Katniss Everdeen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Katniss Everdeen
Katniss interpretata da Jennifer Lawrence nella trasposizione cinematografica del primo libro.
Katniss interpretata da Jennifer Lawrence nella trasposizione cinematografica del primo libro.
Universo Hunger Games
Soprannome
  • Catnip (da Gale)
  • Dolcezza (da Peeta e Haymitch)
  • Ragazza di fuoco (da Tresh, Caesar e Cinna)
  • Ghiandaia Imitatrice (dai ribelli durante la rivolta)
Autore Suzanne Collins
1ª app. in Hunger Games
Ultima app. in Il canto della rivolta
Interpretata da Jennifer Lawrence
Voce italiana Joy Saltarelli
Sesso Femmina
Luogo di nascita Distretto 12
Data di nascita 8 maggio
Parenti
  • Peeta Mellark (marito)
  • Due figli, un maschio e una femmina
  • Primrose Everdeen (sorella, deceduta)
  • Mrs. Everdeen (madre)
  • Mr. Everdeen (padre, deceduto)
  • Mrs. Mellark (suocera, deceduta)
  • Mr. Mellark (suocero, deceduto)
  • 2 fratelli di Peeta (cognati, deceduti)

Katniss Everdeen è la protagonista della trilogia Hunger Games scritta da Suzanne Collins.[1] È interpretata da Jennifer Lawrence in tutti i film della saga.

Nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome "Katniss" deriva da una pianta commestibile chiamata sagittaria, detta anche erba saetta a causa della sua forma appunta di una freccia o di un fulmine. Oltre che al nome della pianta, Katniss condivide il nome con la costellazione del Sagittario, famoso per l'uso dell'arco, riferimento alle abilità di Katniss con il tiro con l'arco.

Inoltre il suo cognome, fa riferimento a Bathsheba Everdene, protagonista del romanzo Via dalla pazza folla di Thomas Hardy.

Caratterizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Background[modifica | modifica wikitesto]

Katniss e la sua famiglia vivono nel distopico stato di Panem, situato al posto dell'attuale Nordamerica, che è stato distrutto da una catastrofe globale. La capitale di Panem è Capitol City, sulle Montagne rocciose, circondata da 12 distretti, ognuno dei quali produce qualcosa di utile all'economia di Capitol City. La storia inizia nel Distretto 12, il distretto del carbone in cui abita Katniss. È il distretto più povero, e Katniss vive con la madre e la sorella nella parte più povera del distretto, chiamata "il Giacimento"[2].

Il padre di Katniss era un minatore. Rimase ucciso in un'esplosione in miniera quando Katniss aveva 11 anni. Dopo la morte del marito, la madre di Katniss cadde in una profonda depressione e smise di prendersi cura delle figlie.

Pochi giorni prima del suo dodicesimo compleanno, Katniss, che aveva molta fame, si spinse fino alla parte più ricca della città con la speranza di poter rubare qualcosa dai bidoni della spazzatura dei ricchi mercanti. Il figlio del fornaio, Peeta, vedendola, bruciò intenzionalmente alcune pagnotte e, invece che darle ai maiali come gli era stato ordinato, gliele lanciò. Katniss le portò a casa per sfamare la sua famiglia, e da quel momento si sentì perennemente in debito con Peeta.

Alcuni giorni dopo l'incidente del pane, Katniss decise di andare nei boschi attorno al distretto per cacciare illegalmente e raccogliere piante da mangiare, come faceva suo padre prima di morire. Lì incontrò un ragazzo chiamato Gale, fecero amicizia ed iniziarono a cacciare insieme.

La madre di Katniss uscì pian piano dalla depressione e poté tornare al suo lavoro di farmacista e guaritrice e Katniss si sforzò di perdonarla. Tuttavia, nonostante il rapporto riallacciato con la madre, la forte amicizia con Gale e il crescente affetto per Peeta, Katniss rimane convinta che sua sorella Prim è "l'unica persona al mondo che lei sia sicura di amare"[2]

Aspetto e Personalità[modifica | modifica wikitesto]

Katniss è descritta con lunghi capelli neri lisci (che solitamente tiene raccolti in una treccia), pelle olivastra e occhi azzurri tendenti al grigio[3], caratteristica fisica che si addice al suo Distretto. È magra e non molto alta, ma abbastanza forte per cacciare per la sua famiglia. Durante il corso della saga, Katniss ha 16 anni nei 74esimi Giochi e 17-18 anni nei 75esimi Giochi e nella Rivolta.

L'autrice del personaggio, l'ha descritta come una persona indipendente, letale e impulsiva. Dopo i vari eventi della sua vita (la morte del padre, la depressione della madre e la quasi malnutrizione) l'hanno fatta una sopravvissuta e l'hanno portata a lavorare duro per preservarsi sia la sua stessa vita, sia di chi ama.

È una ragazza molto coraggiosa e decisa. A volte si dimostra fredda con alcune persone, ma è una persona molto sensibile e fragile. Il suo unico e grande problema, secondo lei, è il fatto di non essere brava a fare amicizia. Nonostante questo, lungo la saga di amici ne avrà parecchi. Inoltre, afferma lei stessa che le persone gentili sono le più pericolose perché riescono a guadagnarsi la sua fiducia e che la potrebbero ferire quando lei meno se lo aspetta.

Durante il corso della serie, si adatta al detto "uccidi o sarai ucciso", considerando lei stessa di come uccidere i suoi avversari anche se realizzando che lei stessa è già una persona in grado di uccidere, a seguito delle sua esperienza con la caccia. Anche se le prime persone che uccide le causano un pentimento nei loro confronti, nel corso della storia, si trasforma in una persona a sangue-freddo, che non ha il minimo problema a uccidere qualcuno, senza alcun tipo di rimorso.

Hunger Games[modifica | modifica wikitesto]

Il giorno della Mietitura per i 74esimi Hunger Games, viene estratto il nome di Prim come tributo femminile, ma Katniss decide di prendere il posto della sorella, offrendosi volontaria.

Alla presentazione dei tributi a Capitol City, lo stilista di Katniss, Cinna, invece di vestire lei e Peeta da minatori com'è d'uso fare, decide di preparare un costume con delle fiamme vere, il che fa molta impressione sulla popolazione di Capitol City. Durante l'intervista di presentazione dei tributi, Peeta rivela che è da sempre innamorato di Katniss, cosa a cui lei inizialmente non crede.

Durante i Giochi, Katniss stringe un'alleanza con Rue del Distretto 11, ma la ragazzina viene uccisa da Marvel del Distretto 1. Di nuovo senza alleati, Katniss viene a conoscenza della nuova regola istituita dagli strateghi: i vincitori potranno essere due, a patto che entrambi i tributi appartengano allo stesso distretto. Katniss allora va alla ricerca di Peeta, gravemente ferito per proteggerla, con la speranza di poter vincere entrambi, ed inizia anche a sospettare che il suo amore per lei sia vero, non solo una strategia per attrarre sponsor.

L'ultimo giorno, dopo aver ucciso Cato, Katniss e Peeta credono di essere finalmente salvi, ma Seneca Crane cambia nuovamente le regole. Katniss decide che lei e Peeta dovranno mangiare delle bacche velenose, per morire entrambi e lasciare i giochi senza alcun vincitore. Di conseguenza, Seneca è costretto a terminare i Giochi facendoli vincere entrambi.

Gli abitanti di Capitol City vedono nella ribellione di Katniss solo un gesto disperato della ragazza innamorata, ma gli abitanti dei distretti capiscono che in verità si tratta di un atto di sfida. Katniss e Peeta, però, si separano quando lui scopre che Katniss si era finta innamorata di lui tutto il tempo, così Katniss ha la conferma che i suoi sospetti erano fondati: Peeta è davvero innamorato di lei.

La ragazza di fuoco[modifica | modifica wikitesto]

Circa sei mesi dopo, Katniss riceve una visita del Presidente Snow, il quale le consiglia di approfittare del Tour della Vittoria per farsi vedere molto innamorata di Peeta, in modo da convincere tutti i distretti che il loro gesto era dettato davvero dall'amore, in modo da fermare la ribellione che è già in atto. Gale nel frattempo bacia Katniss e la ragazza capisce che anche il suo migliore amico è innamorato di lei. Alla fine del Tour, comunque, la situazione non si è calmata, e il Presidente Snow annuncia la terza Edizione della Memoria degli Hunger Games.

