F Is for Family

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
F Is for Family
serie TV d'animazione
F Is for Family.png
Immagine tratta dalla sigla della serie televisiva
Lingua orig.inglese
PaeseStati Uniti
AutoreBill Burr, Michael Price
SoggettoBil Burr, Michael Price
MusicheVincent Jones, Dave Krushner
StudioGaumont International Television, Wild West Television
ReteNetflix
1ª TV18 dicembre 2015 – 25 novembre 2021
Episodi44 (completa) in 5 stagioni
Durata ep.22 min
Rete it.Netflix
1ª TV it.18 dicembre 2015 – 25 novembre 2021
Episodi it.44 (completa) in 5 stagioni
Dialoghi it.Marcello Mercalli
Studio dopp. it.Pumaisdue
Dir. dopp. it.Monica Ward
Generesitcom, commedia drammatica

F Is for Family è una serie animata statunitense distribuita da Netflix, a partire dal 18 dicembre 2015[1][2].

Ideata e scritta da Bill Burr e Michael Price, è una "commedia familiare", ambientata negli anni '70[3].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Negli Stati Uniti degli anni '70, in un quartiere della classe media, vive la famiglia Murphy, composta da Frank, un padre di famiglia tradizionalista, Sue ed i loro tre figli, Kevin, Maureen e Bill. La serie narra le varie vicissitudini della famiglia e tutti i loro vari problemi a casa, a scuola, sul lavoro e con i vicini di casa[4].

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Pubblicazione USA Pubblicazione Italia
Prima stagione 6 2015 2015
Seconda stagione 10 2017 2017
Terza stagione 10 2018 2018
Quarta stagione 10 2020 2020
Quinta stagione 8 2021 2021

Personaggi e doppiatori[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Frank Murphy, voce originale di Bill Burr, italiana di Antonio Giuliani.
    Un irascibile e disilluso padre di famiglia, veterano della Guerra di Corea. Egli lavora alla "Mohican Airlines" ed è appassionato della serie televisiva Colt Luger.
  • Susan "Sue" Murphy, voce originale di Laura Dern, italiana da Giuppy Izzo.
    La moglie di Frank e madre dei suoi figli che lavora per la "Plast-a-Ware" (parodia della Tupperware).
  • Kevin Murphy, voce originale di Justin Long, italiana di Francesco Venditti.
    Il figlio maggiore di Frank e Sue, giovane ribelle e sempre in disaccordo con i suoi genitori.
  • Maureen Murphy, voce originale di Debi Derryberry, italiana di Giulia Catania.
    La figlia minore di Sue e Frank, la preferita dal padre.
  • Bill Murphy, voce originale di Haley Reinhart, italiana di Rossa Caputo.
    Il figlio maschio minore di Frank e Sue, fratello di Kevin e Maureen, che viene spesso preso in giro ed è vittima di bullismo.
  • Victor "Vic" Reynolds, voce originale di Sam Rockwell, italiana di Stefano Benassi.
    Un ricco playboy, vicino di casa della famiglia Murphy.

Personaggi ricorrenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Jimmy Fitzsimmons, voce originale di Mo Collins, italiana di Alessio Ward.
    Un bullo che ha preso di mira Bill.
  • Red, voce originale di Trevor Devall, italiana di Andrea Moretti.
    Un addetto ai bagagli e uno dei collaboratori di Frank.
  • Jim Jeffords, voce originale di Phil Hendrie, italiana di Gabriele Martini.
    Un famoso giornalista e presentatore televisivo.
  • Vivian, voce originale di Mo Collins, italiana di Roberta Pellini.
    Il capo di Sue al Plast-a-Ware.
  • Bolo, voce originale di Trevor Devall, italiana di Federico Campaiola.
    Un amico di Kevin. Di solito è accompagnato da Lex. È il batterista dei Merlin's Monocle.
  • Ben, voce originale di Mo Collins, italiana di Leonardo Caneva.
    Un amico di Kevin, Bill e Maureen e fratello di Kenny.
  • Colt Luger, voce originale di Phil Hendrie, italiana di Stefano Alessandroni.
    L'attore che interpreta il protagonista della sua omonima serie televisiva, la preferita di Frank.
  • Mr. Goomer, voce originale di Trevor Devall, italiana di Metello Mori.
    Vicino di casa dei Murphy e amico di Frank.
  • Brandy Dunbarton, voce originale di Mo Collins, italiana di Micaela Incitti.
    La moglie di Roger Dunbarton.
  • Ginny, voce originale di Mo Collins, italiana di Monica Ward.
    Una signora amica di Sue, ma che in realtà quest'ultima non sopporta.
  • Rosie Roosevelt, voce originale di Kevin Michael Richardson, italiana di Massimo Corvo (st. 1-2) e Roberto Draghetti (st. 3-4).
    Un uomo afroamericano che lavora all'aeroporto come amministratore delegato e gestore di bagagli.
  • Babe, voce originale di Kevin Farley, italiana di Nanni Baldini.
    Il vicino di casa dei Murphy e un amico di Frank.
  • Bob Pogo, voce originale di David Koechner, italiana di Giancarlo Magalli.
    Il capo obeso di Frank all'aeroporto che deve guidare una macchinina per spostarsi.
  • Rodger Dunbarton, voce originale di Gary Cole, italiana di Fabrizio Pucci.
    L'amministratore delegato di Mohican Airways e capo di Frank. È estremamente ricco e ha una moglie trofeo di nome Brandy.
  • Lou Gagliardi, voce originale di Joe Buck, italiana di Michele Gammino.
    Il presidente della Fratellanza Internazionale dei Gestori di Bagagli, Skycaps, Roadies e Circus Roustabouts. È anche l'attuale proprietario di Capitain Chucklethrust.
  • Carl, voce originale di Kevin Farley, italiana di Leonardo Graziano.
    Un addetto ai bagagli, nonché collaboratore di Frank.
  • Smokey, voce originale di Michael K. Williams.
  • Nguyen-Nguyen Stevenson, voce originale di Eileen Fogarty.
  • William "Big Bill" Murphy, voce originale di Jonathan Banks, italiana di Dario Oppido.
    Il padre di Frank[5].
  • Sandy Calabasas, voce originale di Alex Moffat.
  • Curtis Higgins, voce originale di Phil LaMarrthe.
  • Darryl Roosevelt, voce originale di Cree Summer.

Produzione e trasmissione[modifica | modifica wikitesto]

La serie è stata annunciata nell'ottobre 2014 come frutto di una collaborazione tra Netflix e le case di produzione Gaumont International Television e Wild West Television[6].

La prima stagione, composta da sei episodi, è stata pubblicata il 18 dicembre 2015[3]. L'11 aprile 2016 Haley Reinhart annuncia che la serie ritornerà con una seconda stagione[7], che viene poi resa disponibile su Netflix dal 30 maggio 2017[8]. Il 28 giugno dello stesso anno la serie è stata rinnovata anche per una terza stagione[9], pubblicata il 30 novembre 2018[10]. Il 24 gennaio 2019 la serie è stata rinnovata per una quarta stagione[11], poi interamente pubblicata il 12 giugno 2020[12]. Il 1º ottobre 2020 Netflix ha rinnovato la serie per una quinta e ultima stagione, poi pubblicata il 25 novembre 2021[13][14].

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

La serie ha ricevuto recensioni generalmente positive. Su Rotten Tomatoes la critica afferma infatti: "Mentre l'umorismo si basa sulla volgarità, la forza di F Is for Family è il suo notevole cuore"[15].

Stagione Responso della critica
Metacritic Rotten Tomatoes
Prima 75/100 (14 recensioni)[16] 82% (17 recensioni)[15]
Seconda N.D.[17] 89% (9 recensioni)[18]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) F is for Family: Original, Animated Series From Bill Burr Coming Exclusively to Netflix, su prnewswire.com, PR Newswire, 23 ottobre 2014. URL consultato il 23 novembre 2014.
  2. ^ F Is for Family - Info, su Movieplayer. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 22 novembre 2016).
  3. ^ a b (EN) Denise Petski, ‘F Is For Family’ Gets December Premiere On Netflix, in Deadline, Penske Media Corporation, 6 novembre 2015. URL consultato il 7 novembre 2015.
  4. ^ (EN) David Wiegand, Those ’70s stereotypes: ‘F Is for Family’ takes a deft jab, su SFGATE, 15 dicembre 2015. URL consultato il 22 novembre 2016.
  5. ^ (EN) Nashmia Adnan, Jonathan Banks Joins F is for Family Season 4!, su Dankanator, 8 maggio 2020. URL consultato il 27 ottobre 2021 (archiviato il 5 giugno 2020).
  6. ^ (EN) Michele Amabile Angermiller, Netflix Orders Bill Burr Cartoon 'F Is for Family', in The Hollywood Reporter, 23 ottobre 2014. URL consultato il 23 novembre 2014.
  7. ^ (EN) Haley Reinhart on Her Dream Collaboration and New Album ‘Better’, su KTLA, 11 aprile 2016. URL consultato il 23 maggio 2016.
  8. ^ F IS FOR FAMILY - STAGIONE 2, su Movieplayer. URL consultato il 1º maggio 2017.
  9. ^ (EN) Joe Otterson, ‘F Is for Family’ Renewed for Season 3 at Netflix, su Variety, 28 giugno 2017. URL consultato il 28 agosto 2017.
  10. ^ (EN) Kasey Moore, F is for Family Season 3: Everything We Know So Far, su What's on Netflix, 26 ottobre 2018. URL consultato il 27 novembre 2018.
  11. ^ (EN) Joe Otterson, ‘F Is for Family’ Renewed for Season 4 at Netflix, su Variety, 24 gennaio 2019. URL consultato il 28 gennaio 2019.
  12. ^ (EN) Kasey Moore, ‘F is for Family’ Season 4: Netflix June 2020 Release & What We Know So Far, su What's on Netflix, 11 giugno 2020. URL consultato il 12 giugno 2020.
  13. ^ (EN) Denise Petski, 'F Is For Family' Renewed For Fifth & Final Season By Netflix, su Deadline, 1º ottobre 2020. URL consultato il 23 ottobre 2020 (archiviato il 1º ottobre 2020).
  14. ^ (EN) Mike Murphy, Here’s everything new on Netflix in November 2021 — and what's leaving, su MarketWatch, 21 ottobre 2021. URL consultato il 27 ottobre 2021 (archiviato il 23 ottobre 2021).
  15. ^ a b (EN) F Is for Family - Stagione 1, su Rotten Tomatoes. URL consultato il 22 novembre 2016.
  16. ^ (EN) F Is for Family: Stagione 1, su Metacritic. URL consultato il 22 novembre 2016.
  17. ^ (EN) F Is for Family: Stagione 2, su Metacritic. URL consultato il 27 novembre 2018.
  18. ^ (EN) F Is for Family: Season 2, su Rotten Tomatoes. URL consultato il 24 settembre 2019.
  19. ^ (EN) 69th Emmy Awards Nominees and Winners – Outstanding Character Voice-Over Performance – 2017, su Emmy Awards, Academy of Television Arts & Sciences. URL consultato il 31 gennaio 2018 (archiviato il 2 agosto 2017).
  20. ^ (EN) 71st Emmy Awards Nominees and Winners - Outstanding Character Voice-Over Performance, su Academy of Television Arts & Sciences. URL consultato il 24 settembre 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]