Franco Marmiroli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Franco Marmiroli
Franco Marmiroli.jpg
Marmiroli con la maglia del Cosenza nel 1963
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 1972
Carriera
Squadre di club1
1957-1960 Parma 55 (14)
1960 Roma 0 (0)
1960-1961 Genoa 18 (1)
1961-1962 Modena 24 (2)
1962-1966 Cosenza 122 (14)
1966-1967 Cremonese 13 (2)
1967-1968 Cosenza 2 (0)[1]
1970-1972 Guastalla 60 (?)
Carriera da allenatore
1971-1972Suzzara
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Franco Marmiroli (Polesine, 8 maggio 1938) è un ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo tre anni in Serie B con la maglia del Parma, nella stagione 1960-1961 fa parte della rosa della Roma, senza tuttavia disputare gare in campionato né nella Coppa delle Fiere vinta proprio dai giallorossi.

Marmiroli (in piedi, secondo da sinistra) nel Parma del 1957-1958

Viene poi ceduto nella sessione autunnale del calciomercato al Genoa, con cui totalizza nel resto della stagione 18 presenze ed una rete in Serie B.

Dopo una stagione sempre fra i cadetti al Modena dove conquista la promozione in Serie A realizzando 2 reti in 24 presenze, si trasferisce in Calabria dove diviene un punto fermo del Cosenza degli anni sessanta, disputando fra l'altro 67 gare in Serie B, condite da 7 gol, tra il 1962 ed il 1964.

Retrocesso in Serie C rimane sempre nel Cosenza fino al 1968, lasciando la squadra calabrese dopo aver totalizzato 122 partite di campionato con 14 gol all'attivo. Passa alla Cremonese nella stagione 1966-1967 in Serie C contribuendo alla salvezza.

Chiude la carriera vestendo la maglia del Guastalla, in Serie D, dove rimane sino al 1972.

In carriera ha totalizzato complessivamente 164 presenze e 24 reti in Serie B.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Almanacco illustrato del Calcio, Carcano edizioni, 1969, p. 230.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]