La Rosa Bianca - Sophie Scholl

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La Rosa Bianca - Sophie Scholl
La Rosa Bianca - Sophie Scholl.png
Julia Jentsch in una scena del film
Titolo originale Sophie Scholl - Die letzten Tage
Paese di produzione Germania
Anno 2005
Durata 117 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere biografico, drammatico
Regia Marc Rothemund
Soggetto Fred Breinersdorfer
Sceneggiatura Fred Breinersdorfer
Fotografia Martin Langer
Montaggio Hans Funck
Musiche Reinhold Heil e Johnny Klimek
Scenografia Jana Karen
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

La Rosa Bianca - Sophie Scholl (Sophie Scholl - Die letzten Tage) è un film del 2005 diretto da Marc Rothemund. Narra, in maniera aderente alla realtà dei fatti accaduti, la cattura, la breve prigionia, il processo e la condanna alla pena capitale subìti da Sophie Scholl e da suo fratello maggiore, oltre che da un loro amico, accusati di cospirazione contro il regime del Führer perché facenti parte del gruppo clandestino di opposizione denominato Rosa Bianca.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Sophie Scholl è una studentessa universitaria che vive con il fratello maggiore, Hans Scholl, in un appartamento a Monaco di Baviera durante la seconda guerra mondiale. La disfatta di Stalingrado ha dato un brusco scossone al consenso nazista, e sono in molti ora tra la popolazione tedesca a desiderare la resa.

Sophie aderisce all'associazione studentesca La Rosa Bianca, per la quale nottetempo scrive sui muri frasi contro il nazismo e la guerra, insieme al fratello e agli altri membri dell'organizzazione.

Nel tentativo di distribuire volantini all'università per diffondere le idee del gruppo, viene notata e condotta in una caserma della Gestapo assieme al fratello, dal quale viene peraltro subito separata.

In caserma Sophie viene interrogata dall'investigatore Robert Mohr che, malgrado le resistenze della ragazza, riesce a farle confessare - anche grazie ad un'indagine nel suo appartamento - la sua appartenenza alla "Rosa Bianca", ma non i nomi degli altri membri dell'organizzazione clandestina. Un altro ragazzo della Rosa Bianca viene però trovato e anche lui interrogato.

Poco dopo la firma della confessione, la giovane viene condotta in tribunale, presieduto da Roland Freisler, noto giurista del Terzo Reich, che prima era un commissario sovietico e adesso deve riabilitarsi.

Il processo si rivela una farsa. Condannati a morte, i tre vengono giustiziati con la ghigliottina lo stesso giorno, dopo un ultimo saluto ai genitori, sconvolti ma fieri dell'operato dei figli.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]