Governo Andersson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Governo Andersson
Andersson Cabinet, nov 30, 2021.jpg
Governo Andersson fuori dal Palazzo Reale a Stoccolma
StatoSvezia Svezia
Capo del governoMagdalena Andersson
(SAP)
CoalizioneSocialdemocratici (con l’appoggio esterno attivo del Verdi)
Giuramento30 novembre 2021
Left arrow.svg Governo Löfven III

Il Governo Andersson è il 56° esecutivo della Svezia. È presieduto dal ministro di Stato Magdalena Andersson, prima donna a ricoprire tale incarico nella storia del paese.[1]

Esso è entrato in carica a seguito della concessione di una seconda fiducia da parte del Parlamento Svedese dopo che la prima, conferita con 117 voti a favore, 174 contrari e 57 astenuti (i parlamentari del Partito di Centro e del Partito della Sinistra) conferita il 24 novembre 2021, ha ufficialmente incaricato Andersson di guidare il paese, nonostante il numero di voti a favore fosse minore degli astenuti e dei contrari (ciò è possibile grazie al "parlamentarismo negativo" della Svezia, che considera come approvazione una tale situazione poiché solo un numero minore o uguale a quello dei parlamentari che hanno tollerato la proposta di fiducia l'ha respinta [174–174]).

Magdalena Andersson riceve l’incarico di formare il governo dal Presidente del Riksdag, Andreas Norlén

Tale governo incaricato, tuttavia, è stato costretto alle dimissioni nell'arco di circa 7 ore, in quanto nello stesso giorno era previsto un voto sulla legge di bilancio governativa, risultato in un rifiuto a discapito del bilancio avanzato dall'opposizione. Ciò ha causato la dipartita dalla coalizione di governo del Partito dei Verdi, facendo sì che la prima ministra, secondo la legge, si dovesse dimettere, pur potendo tecnicamente rimanere al governo. Andersson è così dovuta così passare nuovamente al vaglio dell'organo legislativo e ha necessariamente dovuto prolungare i poteri al vecchio governo dimissionario.[2][3]

Per questi motivi, quello che avrebbe dovuto essere il suo primo governo, è stato considerato come nullo in quanto non si è mai insediato. Il 29 novembre 2021 a seguito di un nuovo voto di fiducia, Magdalena Andersson è stata "riconfermata" come prima ministra-eletta (grazie di nuovo al parlamentarismo negativo) con 101 voti a favore (il Partito Socialdemocratico di cui fa parte e un indipendente), 75 astenuti (i Verdi, passati all'appoggio esterno attivo, e gli stessi partiti che appoggiavano precedentemente il governo passivamente, ovvero il Partito di Centro e il Partito della Sinistra e un membro distaccatosi dalla linea di partito del Partito Liberale) e 171 contrari. Grazie a questo voto, pur dovendo governare con un bilancio avverso, Magdalena Andersson è divenuta la prima prima ministra di Svezia e ha formato l’attuale governo.

Si tratta di un esecutivo monocolore socialista, per via dell'annunciata uscita dalla coalizione di governo dei Verdi, che tuttavia continueranno ad appoggiare attivamente il governo. Il governo, inoltre, è appoggiato passivamente dal Partito di Centro e del Partito della Sinistra e da un membro del Partito Liberale.[4]

Questo governo, avendo solo 100 (esclusi i seggi dei partiti che danno appoggio attivo e passivo) dei 349 seggi, è un governo di minoranza.[5]

Contesto precedente[modifica | modifica wikitesto]

Dopo che, il Primo Ministro Löfven, ha dato ufficialmente le sue dimissioni dalla carica di capo del governo il 10 novembre 2021[6] (in occasione del congresso nazionale del suo partito e come annunciato il 22 agosto scorso[7]), il suo governo è rimasto in carica per il disbrigo degli affari correnti, mentre il 24 novembre veniva ufficialmente acconsentita dal Riksdag (il Parlamento Svedese), la fiducia parlamentare a Magdalena Andersson, ministro delle finanze nel governo guidato da Löfven, dopo l'annuncio dello stesso primo ministro che sarebbe succeduta a quest'ultimo. Il governo-nominato si è tuttavia dimesso per l'approvazione della legge di bilancio dell'opposizione e della dipartita dei Verdi (passati all'appoggio esterno attivo), venendo però riconfermato il 29 novembre con un secondo voto di fiducia.

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Il governo è monocolore, cioè la guida del paese è affidata al solo Partito Socialdemocratico dei Lavoratori svedese.[8]

     Partito Socialdemocratico dei Lavoratori di Svezia (SAP)

Funzione Titolare Partito
Primo ministro Magdalena Andersson.jpg Magdalena Andersson SAP
Vice Primo Ministro Morgan Johansson.jpg Morgan Johansson SAP
Affari europei Hans Dahlgren (cropped).jpg Hans Dahlgren SAP
Giustizia e affari interni Morgan Johansson.jpg Morgan Johansson SAP
Affari esteri Annlindecropped.jpg Ann Linde SAP
Commercio estero e cooperazione nordica Anna Hallberg visited the USTR.jpg Anna Hallberg SAP
Cooperazione internazionale Socialdemokrat.Matilda Ernkrans 1c301 5961.jpg Matilda Ernkrans SAP
Difesa Peter Hultqvist.jpg Peter Hultqvist SAP
Salute e affari sociali Socialdemokrat.Lena Hallengren 1c301 5973.jpg Lena Hallengren SAP
Previdenza sociale Ardalan Shekarabi.jpg Ardalan Shekarabi SAP
Finanze Socialdemokrat.Mikael Damberg 1c301 5892.jpg Mikael Damberg SAP
Mercati finanziari e politiche abitative - Vice Ministro delle Finanze Max Elger.webp Max Elger SAP
Pubblica amministrazione e affari dei consumatori No image available.svg Ida Karkiainen SAP
Istruzione Lina Axelsson Kihlblom Porträtt bokomslag Foto Anna-Lena Ahlström.jpg Lina Axelsson Kihlblom SAP
Istruzione superiore e ricerca Anna ekstrom.riksmotet2016 16d759.1810570.jpg Anna Ekström SAP
Ambiente e clima Annika Strandhäll 2014-10-29 001.jpg Annika Strandhäll SAP
Impresa Karl-Petter Thorwaldsson at the Swedish Social Democratic Youth League's general election camp 2014 (14658840580).jpg Karl-Petter Thorwaldsson SAP
Affari rurali Anna-Caren Sätherberg MP.jpg Anna-Caren Sätherberg SAP
Cultura e democrazia Jeanette Gustafsdotter (PICT0765).jpg Jeanette Gustafsdotter SAP
Sport, migrazione e integrazione Anders Ygeman i Almedalen.jpg Anders Ygeman SAP
Lavoro e occupazione Eva Nordmark.jpg Eva Nordmark SAP
Edilizia abitativa - Vice ministro del lavoro e dell’occupazione No image available.svg Johan Danielsson SAP
Infrastrutture Tomas Eneroth in London - 2017 (24832532058) (cropped).jpg Tomas Eneroth SAP
Energia e sviluppo digitale No image available.svg Khashayar Farmanbar SAP

Note[modifica | modifica wikitesto]