaro del paese che fa da semplice informatore.[1]

La battaglia finale vede, similmente al film di Leone, una sfida tra due modi di combattersi: Kurosawa getta un ironico guanto di sfida al genere western, che lui ama, lasciando che il samurai protagonista affronti l'unico uomo armato di pistola nel villaggio, quindi il più pericoloso. Dopo la sua rocambolesca e fortunata fuga, il samurai si allena a lanciare il coltello colpendo al volo foglie mosse dal vento. In tal modo riuscirà a bloccare la pericolosa mano armata di Unosuke e dargli il colpo di grazia.

Sergio Leone invece porta la sfida sulla questione pistola-fucile. Ramòn è convinto che il fucile, avendo una precisione ed una gittata maggiore, possa vincere facilmente uno scontro con un avversario armato di pistola, da qui la celebre frase del film. Il pistolero si vendicherà alla fine costruendo una corazza per bloccare i colpi mortali del fucile e riuscire ad arrivare alla distanza giusta per sparare con la pistola. Tuttavia, la spavalderia del protagonista non si ferma qui, nello scontro finale getta la pistola a terra e la sfida sarà a chi carica il colpo e spara per prima all'altro. La sfida sembra equipararsi solo quando entrambi caricano la propria arma nello stesso tempo. Qui Ramòn perde la sfida e la propria vita perché il fucile, avendo la canna più lunga, è molto più lento da puntare rispetto alla fidata pistola usata dal protagonista.

Anche alcuni elementi visivi sono stati ripresi e riadattati da Leone:

  • Il sigaro di Eastwood fa specchio allo stuzzicadenti a base larga utilizzato da Mifune subito dopo aver mangiato per la prima volta alla locanda. Mifune da al suo personaggio un carattere irrequieto, ruota le spalle e si gratta la barba incolta quando è nervoso, e allo stesso modo gira e rigira lo stuzzicadenti in bocca prima di andare ad uccidere i banditi che lo avevano provocato al suo arrivo nel villaggio.[1]
  • Le lunghe, caratteristiche attese nei duelli con la pistola fanno a loro volta specchio a quelli con la katana in cui due o più contendenti si studiano sui fendenti da utilizzare e i movimenti da adottare. Leone sacrifica quel realismo per far assumere ai suoi personaggi e alle situazioni stesse un tema epico e di grande suspense che richiama direttamente agli scontri cavallereschi in cappa e spada.

Influenza[modifica | modifica wikitesto]

Sia in Giappone che in Occidente il film influenzò considerevolmente varie forme di intrattenimento, venendo ripreso e citato in diversi film:

  • nel 1962, Kurosawa diresse un seguito a La sfida del samurai, intitolato Sanjuro, film nel quale Mifune ritorna ad interpretare il samurai solitario.
  • nel 1977, in Guerre stellari (film), la scena al banco della cantina in cui Obi-Wan Kenobi estrae la spada laser e taglia il braccio al gangster Evazan che aveva provocato e aggredito Luke è presa dalla scena in cui Mifune taglia un braccio allo scagnozzo di Ushitora all'inizio del film.
  • nel 1984, David Carradine interpretò Kain il mercenario (The Warrior and the Sorceress), film che ripercorre in chiave sword & sorcery le vicende de La sfida del samurai.
  • nel 1970 venne girato il film Zatoichi Meets Yojimbo, nel quale è presente Mifune, che interpreta un personaggio simile a quello recitato ne La sfida del samurai.
  • nel 2003 la scena in cui il protagonista risparmia il figlio del contadino, andato via di casa per unirsi a Ushitora, è riproposta in Kill Bill vol.1, diretto da Quentin Tarantino.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN) La sfida del samurai, in Internet Movie Database, IMDb.com.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Aldo Tassone, Akira Kurosawa, Il Castoro Cinema, 2001, p. 90, ISBN 88-8033-015-2.
  2. ^ Empire Features
  3. ^ RAI, Sergio Leone ripercorre la sua carriera, youtube.com.
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema