Fieno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Balla cilindrica di fieno
Una "Harpfe" a Sesto in Val Pusteria. I "Harpfen" vengono usate per l'essicazione dei cereali (non per l'essicazione del fieno) Sesto in val Pusteria

Per fieno si intende dell'erba essiccata in modo particolare, raccolta e immagazzinata ai fini di alimentare determinati animali, in particolare bovini, equini, caprini e ovini.

Anche i piccoli animali domestici come conigli e piccoli roditori possono mangiare il fieno. Soprattutto per i conigli l'alimentazione corretta è a base di fieno, senza cereali, pane, pellets o quant'altro. Il fieno per i conigli rappresenta l'alimento principe, importante anche per mantenere una corretta masticazione, consumando i denti ed evitando problemi di malocclusione. I maiali invece non digeriscono molto bene le fibre vegetali.

Il fieno viene usato come alimento principale quando o dove non ci sono abbastanza pascoli a disposizione, questo può accadere a causa delle condizioni climatiche come durante l'inverno oppure dove non ci sono pascoli disponibili in quanto il terreno viene impiegato per l'agricoltura.

Il fieno viene tagliato e raccolto più volte nel corso dell'anno. A seconda del periodo in cui avviene questa operazione, prende nomi diversi:

  • fieno di primo taglio: detto maggengo, perché viene raccolto in maggio (ma anche in giugno), è il fieno migliore;
  • fieno di secondo taglio: detto agostano;
  • fieno di terzo taglio: detto settembrino o grumereccio o terzuolo è quello con qualità nutritive inferiori.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

agricoltura Portale Agricoltura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di agricoltura