Gabriella Greison

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gabriella Greison

Gabriella Greison (Milano, 12 marzo 1974) è una fisica, scrittrice, drammaturga e attrice teatrale italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gabriella Greison si laurea in fisica nucleare presso l'Università Statale di Milano con una tesi sullo studio sperimentale della propagazione di elettroni veloci in una camera a vuoto.[1] In seguito ha lavorato per due anni presso il centro di ricerche École polytechnique di Palaiseau a Parigi. È direttrice del primo Festival della Fisica in Italia.[2]

Giornalista[modifica | modifica wikitesto]

Ha collaborato con Radio Popolare, Rai Radio Due e Radio DeeJay, con Il manifesto e la Gazzetta dello Sport, quindi nel 2013-2014 con Rai Due, Rai Tre e Rai Italia.[3] Nella stagione 2015-2016 ha collaborato come autrice con Rai Due. Dal 2013 al 2016 ha scritto reportage per Il Fatto Quotidiano. Uno di questi ha ispirato La guerra del pallone, per raccontare il sogno di pace tra Israele e Palestina tramite il calcio. Da marzo 2019 collabora con La Repubblica, scrivendo di fisica e scienza.

Intrattenimento e divulgazione scientifica[modifica | modifica wikitesto]

Si occupa di divulgazione scientifica per diversi programmi radiofonici nazionali, ha condotto ed è ospite di programmi di approfondimento scientifico.

L'estate 2016 conduce su Rai Radio Due il programma quotidiano Colpo di sole.

Nel 2016-2017 collabora con RaiNews24 creando e conducendo Pillole di fisica. Nell'estate 2018 scrive e conduce su Rai Radio Due il programma del weekend Ovunque6 Estate con la storia a puntate di Mileva, una bambina di 13 anni alla scoperta del mondo.

Dall'estate 2018 scrive su Robinson, l'allegato culturale del quotidiano La Repubblica, di argomenti scientifici, tecnologie, attualità, fisica, letteratura, teatro.

È ospite fissa del programma Sapiens con storie sui fisici del XX Secolo.

Dal 2019 ha una rubrica fissa sull'allegato scientifico del quotidiano La Repubblica, chiamata Pillole di fisica.

Scrittrice, drammaturga e attrice[modifica | modifica wikitesto]

I suoi libri vedono protagonisti i fisici del XX Secolo, alcuni sono stati trasposti in monologhi teatrali[4], che la vedono protagonista; è stata definita la "donna della fisica divulgativa italiana"[5] e anche la "rockstar della fisica in Italia".[6]

Con Giancarlo Giannini ha lavorato per un anno alla scrittura del libro autobiografico Sono ancora un bambino (ma nessuno può sgridarmi), pubblicato in Italia da Longanesi. Il libro ha vinto il Premio Cesare Pavese 2015, nella sezione romanzi.

Per Hoepli ha scritto Dove nasce la nuova fisica.

Romanzo d'esordio[modifica | modifica wikitesto]

A seguito di una ricerca più approfondita sul posto dedicata all'anno 1927 in cui venne creata la fisica quantistica dai 29 personaggi ritratti in una famosa fotografia del V dei Congressi Solvay, Gabriella Greison scrive L'incredibile cena dei fisici quantistici, edito da Adriano Salani Editore.[7][8] Prendendo spunto dal libro, scrive il Monologo quantistico. Dalla stagione 2016-2017 diventa uno spettacolo teatrale, prodotto dal Teatro Menotti di Milano[9], dal titolo 1927 - Monologo Quantistico.

Nel 2017, per festeggiare i 60 anni della casa editrice Bollati Boringhieri, le commissionano la creazione di un nuovo monologo, chiamato "L'alfabeto dell'universo", in scena al Planetario di Milano e al Salone del Libro di Torino. Per la stessa casa editrice pubblica il suo nuovo libro Sei donne che hanno cambiato il mondo[10], un saggio che racconta le scienziate che hanno segnato la storia[11]. Con questo libro Greison è entrata nella cinquina dei finalisti al Premio letterario Galileo per la divulgazione scientifica 2018[12], vincendo la medaglia di bronzo.

