Giuseppe Capograssi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giuseppe Capograssi

Giuseppe Capograssi (Sulmona, 21 marzo 1889Roma, 23 aprile 1956) è stato un giurista e filosofo italiano che si è occupato principalmente di filosofia del diritto.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giuseppe Capograssi nacque a Sulmona da un'antica famiglia nobile che vi si era trasferita da un comune della provincia di Salerno nel 1319, a seguito del vescovo Andrea. Nipote di Nunzio Federigo Faraglia, Capograssi si laureò in giurisprudenza a Roma nel novembre del 1911 discutendo la tesi di laurea "Lo Stato e la Storia", in cui già affiorano le problematiche connesse alle interrelazioni fra individuo, società e Stato: problematiche che impegneranno tutta la sua attività di studioso.

Dopo aver esercitato l'avvocatura, iniziò la carriera accademica all'Università di Sassari, poi insegnò all'Università di Macerata, dove venne nominato anche rettore e quindi si trasferì nel 1938 a Padova, poi nel 1940 a Roma, di qui a Napoli, presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico II", per un decennio, trascorso il quale si trasferì ex novo a Roma.

Nel luglio del 1943 prese parte ai lavori che portarono alla redazione del Codice di Camaldoli.

Il 3 dicembre 1955 venne nominato giudice della Corte costituzionale dal Presidente della Repubblica Giovanni Gronchi e giurò il 15 dicembre insieme agli altri quattordici giudici. Di fatto non partecipò ai lavori della Corte in quanto morì il giorno della seduta inaugurale (23 aprile 1956).[1]

Fu tra i fondatori dell'Ugci (Unione giuristi cattolici italiani), di cui fu anche il primo presidente.

Pensiero[modifica | modifica wikitesto]

La sua filosofia viene denominata "dottrina dell'esperienza giuridica" ed è rivolta alla centralizzazione della volontà del soggetto agente, che si imprime nell'azione stessa, vera fonte di espressione giuridica e di vita. La filosofia dovrebbe quindi occuparsi della vita e dell'azione, avendo a centro della sua speculazione la "persona". Il suo pensiero si ricollega al personalismo cattolico, il cui approfondimento si ebbe proprio nel Novecento, sulle orme di sant'Agostino, Pascal, Rosmini, anche ad opera di pensatori francesi quali Maritain e Mounier. Perciò, l'aver posto al centro della sua indagine il problema di comprendere i rapporti essenziali che intercorrono fra il diritto, inteso come esigenza giuridica, e la vita consente alla sua filosofia del diritto di superare il campo della tecnica giuridica per pervenire ad una visione organica e totale del reale, cioè a Dio.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Fede e scienza, 1912
  • Saggio sullo Stato, 1918
  • Riflessioni sull'autorità e la sua crisi, 1921
  • La nuova democrazia diretta, 1922
  • Analisi dell'esperienza comune, 1930
  • Studi sull'esperienza giuridica, 1932
  • Introduzione alla vita etica, 1953
  • Il problema della scienza del diritto, 1937
  • Incertezze sull'individuo, Milano, Giuffrè, 1969
  • Pensieri a Giulia, 1918-1924 [2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sito web della Corte costituzionale: note biografiche giudice. Archiviato il 3 febbraio 2012 in Internet Archive.
  2. ^ I Pensieri a Giulia sono alcuni scritti di Capograssi, vergati su foglietti e consegnati alla sua futura moglie Giulia Ravaglia dal dicembre del 1918 al 18 febbraio 1924, data del loro matrimonio. Nei Pensieri, poi raccolti e pubblicati, si colgono i momenti salienti della sua maturazione intellettuale e spirituale che culminerà nella conversione.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio Delogu e Aldo Maria Morace, Esperienza e verità - Giuseppe Capograssi: un Maestro oltre il suo tempo, Bologna, Il Mulino, 2009.
  • Antonio Delogu (a cura di) Antonio Pigliaru, Saggi capograssiani, Roma, SPES, 2010.
  • Antonio Delogu, Introduzione alla Analisi della esperienza comune in: Giuseppe Capograssi, La vita etica, a cura di Francesco Mercadante, Milano, Bompiani, 2007.
  • M. G. Esposito, Diritto e vita, La lezione di Capograssi, Milano, Giuffrè, 1997.
  • Antonio Merlino, La recezione di Kelsen in Italia : Santi Romano e Giuseppe Capograssi, in Challenging Centralism : decentramento e autonomie nel pensiero politico europeo, Firenze, Firenze University Press, 2011
  • Ulderico Pomarici, L'individuo oltre lo Stato. La filosofia del diritto di Giuseppe Capograssi, Napoli, Editoriale Scientifica, 1996
  • Vincenzo Lattanzi, Giuseppe Capograssi – I sentieri dell'uomo comune, con Prefazione di Francesco Mercadante, EDIZIONI SOLFANELLI, 2011.
  • Jesús Ballesteros, La filosofía jurídica de Giuseppe Capograsi, Roma-Madrid, Instituto Jurídico Español de Roma, C.S.I.C., 1973 (in spagnolo)
  • Raffaele Panico, Giuseppe Capograssi: le nuove generazioni e l'unità del Mondo. La scoperta dell'individuo contemporaneo nel segno del personalismo cristiano, Rinascita 'Filosofia', pag. 16 'Cultura', edizione quotidiana del 9/10 febbraio 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN9969797 · LCCN: (ENn90711418 · SBN: IT\ICCU\CFIV\096142 · ISNI: (EN0000 0000 8089 1309 · GND: (DE11902652X · BNF: (FRcb12669292x (data) · BAV: ADV10251761