Elena di Grecia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elena di Grecia e Danimarca
Queen Helen of Romania.jpg
Regina Madre di Romania
Nascita Atene, Grecia, 2 maggio 1896
Morte Losanna, Svizzera, 28 novembre 1982 (86 anni)
Luogo di sepoltura Cimitero di Bois-de-Vaux, Losanna
Casa reale Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg
Hohenzollern-Sigmaringen
Padre Costantino I di Grecia
Madre Sofia di Prussia
Consorte Carlo II di Romania
Figli Michele I di Romania

Elena di Grecia e Danimarca (nome completo Helen zu Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg[1]) (Atene, 2 maggio 1896Losanna, 28 novembre 1982) nata principessa di Grecia e Danimarca, chiamata famigliarmente Sitta zu[1], divenne regina di Romania nel 1940[1], come consorte del re Carlo II di Romania (1893-1953).

Famiglia d'origine[modifica | modifica wikitesto]

Elena fu la terzogenita del re Costantino I di Grecia (1868-1923) e della sua consorte Sofia di Prussia (1870-1932)[1].
I suoi nonni paterni erano il re Giorgio I di Grecia e la regina Ol'ga Konstantinovna Romanova, nata granduchessa di Russia; quelli materni erano l'imperatore Federico III di Germania e la principessa Vittoria di Sassonia-Coburgo-Gotha, figlia primogenita della regina Vittoria I del Regno Unito.

Ebbe tre fratelli, Giorgio, Alessandro e Paolo, che furono successivamente tre re di Grecia, e due sorelle, la principessa Irene e la principessa Caterina.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 marzo 1921[1] Elena sposò suo cugino di secondo grado, Carlo, allora principe ereditario di Romania, figlio del re Ferdinando I (1865-1927) e della regina Maria (1875-1938). Il matrimonio venne celebrato ad Atene, come voleva l'usanza della famiglia reale greca.

La coppia ebbe un solo figlio:[1]

Villa Sparta a Fiesole; molte delle piante del giardino furono piantate per la stessa regina

Elena e Carlo divorziarono il 21 giugno del 1928[1]. Alla morte di Ferdinando I, la Regina fu reggente del figlio minorenne dal 1927 al 1930 in quanto Carlo era stato escluso dalla successione al padre per la sua vita scandalosa. Carlo, rientrato in patria e assunta la corona col nome di Carlo II, costrinse Elena a lasciare la Romania, ma ella tornò quando nel 1941 il marito fu costretto ad abdicare e Michele risalì sul trono. Fu sempre al fianco del figlio Michele I durante le tragiche vicende della Seconda guerra mondiale e lo accompagnò nell'esilio il 31 dicembre 1947 quando questi fu costretto ad abdicare dal governo comunista. Entrambi, prima di poter lasciare la Romania, furono sottoposti a perquisizione personale. Si stabilì quindi in Italia, a Villa Sparta, vicino a Firenze, dove visse più di trent'anni. Qui frequentò quella raffinata cerchia di intellettuali spesso stranieri che risiedevano sulle colline di Firenze, tra i quali Bernard Berenson, Harold Acton, Cecil Pinsent, ecc.

Nell'ultimo anno di vita, per ragioni familiari, fu costretta a trasferirsi a Losanna, dove morì il 28 novembre 1982 all'età di ottantasei anni.

La regina Elena fu molto unita al fratello Paolo. Molto colta e con inclinazioni artistiche, fu un'interessante pittrice; parlava sei lingue, ma non l'italiano, nonostante avesse vissuto a lungo in Italia.

Cimitero di Bois-de-Vaux, Losanna.

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Elena di Grecia Padre:
Costantino I di Grecia
Nonno paterno:
Giorgio I di Grecia
Bisnonno paterno:
Cristiano IX di Danimarca
Trisnonno paterno:
Federico Guglielmo di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg
Trisnonna paterna:
Luisa Carolina d'Assia-Kassel
Bisnonna paterna:
Luisa d'Assia-Kassel
Trisnonno paterno:
Guglielmo d'Assia-Kassel
Trisnonna paterna:
Luisa Carlotta di Danimarca
Nonna paterna:
Ol'ga Konstantinovna Romanova
Bisnonno paterno:
Konstantin Nikolaevič Romanov
Trisnonno paterno:
Nicola I di Russia
Trisnonna paterna:
Carlotta di Prussia
Bisnonna paterna:
Alessandra di Sassonia-Altenburg
Trisnonno paterno:
Giuseppe di Sassonia-Altenburg
Trisnonna paterna:
Amalia di Württemberg
Madre:
Sofia di Prussia
Nonno materno:
Federico III di Germania
Bisnonno materno:
Guglielmo I di Germania
Trisnonno materno:
Federico Guglielmo III di Prussia
Trisnonna materna:
Luisa di Meclemburgo-Strelitz
Bisnonna materna:
Augusta di Sassonia-Weimar
Trisnonno materno:
Carlo Federico di Sassonia-Weimar-Eisenach
Trisnonna materna:
Marija Pavlovna Romanova
Nonna materna:
Vittoria di Sassonia-Coburgo-Gotha
Bisnonno materno:
Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha
Trisnonno materno:
Ernesto I di Sassonia-Coburgo-Gotha
Trisnonna materna:
Luisa di Sassonia-Gotha-Altenburg
Bisnonna materna:
Vittoria del Regno Unito
Trisnonno materno:
Edoardo Augusto di Hannover
Trisnonna materna:
Vittoria di Sassonia-Coburgo-Saalfeld

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze greche[modifica | modifica wikitesto]

Dama di Gran Croce dell'Ordine di Sant'Olga e Santa Sofia - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine di Sant'Olga e Santa Sofia

Onorificenze rumene[modifica | modifica wikitesto]

Dama di Gran Croce dell'Ordine di Carol I - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine di Carol I
Dama di Gran Croce dell'Ordine della Corona - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine della Corona

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g Darryl Lundy, Genealogia della principessa Elena di Grecia, thePeerage.com, 10 maggio 2003. URL consultato il 29 settembre 2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mihai al Romaniei, Humanitas, Bucuresti, 2001.
  • Lee, Arthur Gould. Helen, Queen Mother of Rumania, Princess of Greece and Denmark: An Authorized Biography. London: Faber and Faber, 1956.
  • Queen Helen of Rumania, The Times (30 novembre 1982), p. 12.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]