George Burns

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando George Burns, generale britannico, vedi George Burns (militare).

George Burns, pseudonimo di Nathan Birnbaum (New York, 20 gennaio 1896Los Angeles, 9 marzo 1996), è stato un comico e attore statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

George Burns con Gracie Allen nel 1952

Cresciuto artisticamente nel genere del vaudeville all'inizio del XX secolo, George Burns passò al cinema all'avvento del sonoro e interpretò diverse commedie e film musicali accanto alla moglie, l'attrice Gracie Allen[1], lavorando per le più grandi case cinematografiche dell'epoca, come la Paramount, la RKO e la MGM[1].

Insieme a Gracie Allen ebbe inoltre un grande successo sul piccolo schermo, interpretando la popolare sitcom televisiva The George Burns and Gracie Allen Show, in onda dal 1950 al 1958.

Dopo che la Allen, per motivi di salute, lasciò la serie al termine della stagione 1957-1958, Burns cercò di proseguire lo show con lo stesso cast, ma senza la moglie, in una nuova serie dal titolo The George Burns Show, che però durò una sola stagione (1958-1959). Tornato a lavorare come comico solista, fu interprete di un'altra sitcom, Wendy and Me, che anche in questo caso andò in onda per una sola stagione (1964-1965).

Dopo oltre trent'anni dalla sua ultima apparizione cinematografica, George Burns fece ritorno sul grande schermo solo nel 1975, riportando in vita il suo caratteristico personaggio, invecchiato ma sempre brillante[1]. Con il sigaro tra i denti, lo sguardo acuto e la capacità di avere la battuta sempre pronta, Burns diede vita con Walter Matthau a un mirabile duetto nella commedia I ragazzi irresistibili (1975) di Herbert Ross[1]. I due interpretarono una coppia di anziani attori, un tempo divi del varietà, la cui stizzosa rivalità e reciproca antipatia compromette il progetto di una loro rentrée televisiva[1]. La brillante interpretazione del bisbetico Al Lewis valse a Burns il premio Oscar al miglior attore non protagonista nel 1976.

Malgrado l'avanzare dell'età, Burns continuò a recitare, per lo più facendo delle apparizioni autocelebrative, ma interpretando ancora alcuni film come Bentornato, Dio! (1977) e il beatlesiano Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band (1978)[1].

Sulla sua longevità, venne un giorno intervistato dall'attrice Goldie Hawn, che gli chiese: «Come sei arrivato a 90 anni fumando sempre 20 sigari al giorno...?», e lui rispose: «A una certa età è meglio essere regolari...!» (fonte televisiva americana)[senza fonte]

Morì nel 1996, alla veneranda età di 100 anni.

Apparve nell'episodio Rosebud della serie a cartoni animati I Simpson, dove lo si vede da ragazzino, come fratello del Signor Burns.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Kennedy Center Honors - nastrino per uniforme ordinaria Kennedy Center Honors
— 1988

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Le Garzantine - Cinema, Garzanti, 2000, pag. 153

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Oscar al miglior attore non protagonista Successore
Robert De Niro
per Il padrino - Parte II
1976
per I ragazzi irresistibili
Jason Robards
per Tutti gli uomini del Presidente
Controllo di autorità VIAF: (EN79171490 · LCCN: (ENn79065048 · ISNI: (EN0000 0000 8159 1906 · GND: (DE118873849 · BNF: (FRcb139875105 (data)