Nunzio Federigo Faraglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Nunzio Federigo Faraglia (Pescocostanzo, 31 luglio 1841Sulmona, 9 febbraio 1920) è stato un abate, storico e filologo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha studiato presso l'Abbazia di Montecassino, dove ha avuto tra i suoi maestri Luigi Tosti. È poi entrato nel Grande Archivio di Stato di Napoli, di cui è stato responsabile, distinguendosi per la sua attività di archivista e paleografo e per importanti studi compiuti, in particolare, sulla storia del Regno di Napoli e sull'Abruzzo in età medievale.

I suoi lavori erano intessuti di rigore filologico e caratterizzati da un'indagine, sia in chiave storico-economica che storico-sociale, che non escludeva anche un'analisi corografica, come nel caso del Saggio di corografia abruzzese medioevale, nel quale individua, a seconda delle diverse epoche, i confini dei gastaldati, delle contee e delle diocesi abruzzesi, soffermandosi anche sulla controversa origine del nome territoriale Aprutium.

A lui si deve, in particolare, il ritrovamento, la raccolta e la pubblicazione del Codice diplomatico sulmonese.

Tuttavia, si è imposto all'attenzione della storiografia e dell'erudizione meridionale anche per altri importanti studi, frequentemente citati, quali quelli su Ettore Fieramosca e la disfida di Barletta, sulla storia dei prezzi a Napoli (1131-1860), così come sulla storia dei comuni dell'Italia meridionale (1100-1806). Quest'ultima ricerca è stata premiata dall'Accademia Pontaniana, che ne ha deliberato la pubblicazione. La giuria era nell'occasione presieduta dallo storico Bartolommeo Capasso, del quale proprio l'erudito abruzzese terrà la commemorazione nella tornata del 14 agosto 1900 della stessa Accademia.

Zio materno di Giuseppe Capograssi, Nunzio Faraglia fu amico di Benedetto Croce, condividendo con lui gli impegni di ricerca confluiti in numerosi saggi pubblicati sui periodici «Napoli nobilissima» e «Archivio storico per le provincie napoletane».

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Storia dei prezzi in Napoli dal 1131 al 1860, Tip. Nobile, Napoli 1878.
  • Il bilancio municipale del 1614 e gli antichi statuti del reggimento della città di Sulmona, Tip. Nobile, Napoli 1879.
  • Le memorie degli artisti napoletani pubblicate da Bernardo De Dominici. Studio critico, Tip. Giannini, Napoli 1882.
  • Il Comune nell'Italia meridionale: 1100-1806. Studio storico, Tip. della Regia Università, Napoli 1883.
  • Ettore e la casa Fieramosca. Con appendice e documenti sui cavalieri della disfida di Barletta, Morano, Napoli 1883.
  • Delle credenze religiose dei greci e dei latini. Manuale di mitologia, Morano, Napoli 1884.
  • Fabio Colonna, linceo Napoletano, Tip. Giannini, Napoli 1885.
  • La disfida di Barletta. Racconto storico, Barbera, Firenze 1886.
  • Barbato di Sulmona e gli uomini di lettere della corte di Roberto d'Angiò, Tip. Cellini, Firenze 1889.
  • Saggio di corografia abruzzese medioevale, Tip. Giannini, Napoli 1892.
  • I miei studii storici delle cose abruzzesi, Carabba, Lanciano 1893.
  • Studii intorno al regno di Giovanna seconda d'Angiò, Tip. della Regia Università, Napoli 1896.
  • La numerazione dei fuochi nelle terre della Valle del Sangro fatta nel 1447, Tip. De Arcangelis, Casalbordino 1898.
  • Relazione intorno all'Archivio della dogana delle pecore di Puglia, Stab. Tessitore, Napoli 1903.
  • Storia della regina Giovanna seconda d'Angiò, Carabba, Lanciano 1904.
  • Storia delle lotte tra Alfonso quinto d'Angiò e Renato d'Angiò, Carabba, Lanciano 1908.
  • La chiesa di Santa Maria della Tomba in Sulmona, Tip. Angeletti, Sulmona 1908.
  • La chiesa primitiva e il monastero di S. Bernardino nell'Aquila. Memorie francescane, Tip. Vecchi, Trani 1912.

Curatele[modifica | modifica wikitesto]

  • Codice diplomatico sulmonese raccolto da Nunzio Federigo Faraglia, Carabba, Lanciano 1888.
  • Ettore Pignatelli, Diurnali detti del duca di Monteleone nella primitiva lezione da un testo a penna, posseduto dalla Società napoletana di storia patria, pubblicati a cura di Nunzio Federico Faraglia, Giannini, Napoli 1895.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Raffaele Aurini, Dizionario bibliografico della Gente d'Abruzzo, ad vocem;
  • A. Capograssi, Nunzio Federico Faraglia e le sue opere, in "Atti del Convegno Storico Abruzzese Molisano del 1931", vol. II, pp. 705-722;
  • G. Papponetti (a cura di), Nunzio Federigo Faraglia nel centenario del Codice Diplomatico Sulmonese (Atti del Convegno di studi, Sulmona, 16-17 aprile 1988), Rocco Carabba, Sulmona, 1989.
  • U. Russo, Faraglia, Nunzio Federigo, voce (online) del Dizionario Biografico degli Italiani

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN12323229 · ISNI (EN0000 0000 8076 3550 · BNF (FRcb12030726p (data)