Episodi di Star Wars Rebels (prima stagione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Star Wars Rebels.

La prima stagione della serie televisiva Star Wars Rebels viene trasmessa negli Stati Uniti per la prima volta sul canale Disney XD dal 3 ottobre 2014 fino al 2 marzo 2015.

In Italia l'episodio pilota è andato in onda il 3 ottobre 2014 in contemporanea mondiale, mentre il resto della stagione è stato trasmesso dal 3 novembre 2014 al 13 aprile 2015 su Disney XD.


(serie)

(stagione)
Titolo originale Titolo italiano Prima TV USA Prima TV Italia
01 01 Spark of Rebellion: Part 1 Scintilla di ribellione (prima parte) 3 ottobre 2014 3 ottobre 2014
02 02 Spark of Rebellion: Part 2 Scintilla di ribellione (seconda parte) 3 ottobre 2014 3 ottobre 2014
03 03 Droids in Distress Droidi preoccupati 11 ottobre 2014 3 novembre 2014
04 04 Fighter Flight A caccia con il caccia 18 ottobre 2014 10 novembre 2014
05 05 Rise of the Old Masters Maestri dal passato 25 ottobre 2014 17 novembre 2014
06 06 Breaking Ranks Sotto copertura 1 novembre 2014 24 novembre 2014
07 07 Out of Darkness Dove finisce il buio 8 novembre 2014 1 dicembre 2014
08 08 Empire Day (1) Il giorno dell'Impero 15 novembre 2014 8 dicembre 2014
09 09 Gathering Forces (2) Radunare le forze 22 novembre 2014 15 dicembre 2014
10 10 Path of the Jedi Il cammino dei Jedi 3 gennaio 2015 9 marzo 2015
11 11 Idiot's Array La mano dello sciocco 17 gennaio 2015 16 marzo 2015
12 12 Vision of Hope Una visione di speranza 31 gennaio 2015 23 marzo 2015
13 13 Call to Action Invito all'azione 7 febbraio 2015 30 marzo 2015
14 14 Rebel Resolve (1) Determinazione ribelle 21 febbraio 2015 6 aprile 2015
15 15 Fire Across the Galaxy (2) Fuoco nella galassia 7 marzo 2015 13 aprile 2015

Scintilla di ribellione[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Sono trascorsi quattordici anni dalla fondazione del malvagio Impero Galattico e sul piccolo pianeta Lothal, il giovane Ezra Bridger fugge insieme ad un gruppo di ribelli, creando scompiglio tra le truppe Imperiali. Il gruppo è capeggiato da Kanan Jarrus, un Jedi scampato all'Ordine 66, la Mandaloriana Sabine Wren, il Lasat Garazeb "Zeb" Orellios, la Twi'lek Hera Syndulla e il droide astromeccanico C1-10P detto "Chopper". Anche se inizialmente non è ben voluto dagli altri, quando viene catturato dall'agente del Servizio di Sicurezza Imperiale Kallus, Ezra viene da loro soccorso. Una volta rubato un carico di armi dall'Impero, il gruppo ribelle decide di liberare degli schiavi Wookiee tenuti prigionieri su Kessel. Gli Wookiee vengono liberati, ma la minaccia dell’Impero è sempre incombente, soprattutto dopo che Kallus ha riferito allo spietato Grande Inquisitore dell'attacco su Kessel. Inoltre si scopre che Ezra è in grado di usare la Forza, e viene scelto come Padawan da Kanan.

Nota[modifica | modifica wikitesto]

  • Nella versione estesa, disponibile sul sito Disney XD, si vede all'inizio il malvagio Dart Fener che ordina a un Inquisitore noto come Grande Inquisitore di eliminare tutti i Jedi sopravvissuti all'Ordine 66.
  • Anche se è un film introduttivo della prima stagione, è considerato come un episodio di 40 minuti diviso in due parti di episodi.