Il 7 novembre 2017, per i 150 anni dalla nascita di Marie Curie (l'unica donna presente nella foto del 1927), debutta nel suo monologo teatrale, Due donne ai raggi x: Marie Curie e Hedy Lamarr, ve le racconto io, sul palco della Sala Umberto di Roma[13], con la regia di Giampiero Cicciò.[14] In contemporanea esce in libreria il suo Superdonne! edito da Adriano Salani Editore, un libro illustrato per bambini con 20 storie della buonanotte dedicate ad altrettante scienziate.[15]

È direttrice artistica, ideatrice e curatrice del primo Festival della Fisica[2], la prima edizione si è svolta a Milano al Teatro Menotti, dovo ha debuttato del nuovo spettacolo sulla fisica Faust a Copenaghen, oltre ai vari spettacoli, incontri, dibattiti, con fisici e sulla fisica.[16]

Altri lavori di ricostruzione storica basati sulla fisica[modifica | modifica wikitesto]

A Marzo 2018 è uscito in libreria Hotel Copenaghen, pubblicato da Adriano Salani Editore in seguito alle sue ricerche fatte a Copenaghen[17][18] sugli incontri avvenuti nel XX secolo tra Niels Bohr e a Werner Heisenberg[19]. Da quest'ultimo romanzo ha tratto lo spettacolo Faust a Copenaghen[20] che racconta di quando i fisici quantistici del XX Secolo si riunivano a Copenaghen da Niels Bohr[21][22]. La seconda edizione del Festival è a Roma[23] allo Spazio Diamante[24].

Dopo le sue ricerche a Zurigo e Berna, negli istituti scientifici e le università[25][26], nel settembre 2018 fa uscire Einstein e io per Adriano Salani Editore, da cui ha tratto il monologo Einstein & me con l'anteprima alla Sala Umberto di Roma il 23 settembre 2018[27] in tour nei teatri di tutta Italia[28][29], in parallelo agli altri due (Monologo Quantistico e Due donne ai Raggi X). Da questo romanzo in avanti inizia la sua narrazione di Mileva Marić e il Corriere della Sera la definisce la sua biografa ufficiale.[senza fonte]

Il 18 marzo 2019 esce su Audible il suo podcast Il cantico dei Quanti.

Il 18 aprile 2019 esce il romanzo La leggendaria storia di Heisenberg e dei fisici di Farm Hall a cui fa seguito il debutto del nuovo monologo omologo al teatro di Sori il 10 maggio 2019[30]: dopo lunghe ricerche sul posto, in questi lavori Greison approfondisce Werner Heisenberg, in particolare si sofferma sul suo periodo trascorso nella villa di Farm Hall insieme ad altri 9 fisici, in quella che è stata definita una sorta di primo Grande Fratello tra scienziati della storia.[senza fonte]

Dopo le sue ricerche a Princeton, a Gennaio 2020 esce la sua biografia di Albert Einstein nel libro Einstein forever, pubblicato da Bollati Boringhieri.

Nel marzo 2020 esce su Audible il suo secondo podcast Cara Marie Curie....

Nel settembre 2020 la studiosa pubblica con Mondadori il suo romanzo Ucciderò il gatto di Schrödinger, dopo un anno di ricerche tra Vienna, San Francisco e Princeton. Questa volta il fisico del XX Secolo che racconta è Erwin Schrödinger, e affronta la fisica quantistica da un nuovo punto di vista [31].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Varie[modifica | modifica wikitesto]

Opere di ricostruzione storica basate sulla fisica[modifica | modifica wikitesto]

