Gian Bernardo Frugoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gian Bernardo Frugoni

Doge della Repubblica di Genova
Re di Corsica
Durata mandato 28 ottobre 1660 –
22 marzo 1661
Predecessore Giovanni Battista Centurione
Successore Antoniotto Invrea

Dati generali
Prefisso onorifico Serenissimo doge

Il Serenissimo Gian Bernardo Frugoni (Genova, 1591Genova, 22 marzo 1661) fu il 115º doge della Repubblica di Genova e re di Corsica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Genova intorno al 1591; la sua famiglia era originaria di Chiavari, nel levante ligure.

Studiò lettere, ma all'età di 25 anni intraprese la carriera militare e di stato adempiendo a diversi incarichi difensivi a Savona, nell'Oltregiogo e nella stessa Genova dove fu tra i Trenta capitani di città.

Estratto per quattro volte senatore della Repubblica, Gian Bernardo Frugoni ricoprì le cariche di procuratore, di governatore e di supremo sindacatore. Con una buona maggioranza di voti fu eletto doge il 28 ottobre del 1660: la settantesima in successione biennale e la centoquindicesima nella storia repubblicana. In qualità di doge fu investito anche della correlata carica biennale di re di Corsica.

Il suo dogato fu pressoché breve in quanto improvvisamente morì a Genova il 22 marzo 1661. Dopo un solenne funerale nella cattedrale di San Lorenzo il corpo di Gian Bernardo Frugoni fu tumulato all'interno della chiesa di San Francesco di Castelletto.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sergio Buonadonna, Mario Mercenaro, Rosso doge. I dogi della Repubblica di Genova dal 1339 al 1797, Genova, De Ferrari Editori, 2007.