La nipote

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La nipote
La nipote titoli.jpg
Titoli di testa
Titolo originale La nipote
Paese di produzione Italia
Anno 1974
Durata 85 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Nello Rossati
Soggetto Giacomo Gramegna
Sceneggiatura Giacomo Gramegna
Produttore Armando Bertuccioli
Casa di produzione Lido Cinematografica
Fotografia Romano Scavolini,
Vittorio Bernini
Montaggio Francesco Bertuccioli
Musiche Carlo Savina
Scenografia Toni Rossati
Costumi Toni Rossati
Trucco Fabio Brunetti
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La nipote è un film del 1974, diretto dal regista Nello Rossati, girato a Castelmassa (Rovigo) e a Villa Selmi (Polesella, Rovigo).

Da molti è considerato uno degli epigoni più riusciti di Malizia di Salvatore Samperi, o meglio, una sorta di "Malizia d'ambientazione agreste".

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Luigi insieme alla moglie Zoraide e all'amico Piero, vanno in villeggiatura in nella loro villa in provincia di Rovigo. Al loro arrivo alla villa, la domestica Doris, avvisa i padroni di casa dell'arrivo della nipote Adele (rimasta orfana anche di madre da poco). Sulle prime la famiglia la accetta ben volentieri, poi Zoraide le intima di trovarsi un lavoro. Dopo qualche giorno, arriva alla villa Antonio il figlio di Luigi. Un giorno Zoraide sorprende Antonio mentre la sta spiando e chiede al marito di parlare al figlio da uomo a uomo. Luigi per spronare il figlio a divertirsi, gli fa organizzare una festa nella villa. Durante la festa tutti si appartano compresa Doris, che scoperta da Luigi, viene immediatamente licenziata. Adele coglie l'occasione per offrirsi come cameriera. Un po' alla volta Adele seduce il cugino e lo zio, causandogli un primo attacco di cuore. Continuando nella sua opera di seduzione lo zio subisce un secondo attacco di cuore che gli sarà fatale. Dopo la dipartita dello zio, Adele sposa Antonio diventando cosi la padrona di casa.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]