Droidi preoccupati[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La squadra, dopo essere fuggita da un incrociatore stellare senza carico, decide di accettare una missione da Cikatro Vizago. Imbarcatisi in un trasporto col primo ministro Maketh Tua e un affarista Wado, si sostituiscono a C-3PO, impiegato dall'impero come droide interprete, per avere informazioni sul carico. Una volta arrivati su Garel, vanno al magazzino 7, invece che 17, e rubano le armi, che scoprono essere disgregatori, i quali sono stati usati per sterminare i Lasatiani. Durante la fuga R2-D2 e C-3PO vengono presi a bordo della Spettro. Una volta arrivati su Lothal, mentre stanno concludendo l'affare con Vizago, vengono assaliti dallo spietato agente Kallus e dalle truppe imperiali, chiamato in soccorso da C-3PO. Qui scopriamo che Kallus era il comandante della missione di sterminio su Lasan. Durante il combattimento tra questi e Zeb, a colpi di bo-rifle, il Lasat sembra avere la peggio fino a quando Ezra, usando la Forza, non mette fuori combattimento l'agente Kallus. Su consiglio di R2-D2 i disgregatori vengono sovraccaricati e usati come bombe per fuggire, e non farli cadere nelle mani dell'Impero. Inoltre Kanan accetta Ezra come suo Padawan. A fine missione i due droidi vengono riconsegnati al senatore Bail Organa, che paga loro una ricompensa: in realtà i due droidi erano in missione segreta per scoprire le capacità della squadra ribelle, avendo R2-D2 registrato tutto durante il viaggio.

A caccia con il caccia[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Hera ordina a Zeb e Ezra di andare a fare rifornimento di viveri per impedirgli di litigare, ordinando di non tornare senza un frutto di Meiloorun. Arrivati al mercato scoprono che l'ultima cassa di Meiloorun è stata comprata dall'impero, Ezra cerca di recuperare i frutti ma viene scoperto, inizia così una fuga per tutto il mercato che obbliga Zeb a dirottare un caccia TIE, per scappare. Lungo la strada per il ritorno incrociano il contadino Morad Sumar, amico dei genitori di Ezra, insieme alla sua famiglia arrestati per non aver voluto cedere la loro fattoria all'Impero. Grazie al caccia Zeb e Ezra riescono a liberare Sumar, recuperare il frutto e tornare alla base.

Nota[modifica | modifica wikitesto]

  • Il frutto di Meiloorun viene introdotto per la prima volta in una serie canonica, visto che è stato inventato dallo scrittore statunitense Michael A. Stackpole per i suoi romanzi appartenenti all'Universo Espanso (considerati non canonici appunto).

Maestri dal passato[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

I ribelli scoprono grazie ad un canale segreto del senatore Gall Trayvis che la Maestra Jedi Luminara Unduli è sopravvissuta all'Ordine 66, e viene tenuta in una prigione di massima sicurezza imperiale, la Guglia, su Stygeon Prime. Kanan, frustrato per la sua incapacità di insegnare ad Ezra, porta la sua squadra a salvare Luminara, sperando che lei possa insegnare al ragazzo. Dopo aver raggiunto la sua cella, Kanan e Ezra scoprono che Luminara è morta da tempo e i suoi resti vengono utilizzati come esca dal Grande Inquisitore per attirare gli ultimi Jedi in trappola. I due lavorando insieme riescono a sfuggire al Grande Inquisitore. Kanan alla fine decide di allenare Ezra.

Nota[modifica | modifica wikitesto]

  • Si vede per la prima volta il Fantasma, lo shuttle di supporto dello Spettro.
  • La Guglia è la stessa prigione in cui nel 20 BBY era stato imprigionato Darth Maul da Palpatine (vedi Darth Maul: Son of Dathomir 1).

Sotto copertura[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ezra si infiltra nell'Accademia per Giovani Imperiali di Lothal con lo pseudonimo di Dev Morgan, per permettere al gruppo di rubare una spedizione di cristalli Kaiburr. Durante il periodo d'infiltrazione fa amicizia con Zare Leonis e Jay Kell, il primo è entrato all'accademia per cercare sua sorella Dhara. Dopo aver completato la missione Ezra scopre che il Grande Inquisitore sta arrivando alla base per prendere lui e Jay. I tre ragazzi con l'aiuto dei ribelli riescono a creare una via di fuga durante un'esercitazione, ma Zare decide di rimanere per continuare la ricerca della sorella.

Dove finisce il buio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Hera e Sabine atterrano su una base asteroide della repubblica per recuperare dei rifornimenti lasciati da un informatore di Hera. Sabine mostra disappunto sul segreto di Hera e della loro missione, esprimendo mancanza di fiducia. A causa di una perdita di carburante nel Fantasma, rimangono intrappolate sull'asteroide, infestato di Fyrnocks mortali. Le due riescono a collaborare fino all'arrivo dell'intera squadra che le porta in salvo. Alla fine Sabine supera i suoi problemi di fiducia e Hera dimostra di avere fede nella crescente ribellione.

Il giorno dell'Impero[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

I ribelli colpiscono durante una parata per i festeggiamenti del 15º anniversario della fondazione dell'Impero, Ezra che è nato lo stesso giorno, pensa ai genitori scomparsi e rinuncia alla missione; nel frattempo scopre che Tseebo, un Rodiano vecchio amico dei genitori, cerca aiuto per scappare dal pianeta, convince allora la squadra ad aiutarlo. I ribelli scoprono che nella mente di Tseebo sono stati impiantate informazioni importanti per l'Impero. I nostri riescono a salire su un tank Imperiale e a fuggire sullo Spettro, poco prima che Kallus riuscisse a catturarli. Durante una fuga dall'Impero guidata dal malvagio Grande Inquisitore, Tseebo rivela che conosce cosa è successo ai genitori di Ezra.

Radunare le forze[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Per proteggere il disertore imperiale, Tseebo, e le sue informazioni, due membri del gruppo ribelle, Kanan ed Ezra, tentano di sviare l'inseguimento delle forze imperiali, guidate dall'Inquisitore. Lo scontro è inevitabile, fino a quando Kanan viene sconfitto dal Grande Inquisitore, che comincia a tormentare Ezra, dicendogli che perderà tutti i suoi amici, inseme a ogni cosa che ha di più caro. Ezra, arrabbiato e spaventato allo stesso momento, scatena la Forza su un gigantesco Fyrnocks, ordinandoli di attaccare il Grande Inquisitore, ma sviene. Kanan lo recupera e insieme riescono a fuggire dall'asteroide, facendo ritorno allo Spettro. Nella fine dell'episodio, vediamo Sabine che mostra ad Ezra una foto raffigurante lui da piccolo, con i suoi genitori, e facendoli gli auguri di buon compleanno.

Nota[modifica | modifica wikitesto]

  • Questa è la seconda parte dell'episodio precedente "Il giorno dell'Impero"

Il cammino dei Jedi[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Kanan e Ezra si recano ad un Tempio Jedi perduto su Lothal per verificare se il ragazzo è pronto per l'addestramento. Guidati dalla Forza, giungono dinanzi al Tempio e, una volta dentro, i due si separano in modo tale da permettere ad Ezra di iniziare la prova. Entrato in una stanza, Ezra ha una visione in cui vede Kanan affrontare il Grande Inquisitore e venire ucciso da quest'ultimo; Ezra, allora, impugna l'arma del Maestro ma, proprio mentre cerca di attivarla, si rompe. Proprio mentre il Grande Inquisitore sta per colpirlo, il ragazzo perde l'equilibrio e cade in un baratro, risvegliandosi poco dopo nella sua stanza sullo Spettro. Attirato dalle voci dubbiose su di lui di Zeb, Sabine e Hera, Ezra si ritrova davanti nuovamente il Grande Inquisitore che trucida i tre e si prepara a colpirlo ma il ragazzo cade in un altro baratro buio, emergendo nuovamente nel Tempio su Lothal. Il Grande Inquisitore si palesa nuovamente ma, questa volta, Ezra sconfigge la paura e il pericoloso avversario svanisce; poi, guidato dalla voce di Forza del Maestro Jedi Yoda, Ezra raggiunge una stanza dove gli viene donato un cristallo Kaiburr blu per la sua nuova spada laser, mentre anche Kanan discute con la voce del vecchio maestro. Una volta tornati sullo Spettro, tempo dopo, Ezra si fabbrica la sua nuova spada laser dall'insolita elsa (simile ad una spillatrice) e dalla lama blu.

La mano dello sciocco[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Zeb perde Chopper in una partita a sabacc contro il contrabbandiere Lando Calrissian. Questi, tuttavia, promette di restituire il droide all'equipaggio dello Spettro in cambio di un favore: riuscire a superare il blocco Imperiale su Lothal. Il gruppo raggiunge quindi l'incrociatore del boss criminale Azmorigan, con cui Lando è indebitato. Il contrabbandiere gli offre in cambio Hera, sotto lo sguardo stupito di Kanan, ma successivamente si scopre che era tutto un piano dello stesso Lando per poter ottenere da Azmorigan una cassa, poiché come da accordo Hera riesce a liberarsi dalle grinfie del criminale alieno e a fuggire tramite un guscio di salvataggio sullo spettro. Arrivati nelle vicinanze del blocco Imperiale su Lothal, si scopre che nella cassa è contenuto un porco-palla, una piccola creatura che Lando avrebbe utilizzato per scopi minerari, la quale ha il difetto di gonfiarsi a dismisura se spaventata: a causa di questo, Zeb disattiva per errore il dispositivo di mascheramento attivato da Chopper e vengono dunque scoperti e inseguiti da alcuni caccia TIE. Dopo essere riusciti a distruggerli e ad atterrare sul pianeta, vengono circondanti da un furibondo Azmorigan e i suoi scagnozzi armati. Il criminale non solo rivuole indietro il suo porco-palla ma vuole anche uccidere Lando per averlo raggirato. Per questo scoppia una rocambolesca battaglia a colpi di blaster dove Azmorigan tiene sotto tiro Zeb, chiedendo in cambio solo Calrissian e permettendo al resto del gruppo di andarsene ma, grazie a Chopper, il suo piano fallisce. Uscito di scena il criminale, Lando ammette di non riuscire ad estinguere il debito nei confronti del gruppo ma permette loro di riprendersi Chopper oltre che di prendere in cambio il suo carburante (anche se il gruppo credeva di averlo raggirato rubandogli il carburante da sotto il naso durante la battaglia con Azmorigan).

Una visione di speranza[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Mentre Ezra si allena con la sua nuova spada laser con Sabine, Zeb e Chopper, ha una visione in cui vede il senatore esiliato dall'Impero Gall Trayvis; entrati poco dopo nello Spettro, i Ribelli scoprono che Trayvis è tenuto prigioniero nel vecchio palazzo senatoriale di Lothal. Grazie all'aiuto di Zare, Ezra scopre che l'agente Kallus ha preparato loro una trappola; i sei arrivano in tempo per soccorrere Trayvis ma, inaspettatamente, vengono accerchiati da Kallus e dagli Stormtrooper. Grazie a Sabine e Zeb, Hera, Kanan, Ezra e Trayvis fuggono attraverso l'impianto fognario. Mentre Kanan, Zeb e Sabine sono impegnati a tenere a bada le truppe imperiali, Hera, Ezra e Trayvis si ritrovano da soli in un condotto che termina con un'enorme ventola, la Twi'lek consegna a Trayvis il proprio blaster, per consentirgli di difendersi; non appena però gli volta le spalle, Trayvis punta l'arma contro di lei ed Ezra e rivela di essere sempre stato leale all'Impero e che tutte le trasmissioni che aveva fatto contro il regime imperiale erano solo una copertura per attirare i Ribelli in trappola, oltre che di monitorare le loro attività. Ezra, sconvolto, chiede spiegazioni al senatore, il quale afferma con molta calma che nessuno su Lothal aveva tentato di ribellarsi all'Impero con messaggi propagandistici di protesta dopo Mira e Ephraim Bridger (i genitori di Ezra), annunciando al ragazzo che sono entrambi morti. Hera, però, riesce a mettere fuori gioco il senatore poiché, avendo sospettato da subito che Trayvis stesse inscenando tutto per temporeggiare e consentire a Kallus e ai soldati di raggiungerli, aveva disattivato il proprio blaster rendendolo inutilizzabile. Sopraggiunti Kanan, Zeb e Sabine, i Ribelli fuggono.

Invito all'azione[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il governatore dell'Orlo Esterno, lo spietato e crudele Grand Moff Tarkin, arriva su Lothal per contrastare la crescente minaccia dei Ribelli, chiamato dal governatore Pryce. La sera stessa, inoltre, Kanan, Ezra e Sabine riescono a raggirare i comandanti Myles Grint e Cumberlayne Aresko (che gli erano addosso) e a rubare provviste e rifornimenti. Tarkin, preso atto di ciò, per dare prova della sua spietatezza e crudeltà, sotto gli occhi di Kallus e di Maketh Tua, ordina freddamente al Grande Inquisitore di decapitare Grint e Aresko per la loro inefficienza nel catturare il gruppetto di Ribelli. Intanto Kanan e Ezra, avendo appurato che Trayvis è un traditore, decidono di raggiungere la torre di comunicazione più alta di Lothal per diffondere messaggi propagandistici anti-Impero (cosa che Trayvis aveva sempre finto di fare). Quando però Tarkin intuisce il loro piano grazie al rapporto di un droide sonda Imperiale (che aveva ripreso Ezra, Kanan e Sabine poco prima di andare in cortocircuito), manda il Grande Inquisitore e Kallus per intercettarli: Zeb, Ezra, Sabine e Chopper riescono a modificare il segnale della torre di controllo mentre Kanan, dopo una breve lotta con il Grande Inquisitore, viene catturato. Hera riesce a recuperare i rimanenti quattro col Fantasma e Ezra trasmette un messaggio di libertà contro l'Impero, prima che Tarkin ordini la distruzione della torre, interrompendo il segnale.

Determinazione ribelle[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ezra, Zeb, Sabine e Chopper riescono ad assaltare un AT-DP imperiale, cercando di collegarsi al sistema di comunicazione per sapere dov'è tenuto prigioniero Kanan ma vengono intercettati da altri due AT-DP e, scoprendo che non c'è nessuna informazione sul loro amico rapito, vengono costretti alla fuga e salvati da Hera col Fantasma. Sullo Spettro, più tardi, Hera riceve una comunicazione dal misterioso Fulcrum che le consiglia di non cercare Kanan poiché l'Impero è ancora di più sulle loro tracce, dato che la trasmissione inviata da Ezra ha attirato l'attenzione delle sfere alte dell'Impero; nonostante questo, però, Ezra, desideroso di salvare il suo amico, disobbedisce al consiglio di Hera e, assieme a Zeb e a Sabine, parte col Fantasma alla ricerca di Kanan, grazie anche all'aiuto di Chopper che aveva distratto Hera permettendo loro la partenza. Intanto Tarkin, Kallus e il Grande Inquisitore torturano brutalmente Kanan cercando di sapere dov'è il resto del gruppo, senza però ottenere nulla dal Jedi. Nel frattempo Ezra decide di chiedere l'aiuto di Vizago per salvare Kanan e questi gli rivela che l'Impero utilizza dei particolari droidi astromeccanici per il passaggio delle informazioni (dato che Tarkin ha fatto saltare la torre di controllo di Lothal) così, non appena il gruppo si riunisce con Hera, decidono di camuffare Chopper come uno di quei droidi per poter ottenere l'ubicazione del luogo dove Kanan è tenuto prigioniero. Alla fine, dopo aver recuperato Chopper dal cargo imperiale, i nostri scoprono con orrore la prossima destinazione dello Star Destroyer Sovereign di Tarkin dove Kanan è tenuto prigioniero: Mustafar, il luogo dove gli Jedi vengono uccisi.

Fuoco nella galassia[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ezra, Zeb e Sabine riescono a rubare un cargo d'assalto Imperiale da un hangar aperto di TIE; esso possiede le coordinate per raggiungere lo Star Destroyer Sovereign di Tarkin diretto a Mustafar. Il piano consisterebbe nell'infiltrarsi nella Sovereign utilizzando il caccia TIE che Zeb e Ezra avevano rubato e che Sabine ha ridipinto completamente. Nel frattempo il Grande Inquisitore continua a torturare Kanan, chiedendogli come avesse fatto a sfuggire all'Ordine 66, dileggiandolo anche sulla morte della sua vecchia maestra Depa Billaba, sacrificatasi per lui durante l'esecuzione dell'ordine. I Ribelli giungono davanti al blocco Imperiale su Mustafar e Chopper invia sulla Sovereign il TIE di Sabine, completamente imbottito di esplosivi paralizzanti, che esplode lanciando onde d'energia e provocando un cortocircuito sull'intera nave. Il cargo rubato attracca sulla Sovereign e Ezra, Hera, Sabine e Zeb entrano nella nave per salvare Kanan mentre Chopper li attende; Tarkin, però, aveva già chiamato i rinforzi che arrivano immediatamente mediante navette Imperiali, mentre Ezra riesce a raggiungere le celle di detenzione e a liberare senza intoppi Kanan. Giunti però ad una porta che da su una lunga passerella sul vuoto, si trovano davanti il Grande Inquisitore che sbarra loro la strada. Kanan utilizza la spada laser di Ezra per affrontare il nemico, permettendo al suo protetto di recuperare la sua spada laser agganciata alla cintura del Grande Inquisitore, così da poterlo affrontare insieme. Ad un certo punto, però, il Grande Inquisitore colpisce Kanan con la Forza, sbilanciandolo, lasciando indifeso Ezra (il quale non ha un vero e proprio stile di combattimento) di fronte ad un micidiale colpo della sua spada rotante che lo fa precipitare sulla passerella sottostante la loro, senza però ucciderlo. Kanan allora, frustrato, impugna anche la sua spada laser (oltre che quella di Ezra) per affrontare l'avversario, mentre Ezra (che dal colpo dell'Inquisitore ha rimediato solo due raschi sul volto), sentendo le voci dal comlink di Hera, Sabine e Zeb, si risveglia. Nel frattempo Kanan, messo il Grande Inquisitore con le spalle al muro dinanzi ad un baratro, utilizza le due spade laser per tagliare in due la spada a doppia lama dell'avversario: le else tagliate precipitano nel vuoto e distruggono il reattore principale, provocando un'esplosione, mentre il Grande Inquisitore perde l'equilibrio e cade, rimanendo aggrappato al bordo della piattaforma. Sconfitto e umiliato, appeso al bordo e senza alcuna speranza di salvezza, il Grande Inquisitore decide di lasciarsi cadere nel vuoto, scomparendo nell'esplosione crescente del reattore, per morire. Intanto Hera, Sabine e Zeb fuggono dalla Sovereign sul punto di esplodere a bordo del TIE rubato mentre Ezra e Kanan salgono sul Prototipo Avanzato di TIE del Grande Inquisitore. Proprio quando la situazione per i Ribelli appare disperata, arriva in loro soccorso il cargo Imperiale dov'era stato lasciato Chopper e con lui lo Spettro e tre navi di Alderaan; mentre i Ribelli fuggono saltando nell'iperspazio, Tarkin riesce all'ultimo secondo a salire su una navetta Imperiale e a fuggire dalla Sovereign in avaria e in balia delle fiamme e delle esplosioni. Ricongiunti con Kanan, i Ribelli scoprono che in loro aiuto è venuto il senatore di Alderaan Bail Organa e, con lui, anche altre cellule ribelli e, soprattutto, il misterioso Fulcrum: l'ex-Padawan Jedi Ahsoka Tano. Su Lothal, intanto, Kallus accoglie Tarkin informandolo che la gente adesso considera debole l'Impero per la sconfitta su Mustafar; d'altro canto Tarkin informa l'agente Kallus che l'Imperatore Palpatine ha deciso di inviare un nuovo e potente alleato per contrastare l'insurrezione ribelle, vista la dipartita del defunto Grande Inquisitore: il malvagio e temuto Dart Fener.

Nota[modifica | modifica wikitesto]

  • Questa è la seconda parte dell'episodio precedente "Determinazione ribelle"
  • Appare per la prima volta nella serie Ahsoka Tano, personaggio già comparso in Star Wars: The Clone Wars, celatasi dietro lo pseudonimo "Fulcrum". Oltre a lei, appare anche il diabolico Dart Fener come "sostituto" del defunto Grande Inquisitore.