Elena Sedina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Elena Sedina
Sedina Calvià 2004.jpg
Nazionalità Ucraina naturalizzataItalia Italia
Scacchi Chess.svg
Categoria Grande Maestro Femminile e Maestro Internazionale assoluto
Best ranking 2434 (aprile 2003), nel mondo 25º
Palmarès
Transparent.png Olimpiadi degli scacchi
Oro Oro individuale di scacchiera per Ucraina-Mosca 1994
Bronzo Bronzo di scacchiera per Ucraina-Yerevan 1996
Statistiche aggiornate al 27 marzo 2019

Elena Sedina (ucr. Оле́на Се́діна; Kiev, 1º giugno 1968) è una scacchista ucraina naturalizzata italiana, Grande Maestro Femminile e Maestro Internazionale assoluto.

Carriera scacchistica[modifica | modifica wikitesto]

Inizia molto presto a giocare a scacchi e a 11 anni diventa campionessa femminile della sua città natale. A sedici anni vince il campionato femminile under-18 dell'Unione Sovietica e tre anni dopo diventa campionessa femminile dell'Ucraina, riconfermando il titolo due anni dopo.

Nel 1991 ottiene il titolo FIDE di Maestro internazionale femminile e nel 1996 il titolo di Grande Maestro femminile. Dal 1998 è anche Maestro Internazionale assoluto.

Con la squadra dell'Ucraina partecipa a quattro olimpiadi dal 1994 al 2000, alle Olimpiadi di Mosca 1994 ha vinto la medaglia d'oro individuale in quarta scacchiera, nelle Olimpiadi di Yerevan 1996 vince la medaglia di bronzo individuale in terza scacchiera. Con l'Italia ha partecipato a sette olimpiadi (nel 2004, 2006, 2008, 2010, 2012, 2014 e 2018). In totale, tra Ucraina e Italia ha vinto 47 partite, pareggiate 44 e perse 19. [1][2]

Parallelamente all'attività scacchistica ha sempre affiancato gli studi, laureandosi in Economia Politica all'Università di Kiev nel 1990. Ha conseguito anche un dottorato di ricerca sui metodi di allenamento per gli scacchi presso l'Istituto di Cultura Fisica di Kiev nel 1994.

Dal 1995 risiede in Italia, dove ha svolto un'intensa attività scacchistica. Tra i suoi successi le vittorie nel 2001 nell'open di San Martino di Castrozza e nel campionato magistrale svizzero open di Scuol, nel 2004 la vittoria ex aequo nell'open di Genova.

Nel gennaio 2005 ha vinto con 8,5 /11 l'Australian Open a Mount Buller in Australia, prima donna a conquistare il titolo di Australian Open Champion.

Nel 2006 partecipa al campionato europeo femminile di Kusadasi in Turchia, qualificandosi per la fase finale del 30º Campionato del mondo femminile 2008 di Nal'čik (Russia). Dopo aver superato al primo turno la statunitense Irina Krush per 2-0 e al secondo turno la vietnamita Nguyen Than An per 3-1, al terzo turno viene superata al tie-break dalla cinese Hou Yifan (al primo posto nella graduatoria Elo mondiale femminile).

Nel 2007 vince la medaglia di bronzo nel 5º Campionato del Mediterraneo di Susa in Tunisia e nel 2009 la medaglia d'argento nel 6º Campionato del Mediterraneo di Adalia in Turchia.

Nel maggio 2008 ottiene un prestigioso risultato vincendo la medaglia d'oro nella Mitropa Cup femminile di Olbia e nel novembre dello stesso anno gioca in 1a scacchiera alle Olimpiadi di Dresda, ottenendo il 12º posto assoluto della squadra italiana, miglior risultato di sempre per l'Italia nelle olimpiadi femminili.

Ha giocato in diversi campionati nazionali a squadre: in Germania con la OSG Baden-Baden, in Svizzera con il Mendrisio, in Francia con il Clichy-Echecs-92, in Inghilterra con il Wood Green 1.

Ha raggiunto il massimo punteggio ELO nell'aprile 2003, con 2434 punti Elo (25a al mondo in campo femminile e 1a italiana)[3].

Partite notevoli[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0004 5395 3868