Franco Abbina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Franco Abbina (il secondo da sinistra) in un fotogramma del film Il medico della mutua (1968)

Franco Abbina, accreditato anche come Franco Abbine o Franco Abbiana (Roma, 31 marzo 1934[1]), è un attore italiano, attivo fino alla prima metà degli anni settanta.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato da una famiglia di origini spagnole, prima di entrare nel campo della recitazione, Franco Abbina si dedica agli studi di economia e musica[2];una volta terminati gli studi, entra a far parte dell'ambiente cinematografico nella prima metà degli anni sessanta in qualità di comprimario; recita più volte al fianco dell'attore-regista Alberto Sordi.

Tra i suoi ruoli cinematografici più importanti, quello del dottor Misticò, uno dei medici presenti nei film Il medico della mutua (1968) e Il prof. dott. Guido Tersilli primario della clinica Villa Celeste convenzionata con le mutue (1969) in cui cerca, insieme ai colleghi, di mettere in cattiva luce il protagonista Alberto Sordi.

Altro ruolo degno di nota è in Nell'anno del Signore, in cui interpreta il principe Filippo Spada che subisce un tentativo di omicidio da parte dei carbonari Targhini e Montanari.

Nel 1970 Franco Abbina partecipa al film Contestazione generale, sempre diretto dal regista Luigi Zampa, come in alcuni precedenti film in cui aveva preso parte, ma a causa del taglio causato dalla censura dell'episodio La bomba alla televisione in cui recita assieme a Vittorio Gassman che ne era il protagonista, il suo ruolo è assente in quanto il film, dopo la prima uscita nelle sale italiane, viene ritirato e rimaneggiato, rimuovendo completamente l'intero episodio.

Dopo aver dato vita ad una quindicina di personaggi tra cinema, televisione e teatro di prosa[3], Franco Abbina si ritira dal mondo dello spettacolo intorno alla prima metà degli anni settanta e si dedica alla pittura, per la quale inizia a mostrare interesse illustrando un libro di poesie della poetessa Alda Merini ed esponendo ad una mostra a Roma.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Franco Abbina, Libertà di sognare: storie e leggende che non sono mai state, presentazione di Alda Merini, Roma, Gangemi, 2003.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elenco Artisti Settore Audiovisivo Rappresentati da Nuovo IMAIE (al 31/01/2014) (PDF), su areasoci.nuovoimaie.it, IMAIE. URL consultato il 16 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 17 settembre 2015).
  2. ^ Franco Abbina, su levurelitteraire.com.
  3. ^ Gino Nogara, Cronache degli spettacoli nel Teatro Olimpico di Vicenza dal 1585 al 1970, Vicenza, Accademia Olimpica, 1972, p. 350. Giorgio Prosperi, Mario Prosperi, Raffaele La Capria, Sinceramente preoccupato di intendere: sessant'anni de critica teatrale. 1940-1969, Roma, Bulzoni, 2004, pp. 199; 446. Alessandro Fersen, Roberto Cuppone, Alessandro Fersen e la commedia dell'arte, Roma, Aracne, 2009, p. 230.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]