Federico Guglielmo di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Federico Guglielmo di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg
Duca di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg
Stemma
Stemma
In carica6 luglio 1825 –
17 febbraio 1831
Predecessoretitolo creato
SuccessoreCarlo
Duca di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Beck
In carica25 marzo 1816 –
6 luglio 1825
PredecessoreFederico Carlo
Successoretitolo abolito
Nome completoFriedrich Wilhelm Paul Leopold
NascitaLindenau, Königsberg, 4 gennaio 1785
MorteGottorp, 17 febbraio 1831 (46 anni)
Luogo di sepolturaCattedrale di Schleswig
DinastiaSchleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg
PadreFederico Carlo di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Beck
MadreFederica di Schlieben
ConsorteLuisa Carolina d'Assia-Kassel
FigliLuisa Maria
Federica
Carlo
Federico
Guglielmo
Cristiano
Luisa
Giulio
Giovanni
Nicola
Religioneluteranesimo

Federico Guglielmo di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg (Königsberg, 4 gennaio 1785Gottorp, 17 febbraio 1831) fu il primo duca della seconda linea di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg e fondatore di una linea che include le case reali di Danimarca, Grecia, Norvegia, e Regno Unito. Federico Guglielmo è il nonno paterno di Alessandra di Danimarca, e di conseguenza, è un antenato dell'attuale famiglia reale britannica, inclusa Elisabetta II del Regno Unito. È anche un antenato di suo marito, il Principe Filippo, Duca di Edimburgo, attraverso suo nipote Giorgio I di Grecia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era il terzo figlio (ma unico maschio) di Federico Carlo di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Beck, e di sua moglie, la contessa Federica di Schlieben.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1804 suo padre lo mandò in Danimarca, dove il padrino del ragazzo, Federico VI, lo aveva assunto come Rittmeister dal 1803 e l'anno successivo all'Hestgarden di Copenaghen. Gli antenati del duca erano stati al servizio della Prussia, ma a causa di alcune sfortunate disposizioni il padre non era più in buoni rapporti con il re prussiano e quindi si sentì in dovere di mandare il figlio in Danimarca. Dopo solo un anno nella capitale, Federico Guglielmo fu, su sua richiesta, trasferito nell'Holstein, dove l'esercito danese mantenne il servizio di guardia lungo il confine meridionale.

Nel 1809 prese parte al suo primo e unico conflitto a Stralsund contro le truppe prussiane. Stranamente, sia nel 1803 che nel 1806, contro il volere del padre, Federico Guglielmo avrebbe pensato seriamente di arruolarsi, come i suoi antenati, nell'esercito prussiano, ma ricevette invece un certo numero di decorazioni per il suo coinvolgimento nel conflitto.

Nello stesso anno, Federico Guglielmo fu poi nominato maggiore e nel 1809 risiedette al castello di Gottorp con il capo di stato maggiore dell'esercito, il langravio Carlo d'Assia. Qui Vilhelm incontrò la figlia ventenne di Carl e i due si fidanzarono nel novembre 1809 e nel gennaio 1810 celebrarono un tranquillo "matrimonio di guerra" senza la partecipazione dei genitori di Vilhelm o del suo padrino Frederik 6. Il suocero di Vilhelm

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Durante il suo soggiorno al castello di Gottorp, Federico Guglielmo incontrò Luisa Carolina d'Assia-Kassel, figlia di Carlo d'Assia-Kassel e di Luisa di Danimarca. La coppia si fidanzò nel novembre 1809 e il 26 gennaio 1810 venne celebrarono un tranquillo "matrimonio di guerra" senza la partecipazione dei genitori e del padrino di Federico Guglielmo. Il suocero offrì alla coppia di vivere al castello di Gottorp. Qui gli furono assegnati un intero piano in un'ala laterale e l'accesso ad alcune stanze del castello di Louisenlund.

Dal matrimonio nacquero dieci figli:

Questo nuovo matrimonio significava che Federico Guglielmo era diventato anche cognato di Federico VI, poiché la sorella della moglie era sposata con il re. Inoltre, sua suocera, Luisa di Danimarca, era una discendente degli Oldenburg, ed è stato tra l'altro grazie a questi legami che il figlio di Guglielmo, Cristiano poté essere considerato in seguito come legittimo erede al trono nel 1852.

Il 25 marzo 1816 Federico Guglielmo successe a suo padre come duca di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Beck.

La duchessa vedova senza figli di Federico Enrico Guglielmo di Schleswig-Holstein-Sønderborg-Glücksborg, Anna Karoline di Nassau-Saarbrücken morì il 12 aprile 1824 al castello di Glücksborg, e questa linea ducale si estinse e la sua proprietà quindi spettava alla Corona. Federico VI ora doveva capire cosa fare del castello di 250 anni, e qui sua moglie, Maria, gli suggerì di lasciarlo a Federico Guglielmo e a sua sorella. Quindi con un decreto reale del 6 luglio 1825 consegnò Glücksborg a Federico Guglielmo con il relativo titolo di duca per lui e per i suoi discendenti.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Federico Guglielmo morì il 17 febbraio 1831 per un raffreddore che si era trasformato in polmonite e, secondo lo stesso duca, in scarlattina, che in precedenza aveva colpito due dei suoi figli.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze danesi[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Dannebrog - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Dannebrog
— 15 gennaio 1811[1]
Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante
— 19 dicembre 1811[1]

Titoli e trattamento[modifica | modifica wikitesto]

  • 4 gennaio 1785 - 25 marzo 1816: Sua Altezza Serenissima il Principe Ereditario di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Beck
  • 25 marzo 1816 - 6 luglio 1825: Sua Altezza Serenissima il Duca di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Beck
  • 6 luglio 1825 - 17 febbraio 1831: Sua Altezza Serenissima il Duca di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Pietro Augusto di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Beck Federico Luigi di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Beck  
 
Luisa Carlotta di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg  
Carlo Antonio di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Beck  
Sofia d'Assia-Philippsthal Filippo d'Assia-Philippsthal  
 
Caterina Amalia di Solms-Laubach  
Federico Carlo di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Beck  
Alberto Cristoforo di Dohna-Leistenau Alessandro di Dohna-Schlobitten  
 
Emilia Luisa di Dohna-Carwinden  
Carlotta di Dohna-Leistenau  
Sofia Enrichetta di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Beck Federico Luigi di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Beck  
 
Luisa Carlotta di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Augustenburg  
Federico Guglielmo di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg  
Giorgio Adamo III di Schlieben Giorgio Adamo II di Schlieben  
 
Eleonora Cristina di Oelsen  
Carlo Leopoldo di Schlieben  
Caterina Dorotea Finck di Finckenstein Alberto Cristoforo Finck di Finckenstein  
 
Arnolda Carlotta di Creytzen  
Federica di Schlieben  
Assuero Ernesto di Lehndorff Assuero Gerardo di Lehndorff  
 
Maria Eleonora di Dönhoff  
Maria Eleonora di Lehndorff  
Maria Luise di Wallenrodt Enrico di Wallenrodt  
 
Maria Caterina di Podewils  
 

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (DA) A. C. Bille-Hansen e Harald Holck (a cura di), Kongelig Dansk Hof- og Stats-Calender for Aaret 1829 [Court and State Calendar of the Kingdom of Denmark for the Year 1829] (PDF), Kongelig Dansk Hof- og Statskalender, Copenhagen, J.H. Schultz A.-S. Universitetsbogtrykkeri, 1829, p. 5, 8, 51. URL consultato il 16 settembre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN297282661 · CERL cnp02072618 · GND (DE1033447897