International Women of Courage Award

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L’International Women of Courage Award (in italiano Premio internazionale donne coraggiose), conosciuto anche come U.S. Secretary of State's International Women of Courage Award, è un riconoscimento conferito annualmente dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti d'America a donne di tutto il mondo che abbiano dimostrato leadership, coraggio, intraprendenza e disponibilità al sacrificio per gli altri, in particolare nella promozione dei diritti delle donne.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il premio è stato istituito nel 2007 dal Segretario di Stato degli Stati Uniti d'America Condoleezza Rice[1] in occasione della Giornata internazionale della donna che si celebra l'8 marzo in molti paesi nel mondo. Ogni ambasciatore degli Stati Uniti ha la facoltà di segnalare la candidatura di una donna.[2]

Vincitrici (per anno)[modifica | modifica wikitesto]

2007[3]
2008[5]
2009[6]
2010[8]
2011[9]
2012[10]
2012 International Women of Courage Awards, 8 marzo 2012.
In piedi, da sinistra: Melanne Verveer (ospite), Leymah Gbowee (ospite), Shad Begum, Aneesa Ahmed, Hawa Abdallah Mohammed Salih, Samar Badawi, Tawakel Karman (ospite).
Sedute, da sinistra: Maryam Durani, Pricilla de Oliveira Azevedo, Zin Mar Aung, Michelle Obama, Hillary Clinton, Jineth Bedoya Lima, Hana Elhebshi, Şafak Pavey
2013[12]
2014[13]
2015[14]
2016[15]
2017[26]
2018[27]
2019[28]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Perkins, Dan (May 2007). "U.S. Secretary of State Salutes 10 International Women of Courage – The Women Were Nominated by U.S. Embassies for Their Exceptional Courage and Leadership in Advocating for Women's Rights and Advancement" Archiviato il 22 aprile 2014 in Internet Archive.. Diversityinbusiness.com. Retrieved March 9, 2012.
  2. ^ (EN) Secretary's International Women of Courage Award, United States Department of State (archiviato dall'url originale il 6 settembre 2011).
  3. ^ (EN) Honorees, U.S. Department of State. URL consultato il 30 agosto 2018.
  4. ^ (EN) International Women's Issues Archives, su 2001-2009.state.gov. URL consultato il 1º aprile 2018.
  5. ^ (EN) International Women of Courage Award Ceremony: 2008, su 2001-2009.state.gov. URL consultato il 15 settembre 2018.
  6. ^ (EN) 2009 International Women of Courage Award, su 2009-2017.state.gov. URL consultato il 3 settembre 2018.
  7. ^ Askar Aktalov, The Uzbek Journalist Tadjibayeva Partook in the Making of the Book and Film "The Hour of the Jackal" (in Russian), in Knews, 2 febbraio 2012. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 22 aprile 2014).
  8. ^ (EN) 2010 International Women of Courage Award, su 2009-2017.state.gov. URL consultato il 3 settembre 2018.
  9. ^ (EN) International Women of Courage Awards, su whitehouse.gov, 10 marzo 2011. URL consultato il 16 settembre 2018.
  10. ^ (EN) 2012 International Women of Courage Award Winners, su U.S. Department of State, 5 marzo 2012. URL consultato il 16 settembre 2018.
  11. ^ (EN) U.S. Embassy Presents “International Woman of Courage” Award, su malta.usembassy.gov (archiviato dall'url originale il 23 aprile 2014).
  12. ^ (EN) 2013 International Women of Courage Award Winners, su 2009-2017.state.gov. URL consultato il 4 settembre 2019.
  13. ^ (EN) Bios of 2014 Award Winners, su 2009-2017.state.gov. URL consultato il 5 settembre 2018.
  14. ^ (EN) Biographies of 2015 Award Winners, su 2009-2017.state.gov, 23 gennaio 2015. URL consultato il 7 marzo 2015.
  15. ^ (EN) 2016 International Women of Courage Award, su U.S. Department of State. URL consultato il 19 settembre 2018.
  16. ^ (EN) Sara Hossain receives Int'l Women of Courage Award, su thedailystar.net, 31 marzo 2016.
  17. ^ (EN) U.S. Secretary of State’s International Women of Courage Awardee, su guardian.bz. URL consultato il 18 settembre 2018.
  18. ^ Guatemala’s Women: Moving Their Country Forward « Central America Network, su centralamericanetwork.org.
  19. ^ (EN) Kurdish Ezidi woman receives International award, su kurdistan24.net. URL consultato il 1º aprile 2018.
  20. ^ (EN) Malaysian activist Nisha Ayub is first transgender to win US Women of Courage award, su asiancorrespondent.com.
  21. ^ a b IPPMEDIA - The Guardian, The Guardian on Sunday, Nipashe, Nipashe Jumapili, su ippmedia.com.
  22. ^ Slovenka bola ocenená ministrom USA: Vynašla sa počas migrantskej krízy, su topky.sk.
  23. ^ (EN) US State Department honours Sudanese "tea lady" for her courage - Radio Tamazuj, su radiotamazuj.org. URL consultato il 21 settembre 2018 (archiviato dall'url originale l'11 aprile 2016).
  24. ^ (EN) Chiang Mai activist wins US 'courage award', in Bangkok Post, 30 marzo 2016. URL consultato il 10 settembre 2018.
  25. ^ (EN) State Department Honors 'International Women of Courage', su nbcnews.com.
  26. ^ (EN) 2017 International Women of Courage Award, su U.S. Department of State. URL consultato il 10 settembre 2018.
  27. ^ (EN) 2018 International Women of Courage Award, su U.S. Department of State. URL consultato il 21 settembre 2018.
  28. ^ (EN) 2019 International Women of Courage Award, su U.S. Department of State. URL consultato il 6 marzo 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]