L'uomo che fissa le capre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'uomo che fissa le capre
The Men Who Stare at Goats.jpg
Una scena del film
Titolo originale The Men Who Stare at Goats
Paese di produzione USA
Anno 2009
Durata 90 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Grant Heslov
Soggetto Jon Ronson
Sceneggiatura Peter Straughan
Produttore George Clooney, Grant Heslov, Paul Lister
Casa di produzione BBC Films, Smokehouse Productions
Distribuzione (Italia) Medusa Film
Fotografia Robert Elswit
Montaggio Tatiana S. Riegel
Scenografia Sharon Seymour
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

L'uomo che fissa le capre (The Men Who Stare at Goats) è un film del 2009 diretto da Grant Heslov. Il film è tratto dal libro Capre di guerra (The Men Who Stare at Goats), scritto dal reporter Jon Ronson.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il fallimento del suo matrimonio, Bob Wilton, mediocre giornalista, si reca in Medio Oriente affamato di scoop, dove scopre un reparto segreto dell'esercito statunitense che si prefigge di utilizzare facoltà paranormali in campo bellico. L'incontro con Lyn Cassady, da oltre vent'anni membro del reparto, gli aprirà le porte verso una nuova realtà, facendogli scoprire il cosiddetto Esercito Nuova Terra, unità militare fondata nel 1983 che si prefigge di utilizzare poteri psichici per poter leggere i pensieri del nemico, passare attraverso solide mura e perfino uccidere una capra semplicemente fissandola. Quando il fondatore del reparto, Bill Django, sparisce, Cassady intraprende una missione per trovarlo e Bob si unirà a lui incuriosito dalle inverosimili storie.

Riferimenti alla realtà[modifica | modifica wikitesto]

Il film contiene numerosi riferimenti alla realtà delle campagne militari condotte dagli Stati Uniti, soprattutto in Iraq. Ad esempio, gli indigeni detenuti nella misteriosa base nel deserto del film indossano abiti identici a quelli dei prigionieri detenuti dagli americani nella prigione di Abu Grahib. Allo stesso modo le Psychops («operazioni psichiche») di cui si parla nel film beffeggiano le cosiddette blackops, «operazioni nere», portate avanti dall'esercito statunitense in alcune missioni di guerra.

Il personaggio di Bill Django è basato sulla figura del tenente colonnello Jim Channon, che negli anni settanta investigò per due anni sui movimenti new age, e scrisse sulle sue esperienze un manuale per il First Earth Battalion.[1] Lyn Cassady è ispirato a Glenn Wheaton e Lyn Buchanan, mentre la sua storia ricorda quella di Guy Savelli, l'uomo che sostenne di aver ucciso una capra osservandola ed ora gestisce una scuola di danza, come fa anche Lyn nel film.[2]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato presentato fuori concorso alla 66ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia; una settimana dopo è stato presentato al Toronto International Film Festival. È stato distribuito nelle sale cinematografiche italiane a partire dal 6 novembre 2009.[3]

Ewan McGregor, Jeff Bridges, George Clooney, e il regista Grant Heslov in occasione dell'anteprima del film al Toronto International Film Festival 2009

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha ricevuto recensioni tiepide da parte dei critici; Rotten Tomatoes riporta un punteggio di 52% di recensioni positive su un totale di 206 voti, con una media di 5.7 su 10.[4]

Su Metacritic, che assegna un punteggio basato su recensioni di pubblico e critica, il film ha un punteggio di 54 su 100.[5] Particolarmente apprezzata è stata la performance di Clooney, di cui l'Irish Times scrive: "Clooney splende in questa memorabile storia, basata su eventi reali [...] ancora una volta, regala un'interpretazione con un livello di eccentricità degno dei fratelli Coen. Le sue nevrosi, i suoi momenti più riflessivi; se impazzirete per questo personaggio, sarà per merito di Clooney, che qui è stato eccezionale."[6]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Gorgeous George Stares At Goats: Clooney becomes a psychic soldier, Empire, 16 maggio 2008.
  2. ^ (EN) McGregor, Spacey, Bridges Stare At Goats, Empire, 12 settembre 2008.
  3. ^ (EN) IMDb: Release dates for The Men Who Stare at Goats, imdb.com. URL consultato il 24 febbraio 2013.
  4. ^ (EN) The Men Who Stare at Goats (2009), su Rotten Tomatoes, IGN Entertainment. URL consultato il 26 dicembre 2009.
  5. ^ (EN) The Men Who Stare at Goats: Reviews (2009), su Metacritic, CNET Networks. URL consultato il 26 dicembre 2009.
  6. ^ (EN) The Men Who Stare At Goats Review, su Ireland.com, Irish Times. URL consultato il 13 novembre 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema