Joe l'inafferrabile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'agente invisibile
Titolo originaleInvisible Agent
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneUSA
Anno1942
Durata81 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,37:1
Generespionaggio, fantascienza
RegiaEdwin L. Marin
Soggettodal romanzo The Invisible Man di H.G. Wells
SceneggiaturaCurt Siodmak (con il nome Curtis Siodmak)
ProduttoreFrank Lloyd George Waggner (associato)
Casa di produzioneUniversal Studios
FotografiaLester White (con il nome Les White)
MontaggioEdward Curtiss
ScenografiaJack Otterson; Robert F. Boyle (associato) Russell A. Gausman (con il nome R.A. Gausman); Edward R. Robinson (associato)
CostumiVera West
Interpreti e personaggi

L'agente invisibile (Invisible Agent),[1] noto anche col titolo Joe l'inafferrabile, è un film fantaspionistico del 1942 per la regia di Edwin L. Marin, prodotto dalla Universal Studios, liberamente tratto da romanzo di H.G. Wells L'uomo invisibile (1885).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il nipote del Dr. Jack Griffin (l'originale uomo invisibile) ha aperto una tipografia a Manhattan e adesso si fa chiamare Frank Raymond. Anch'egli è riuscito ad ottenere la formula dell'invisibilità come per primo aveva fatto suo nonno. Durante la seconda guerra mondiale, utilizza il siero per sventare un attacco aereo delle Potenze dell'Asse che mira a distruggere New York.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

« Durante gli anni di guerra, la mobilitazione coinvolge anche i personaggi del cinema, oltre che dei fumetti. L'uomo invisibile perde la connotazione ambigua che lo caratterizzava nelle pagine di Wells e nei primi film che lo avevano per protagonista, ed offre le proprie capacità alla nazione in pericolo. L'importante è combattere contro i nemici della patria e il cinema si adegua portando avanti, come può, l'opera di propaganda. »

(Fantafilm[1])

I film della serie[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis (a cura di), Joe l'inafferrabile, in Fantafilm. URL consultato il 7 aprile 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]