Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Intef

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Intef
Intef the Great Legrain.png
Statua di Intef come scriba, dedicatagli da Sesostri I. Cairo CG 42005.
Principe di Tebe
Predecessore n.d.
Successore Mentuhotep I
Dinastia XI dinastia egizia
Madre Iku
Figli Mentuhotep I

Intef, detto il Vecchio, il Grande oppure figlio di Iku (... – ...), è stato un precursore della XI dinastia egizia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nomarca e principe di Tebe, Intef fu alleato di uno degli ultimi sovrani della VIII dinastia, forse già di fatto opponendosi all'ascesa di Heracleopolis Magna[1]. A tale scopo potrebbe aver iniziato la conquista di alcune regioni del sud, conquista che verrà poi portata avanti dai suoi successori[2].
Il suo nome compare nella Sala degli antenati di Thutmose III del tempio di Karnak (nella posizione 13) privo dei simboli della regalità, ossia senza cartiglio:

rpˁt ḥ3ti ˁ ḥri tp n w3st in itf - Il nobile di nascita, Signore di Waset (Tebe), Initef.

Durante la XII dinastia ricevette culto come fondatore – insieme al figlio e successore Mentuhotep I – della casata tebana e Sesostri I ne volle onorare la memoria con una statua che lo rappresentava nelle vesti e nella postura di scriba[3][2].

A questo nomarca potrebbe riferirsi un'iscrizione rupestre rinvenuta nella Bassa Nubia:

i W25 n&t&f S34 I10
t
N17


ini t f ˁnḫ ḏt - Initef ankh djet - Initef, che possa vivere eternamente.

Predecessore Principe di Tebe Successore
n.d. Primo Periodo Intermedio Mentuhotep I

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Grimal, op. cit. p. 189
  2. ^ a b Cimmino, op. cit. p. 137
  3. ^ Cairo CG 42005

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Franco Cimmino, Dizionario delle dinastie faraoniche, Milano, Bompiani, 2003, pp. 136-137, ISBN 88-452-5531-X.
  • Alan Gardiner, La civiltà egizia, (Einaudi, Torino, 1997), Oxford University Press, 1961, p. 111, ISBN 88-06-13913-4.
  • Nicolas Grimal, Storia dell'antico Egitto, 9ª ed., Roma-Bari, Biblioteca Storica Laterza, 2011, pp. 189-190, ISBN 978-88-420-5651-5.
  • W.C. Hayes, The Middle Kingdom in Egypt, in The Cambridge Ancient History vol 1 part 2: Early History of the Middle East, Cambridge, University Press, 1971 (2006), p. 473, ISBN 0-521-07791-5.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]