Agostino Pallavicini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Agostino Pallavicini
Agostino Pallavicini-doge.jpg

Doge della Repubblica di Genova
Re di Corsica
Durata mandato 13 luglio 1637 –
13 luglio 1639
Predecessore Giovanni Francesco Brignole Sale
Successore Giovanni Battista Durazzo

Governatore di Corsica
Durata mandato 1606 –
1608
Predecessore Domenico Della Torre
Successore Raffaello Giustiniani

Dati generali
Prefisso onorifico Serenissimo doge

Il Serenissimo Agostino Pallavicini (Genova, 1577Genova, 1649) fu il 103º doge della Repubblica di Genova e re di Corsica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Stemma nobiliare dei Pallavicini

Scarne e approssimative le notizie biografiche sulla figura del patrizio genovese Agostino Pallavicini. Figlio di Francesco e Violante Grimaldi, nacque a Genova nel 1577 (o 1575 secondo altre fonti).

Per la Repubblica di Genova ricoprì diversi incarichi istituzionali, tra questi la nomina di governatore di Corsica nel periodo tra il 1606 e il 1608 e la carica di protettore del Banco di San Giorgio nel 1625.

Il 13 luglio 1637 fu investito dal Gran Consiglio della massima carica dogale: la cinquantottesima in successione biennale e la centotreesima nella storia repubblicana. In qualità di doge fu investito anche della correlata carica biennale di re di Corsica. Sotto il suo comando si iniziò la costruzione del molo della Lanterna di Genova.

Nominato procuratore perpetuo al termine del mandato, il 13 luglio 1639, morì a Genova nel corso del 1649. Il suo corpo venne sepolto all'interno della chiesa di San Siro.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sergio Buonadonna, Mario Mercenaro, Rosso doge. I dogi della Repubblica di Genova dal 1339 al 1797, Genova, De Ferrari Editori, 2007.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN305192294 · ULAN (EN500355017