Prosa teatrale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Sophie Baton, Francois Amiranoff e Dimitri Batani, Study of fast electron propagation in ultraintense laser pulse interaction with solid targets from Optical Transition Radiation diagnostics, in APS, vol. 42, 2000-10, pp. GO2.013. URL consultato il 6 luglio 2020.
  2. ^ a b Nicla Panciera, La fisica torna a essere pop, su La Stampa, 20 marzo 2018. URL consultato il 6 luglio 2020.
  3. ^ Massimo Galanto, Pane Quotidiano, ogni mattina su Rai3 dal 23 settembre, in Tvblog, 19 settembre 2013. URL consultato il 6 luglio 2020.
  4. ^ Marianna Rizzini, A cena con Einstein e Curie, un libro (e spettacolo) rende rock la Fisica, su Il Foglio, 21 Ottobre 2016. URL consultato il 6 luglio 2020.
  5. ^ Flavia Piccinni, "Alle ragazze che mi dicono 'sei così bella, perché studi fisica?' rispondo: 'fregatevene, voi potete essere tutto'", su L'HuffPost, 8 aprile 2018. URL consultato il 6 luglio 2020.
  6. ^ Gabriella Greison, Che fisica, su Il Foglio, 22 Maggio 2018. URL consultato il 19 giugno 2019.
  7. ^ Storia di una foto e di una cena che 90 anni fa cambiarono per sempre la scienza, su Agi, 29 ottobre 2017. URL consultato il 6 luglio 2020.
  8. ^ Gabriella Greison, 'Dove nasce la nuova fisica', i retroscena delle vite private di 29 premi Nobel, su Leggo, 1º Febbraio 2016. URL consultato il 16 luglio 2019.
  9. ^ A Milano: 1927 - Monologo Quantistico, di e con Gabriella Greison" Archiviato il 27 giugno 2016 in Internet Archive.
  10. ^ Alessio Cozzolino, Gabriella Greison: «Sono una fisica, scrivo e faccio teatro perché nessuno si permetta ancora di dire: “Sei bella, perché vuoi studiare fisica?”», su Corriere della Sera, 23 ottobre 2017. URL consultato il 6 luglio 2020.
  11. ^ Eva Grippa, Donne e STEM: sei scienziate che ci hanno aperto la strada, su D.it Repubblica, 18 settembre 2017. URL consultato il 6 luglio 2020.
  12. ^ Premio letterario Galileo 2018, su Comune di Padova, 23 maggio 2018. URL consultato il 6 luglio 2020.
  13. ^ Daniela Giammusso, La nuova stagione della Sala Umberto di Roma, su ANSA, 1º giugno 2017. URL consultato il 6 luglio 2020.
  14. ^ Rassegna stampa
  15. ^ Paola Medori, Storie e vite di Super donne che hanno fatto la Scienza, su Fox, 25 ottobre 2017. URL consultato il 6 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2018).
  16. ^ Elisabetta Ruffolo, Gabriella Greison a Fattitaliani: le vite dei grandissimi ci aiutano a cogliere il senso delle nostre piccole battaglie. L'intervista, su Fattitaliani.it, 17 gennaio 2018. URL consultato il 6 luglio 2020.
  17. ^ Gabriella Greison, Anteprima del mio nuovo romanzo HOTEL COPENAGHEN oggi sul ‘Venerdì di Repubblica’ con tre pagine bellissime! E il libro esce giovedì…prenotatelo di già!, su Greison Anatomy, 7 marzo 2018. URL consultato il 6 luglio 2020.
  18. ^ Giuliano Aluffi, L'incontro esplosivo all'Hotel Copenaghen, su la Repubblica, 5 marzo 2018. URL consultato il 6 luglio 2020.
  19. ^ Giulia Ciarapica, Hotel Copenaghen, su Il Foglio, 31 maggio 2018. URL consultato il 6 luglio 2020.
  20. ^ Gabriella Greison, Debutto nazionale di FAUST A COPENAGHEN a Milano – tratto dal mio nuovo romanzo HOTEL COPENAGHEN – ecco il racconto!, su Greison Anatomy, 20 aprile 2018. URL consultato il 6 luglio 2020.
  21. ^ Intervista a Gabriella Greison, quando la fisica diventa un’opera d’arte, su Artwave, 9 aprile 2018. URL consultato il 6 luglio 2020.
  22. ^ Adriana Marmiroli, Dna, atomi, premi Nobel: se va in scena la scienza, su La Stampa, 3 aprile 2018. URL consultato il 6 luglio 2020.
  23. ^ Gabriella Greison apre il primo Festival della Fisica a teatro, su la Repubblica, 18 maggio 2018. URL consultato il 6 luglio 2020.
  24. ^ Il Festival della Fisica arriva a Roma, su AGI, 16 maggio 2018. URL consultato il 6 luglio 2020.
  25. ^ Greison risponde a domande che nessuno si stava facendo su Einstein, su gqitalia.it.
  26. ^ Francesco Menichella, Albert Einstein e Mileva Marić: E=mc² come nessuno lo ha mai spiegato, su GQ Italia, 18 settembre 2018. URL consultato il 6 luglio 2020.
  27. ^ Patrizia Simonetti, Sala Umberto, la nuova stagione con Cristicchi, Iacchetti, Reggiani e Greison, su SpettacoloMania.it, 9 maggio 2018. URL consultato il 6 luglio 2020.
  28. ^ Giulia Cassini, Gabriella Greison, “Quanto amore nella fisica” e tra le righe, su Il Secolo XIX, 22 gennaio 2019. URL consultato il 6 luglio 2020.
  29. ^ Genova: in scena l’omaggio a Mileva, moglie di Einstein, su Il Secolo XIX, 14 marzo 2019. URL consultato il 6 luglio 2020.
  30. ^ La leggendaria storia di Heisenberg e dei fisici di Farm Hall con Gabriella Greison, su Soriteatro. URL consultato il 6 luglio 2020.
  31. ^ Siamo come gatti in scatola, su Repubblica. URL consultato il 14 settembre 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN1204148876444849740003 · LCCN (ENno2014131460 · GND (DE112644183X · WorldCat Identities (ENlccn-no2014131460