Empire Interactive

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Empire Interactive
Logo
StatoRegno Unito Regno Unito
Fondazione1987
Chiusuraaprile 2009
Sede principaleLondra
GruppoRazorworks, Xplosiv
ProdottiVideogiochi
Sito web

Empire Interactive era un'azienda del Regno Unito, produttrice di videogiochi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Venne fondata nel 1987 e da allora pubblicò diversi videogiochi sviluppando e pubblicando una vasta gamma di titoli per tutte le piattaforme.

Nel 2006 vendette la controllata Strangelite alla Rebellion Developments. Nell'aprile 2009 la società è entrata in amministrazione controllata[1], Il 4 maggio dello stesso anno, l'azienda si stava avvicinando al fallimento.

Per risanare le perdite, le loro proprietà intellettuali sono stati vendute alla New World IP degli Stati Uniti, e tutto il personale è stato liquidato.

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Xplosiv[modifica | modifica wikitesto]

Logo

La Xplosiv è stato un brand di videogiochi con sede nel Regno Unito, creato in seno all'Empire Interactive nel gennaio 2000.

Lo scopo della compagnia era quello di pubblicare i giochi sviluppati dalla casa madre a prezzi più bassi[2].

Alla fine del 2002, la compagnia ha sviluppato i propri titoli per la console PlayStation 2, e con i buoni risultati ottenuti sul mercato locale, la compagnia prevedeva di entrare nel mercato USA verso il 2005.

A causa dei problemi finanziari della casa madre il marchio Xplosiv è sparito dal mercato.[3]

Grabit[modifica | modifica wikitesto]

Grabit è stato un altro nome utilizzato da Empire Interactive per la pubblicazione di giochi nel mercato Britannico, al pubblico è sconosciuta la data della messa in commercio e la scomparsa di questo marchio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Empire Interactive rischia la bancarotta, su spaziogames.it, 27 aprile 2009. URL consultato il 19 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 26 agosto 2016).
  2. ^ (EN) Xplosiv, su MobyGames, Blue Flame Labs.
  3. ^ (EN) IGN, la fine di Xplosiv, su ign.com.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]