Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Neferirkara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Neferirkara
Abydos KL 07-17 n56.jpg
Il cartiglio di Neferirkara nella Lista di Abydos.
Re dell'Alto e Basso Egitto
Incoronazione tra il 2192 a.C. ed il 2160 a.C. [1]
Predecessore Neferkauhor Khu Hepu
Successore Kheti (IX dinastia)
Morte tra il 2192 a.C. ed il 2160 a.C. [2]
Dinastia VIII dinastia egizia

Neferirkara (... – ...) è stato un faraone appartenente alla VIII dinastia egizia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

L'unica delle liste reali che riporta i nomi dei sovrani che formano VIII dinastia è quella di Egitto, in cui Neferirkara occupa il posto 56.

Il Canone Reale è danneggiato e del tutto illeggibile proprio nella parte che dovrebbe contenere i sovrani di questa dinastia.

Come per altri sovrani di questa dinastia e delle dinastie IX e X è possibile che Neferirkara abbia regnato solamente su parte dell'Egitto e contemporaneamente con altri dinasti.

Liste Reali[modifica | modifica wikitesto]

Nome Horo Lista Reale di Abydos
Demedjibtawy (?) 56
Hiero Ca1.png
ra nfr ir
kA
Hiero Ca2.svg

nfr ir k3 rˁ - Neferirkara
Perfetto è ciò che compie il Ka di Ra

Predecessore Signore dell'Alto e del Basso Egitto Successore Double crown.svg
Neferkauhor Khu Hepu Primo periodo intermedio Kheti

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cimmino, Franco - dizionario delle dinastie faraoniche, p. 469
  2. ^ Cimmino, Franco - dizionario delle dinastie faraoniche, p. 469

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cimmino, Franco - Dizionario delle dinastie faraoniche - Bompiani, Milano 2003 - ISBN 88-452-5531-X
  • Gardiner, Alan - La civiltà egizia - Oxford University Press 1961 (Einaudi, Torino 1997) - ISBN 88-06-13913-4
  • Smith, W.S. - Il Regno Antico in Egitto e l'inizio del Primo Periodo Intermedio - Storia antica del Medio Oriente 1,3 parte seconda - Cambridge University 1971 (Il Saggiatore, Milano 1972)
  • Wilson, John A. - Egitto - I Propilei volume I -Monaco di Baviera 1961 (Arnoldo Mondadori, Milano 1967)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]