Follie d'inverno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Follie d'inverno
Swing Time lobby card 1936.JPG
Titolo originaleSwing Time
Lingua originaleinglese / francese
Paese di produzioneStati Uniti
Anno1936
Durata105 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,37 : 1
Generecommedia, musicale
RegiaGeorge Stevens
SoggettoErwin Gelsey
ProduttorePandro S. Berman (non accreditato)
Casa di produzioneRKO Radio Pictures
Distribuzione (Italia)RKO (1938)
FotografiaDavid Abel
MontaggioHenry Berman
MusicheJerome Kern
Dorothy Fields (testi delle canzoni)
Nathaniel Shilkret (direttore musicale)
ScenografiaVan Nest Polglase
CostumiBernard Newman
John W. Harkrider (per Bojangles)
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Follie d'inverno (Swing Time) è un film del 1936 diretto da George Stevens.

Si tratta del sesto dei dieci film interpretati dalla coppia Fred Astaire-Ginger Rogers.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

John detto “Lucky”, un ballerino con la passione per il gioco, promette alla fidanzata di sposarla non appena avrà messo da parte 25.000 dollari. Così salta su un treno diretto a New York in cerca di fortuna e qui si imbatte in Penny, anche lei ballerina. Invaghitosi della ragazza, Lucky cerca di conquistarla, nonostante ella abbia ricevuto una proposta di matrimonio da un direttore d'orchestra. Ma tra un balletto e l'altra inevitabilmente sboccia l'amore.

Numeri musicali[modifica | modifica wikitesto]

  • Per realizzare il numero Never gonna dance furono girati 47 ciak nell'arco di una sola giornata. Per Ginger Rogers fu una sequenza talmente impegnativa che alla fine delle riprese le sanguinavano i piedi.
  • Nella canzone The Way You Look Tonight si vede Ginger Rogers che si lava i capelli. La troupe provò diversi tipi di shampoo e saponi e persino uova montate a neve, ma la finta schiuma continuava a colarle sul viso. Alla fine fu utilizzata panna montata.
  • L'idea delle ombre che ballano nel numero Bojangles of Harlem, venne in mente al coreografo Hermes Pan e a Fred Astaire durante le prove, quando tre differenti fonti di luce illuminarono involontariamente Astaire, producendo in tal modo le tre ombre.
  • Tra i dieci musical interpretati al fianco di Fred Astaire, questo era il preferito da Ginger Rogers.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) AFI's 100 Years... 100 Movies - 10th Anniversary Edition, American Film Institute. URL consultato il 12 ottobre 2014.
  2. ^ (EN) Librarian of Congress Adds 25 Films to National Film Registry, Library of Congress, 28 dicembre 2004. URL consultato il 7 gennaio 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Arlene Croce, The Fred Astaire & Ginger Rogers Book, Vitage Books, 1972 ISBN 0-394-72476-3
  • Patrick McGilligan Ginger Rogers - Storia illustrata del cinema, Milano Libri Edizioni, ottobre 1977 (versione italiana di Ginger Rogers, Pyramid Communications Inc., 1975)
  • (EN) Richard B. Jewell, Vernon Harbin: The RKO Story, Arlington House, 1982 Octopus Books Limited - ISBN 0-517-546566

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN184542559 · GND (DE7685564-8
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema