Giovanni Pietro da Cemmo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Pietro da Cemmo (Cemmo ?, XV secoloXVI secolo) è stato un pittore italiano.

Sposalizio di Maria nella Chiesa dell'Annunciata di Piancogno, opera firmata da Giovanni Pietro Da Cemmo
Composizione di affreschi nella Chiesa di Santa Maria Assunta a Esine attribuiti a Giovanni Pietro Da Cemmo
Sibilla Persica nella Chiesa di San Rocco a Bagolino attribuita a Giovanni Pietro Da Cemmo

Le notizie sulla vita dell'artista sono assai poche: si conosce con certezza che fu attivo dal 1474 al 1504 in una vasta area comprendente la bresciana ed il cremonese.[1]

Discende probabilmente da una famiglia di pittori che da Treviglio si stabilirono a Cemmo, in Valcamonica, nel XV secolo, conosciuta come De Grechis. Tra i componenti di questa famiglia sono ricordati mastro Ghirardo e mastro Paroto, che nel 1447 firmò un polittico per la pieve di San Siro a Cemmo.[senza fonte]

Si nota nel suo stile, almeno fino al 1486 una impronta goticheggiante di stampo lombardo-veneto, mentre nell'ultimo periodo compreso tra il 1498 ed il 1504 si rintraccia una influenza di Vincenzo Foppa e del Bramante.[1]

Cronologia delle opere[modifica | modifica wikitesto]


A lui sono anche attribuiti gli affreschi della chiesa di San Giovanni Battista nel rione di Chiuso a Lecco.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Enciclopedia Treccani su Treccani.it (XML), treccani.it. URL consultato il 25 settembre 2009.
  2. ^ a b c d Chiara De Capoa, Giovan Pietro da Cemmo...", op. cit., p. 108, books.google.it. URL consultato il 25 settembre 2009.
  3. ^ a b Chiara De Capoa, Giovan Pietro da Cemmo...", op. cit., p. 109, books.google.it. URL consultato il 25 settembre 2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Maria Luisa Ferrari, Giovan Pietro da Cemmo. Fatti di pittura bresciana del Quattrocento, Milano, Ceschina, 1956.
  • Franco Mazzini, Santa Maria Assunta a Esine. I dipinti murali di Giovan Pietro da Cemmo. I restauri., Azzano San Paolo, Bolis edizioni, 2000.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN137959863 · LCCN: (ENnr88004529 · ULAN: (EN500007619