Le regole prevedono che i tributi siano scelti tra i vincitori delle edizioni passate, e Katniss deve quindi tornare nell'arena. Peeta si offre volontario al posto di Haymitch. Durante questa edizione dei Giochi, Katniss e Peeta si alleano con Beetee e Wiress (Distretto 3), Finnick Odair e Mags (Distretto 4), e Johanna Mason (Distretto 7). Durante i giochi, Katniss capisce che se Peeta dovesse morire, lei ne rimarrebbe completamente distrutta e intende salvare lui sacrificando se stessa, allo stesso modo Peeta intende sacrificarsi per salvare lei.

Mettendo in atto il piano suggeritole da Beetee, Katniss fa esplodere l'arena, e subito dopo Katniss, Finnick e Beetee vengono salvati dai ribelli e portati al Distretto 13. Peeta e Johanna, invece, vengono catturati e portati a Capitol City.

Il canto della rivolta[modifica | modifica wikitesto]

Mentre Peeta viene depistato, Katniss rimane per molto tempo nel distretto 13 senza fare nulla, cercando di recuperare la forma fisica e la stabilità mentale. In seguito, i ribelli le chiedono di essere ufficialmente la Ghiandaia imitatrice, simbolo della rivoluzione. Katniss accetta, e inizia a filmare brevi spot di propaganda che vengono messi in onda in tutti i distretti.

Nel frattempo Peeta viene salvato e curato, ma si scopre che Snow ha fatto volontariamente salvare Peeta perché gli è stato fatto un lavaggio del cervello completo che lo porta a ritenere Katniss la sua più grande minaccia. Tutto ciò devasta Katniss, poiché Snow ha reso Peeta un'arma per ucciderla, facendogli dimenticare ogni amore che nutriva per lei.

Dopo un lungo addestramento, Katniss viene mandata in missione con Gale, Finnick, Peeta ed altri ribelli per uccidere il Presidente Snow. La maggioranza dei ribelli viene uccisa lungo la strada, in più delle bombe cadono su dei bambini e sui dottori che li stanno aiutando, tra i quali c'è anche Prim, che muore. Nella stessa esplosione, Katniss rimane ustionata.

Dopo essere stata curata, apprende che i ribelli hanno vinto la guerra e intendono uccidere il Presidente Snow con una pubblica esecuzione in cui sarà Katniss a tirare la freccia mortale. Katniss va a parlare con il Presidente Snow e scopre che il bombardamento che ha ucciso Prim non è stato organizzato da Capitol City, bensì da Alma Coin, presidente del Distretto 13 (e nuova presidente di Panem, da dopo la cattura di Snow), nel tentativo di uccidere Katniss stessa, in quanto più utile come martire che da viva. Il giorno dell'esecuzione, invece di tirare la freccia contro il Presidente Snow, Katniss uccide la presidente Coin, per evitare che il nuovo presidente di Panem sia terribile come quello appena destituito.

Katniss, essendo simbolo della rivoluzione realizzata, non viene punita ma le viene data l'infermità mentale e torna al Distretto 12. Non esce di casa per mesi, sua madre è andata nel Distretto 4 a lavorare come infermiera, mentre Gale è andato nel Distretto 2 a lavorare come soldato. A ridarle la speranza e la voglia di vivere è di nuovo Peeta, che pianta delle primule (primrose) nel suo giardino, in memoria della sorella. I due ricominciano a vivere assieme, sostenendosi a vicenda e nei mesi successivi Katniss ammette di amare Peeta.

Dopo più di quindici anni dalla fine della rivolta, Katniss e Peeta sono sposati e hanno due figli: una femmina che ha i capelli neri della madre e gli occhi azzurri del padre; e un maschio che ha i capelli biondi del padre e gli occhi grigi della madre. Katniss continua a soffrire degli incubi che la perseguitano e si chiede come dovrà spiegare tutto ai figli. Non trova più piacere nella vita, perché teme che ogni cosa gli venga portato via. Ed è in quei momenti che fa una lista immaginaria di ogni buona azione vista da lei, una sorta di gioco, che mantiene da più di vent'anni. Come lei stessa afferma nella frase finale: "Ci sono giochi peggiori a cui giocare".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Who Will You Support?, su Scholastic. URL consultato il 15 maggio 2010.
  2. ^ a b Hunger Games, capitolo 1
  3. ^ Who Will You Support?, Scholastic. URL consultato il 3 luglio 2010.