Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Neferirkara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Neferirkara
Il cartiglio di Neferirkara nella Lista di Abydos.
Il cartiglio di Neferirkara nella Lista di Abydos.
Re dell'Alto e Basso Egitto
Incoronazione tra il 2192 a.C. ed il 2160 a.C. [1]
Predecessore Neferkauhor Khu Hepu
Successore Kheti (IX dinastia)
Morte tra il 2192 a.C. ed il 2160 a.C. [2]
Dinastia VIII dinastia egizia

Neferirkara (... – ...) è stato un faraone appartenente alla VIII dinastia egizia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

L'unica delle liste reali che riporta i nomi dei sovrani che formano VIII dinastia è quella di Egitto, in cui Neferirkara occupa il posto 56.

Il Canone Reale è danneggiato e del tutto illeggibile proprio nella parte che dovrebbe contenere i sovrani di questa dinastia.

Come per altri sovrani di questa dinastia e delle dinastie IX e X è possibile che Neferirkara abbia regnato solamente su parte dell'Egitto e contemporaneamente con altri dinasti.

Liste Reali[modifica | modifica wikitesto]

Nome Horo Lista Reale di Abydos
Demedjibtawy (?) 56
Hiero Ca1.png
ra nfr ir
kA
Hiero Ca2.svg

nfr ir k3 rˁ - Neferirkara
Perfetto è ciò che compie il Ka di Ra

Predecessore Signore dell'Alto e del Basso Egitto Successore Double crown.svg
Neferkauhor Khu Hepu Primo periodo intermedio Kheti

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cimmino, Franco - dizionario delle dinastie faraoniche, p. 469
  2. ^ Cimmino, Franco - dizionario delle dinastie faraoniche, p. 469

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cimmino, Franco - Dizionario delle dinastie faraoniche - Bompiani, Milano 2003 - ISBN 88-452-5531-X
  • Gardiner, Alan - La civiltà egizia - Oxford University Press 1961 (Einaudi, Torino 1997) - ISBN 88-06-13913-4
  • Smith, W.S. - Il Regno Antico in Egitto e l'inizio del Primo Periodo Intermedio - Storia antica del Medio Oriente 1,3 parte seconda - Cambridge University 1971 (Il Saggiatore, Milano 1972)
  • Wilson, John A. - Egitto - I Propilei volume I -Monaco di Baviera 1961 (Arnoldo Mondadori, Milano 1967)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]