Dixville Notch

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dixville Notch
area non incorporata
Dixville Notch – Veduta
The Balsams, l'hotel di Dixville Notch sede del voto di mezzanotte
Localizzazione
StatoStati Uniti Stati Uniti
Stato federatoFlag of New Hampshire.svg New Hampshire
ConteaCoos
ComuneDixville (New Hampshire)
Territorio
Coordinate44°52′15″N 71°18′21″W / 44.870833°N 71.305833°W44.870833; -71.305833 (Dixville Notch)Coordinate: 44°52′15″N 71°18′21″W / 44.870833°N 71.305833°W44.870833; -71.305833 (Dixville Notch)
Altitudine571 m s.l.m.
Abitanti12[1] (2010)
Altre informazioni
Prefisso603
Fuso orarioUTC-5
Cartografia
Mappa di localizzazione: Stati Uniti d'America
Dixville Notch
Dixville Notch

Dixville Notch è un'area non incorporata del comune di Dixville, Contea di Coos del New Hampshire, negli Stati Uniti. Il villaggio è noto per essere il primo a dichiarare i risultati nelle elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America e nelle primarie del New Hampshire.[2]

La sua popolazione è di 12 abitanti, secondo l'ultimo censimento del 2010.[1] Si trova nel nord dello Stato, a 30 chilometri dal confine canadese.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Dixville Notch

Il nome del villaggio deriva dal passo (in inglese notch) chiamato Dixville Notch, situato a 800 metri a sud-ovest del villaggio, che separa i monti Dixville Peak (1 043 metri) e Sanguinary Mountain (908 metri) e segna la linea di demarcazione tra il fiume Connecticut e il fiume Androscoggin.

Il villaggio è situato ai piedi delle montagne e a circa 550 metri sul livello del mare. Nonostante il basso numero di abitanti, ospita il Balsams Grand Resort Hotel, uno degli ultimi grandi hotel del New Hampshire ancora in funzione. L'hotel è situato sul lago Gloriette e fa parte del National Register of Historic Places.[3]

Election day[modifica | modifica wikitesto]

La fama di Dixville Notch è dovuta al fatto che, sia nelle elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America sia nelle primarie del New Hampshire (prime primarie della corsa verso la Casa Bianca), i residenti si recano a votare tutti insieme allo scoccare della mezzanotte del giorno delle elezioni al Balsams Hotel, in una sala chiamata Ballot Room ("stanza dei voti"), facendo sì che sia la prima località a chiudere i seggi e a dichiarare i risultati.[2] Il paesino è stato quindi emulato da altre località del New Hampshire, come Hart's Location, il cui voto non ha però riscosso lo stesso successo mediatico, anche perché Dixville Notch è sempre riuscita a diramare per prima i suoi risultati.

Il rituale, iniziato nel 1960, è il seguente: giunta la mezzanotte, tutti coloro che hanno deciso di esercitare il diritto di voto si ritrovano all'albergo The Balsams e ognuno va a votare in cabina.[4] Finito il voto, si procede immediatamente allo spoglio delle preferenze davanti a molti giornalisti; lo spoglio viene anche trasmesso in TV, finendo spesso sui giornali dell'election day.[5]

Reagan e Bush insieme in una fotografia del 1981; entrambi visitarono Dixville Notch in campagna elettorale, rispettivamente nel 1976 e nel 1980

L'importanza simbolica del paesino è sottolineata dalle visite nel paese di alcuni candidati, come i futuri presidenti Ronald Reagan (nel 1976),[6] George H. W. Bush (nel 1980) e suo figlio George W. Bush (nel 2000).

Il primo votante del paese e di tutti gli Stati Uniti, dalla morte nel 2001 di Neil Tillotson, storico rappresentante locale che per primo ebbe l'idea del voto a mezzanotte, è solitamente estratto a sorte.[7]

Tutto ciò è possibile poiché, sebbene le urne del New Hampshire debbano chiudere solo alle ore 20 locali, è prevista dalla legge la possibilità di chiudere i seggi in anticipo e iniziare lo spoglio se si sono recati alle urne tutti gli aventi diritto.

Storicamente questo villaggio si è espresso a favore del candidato del Partito Repubblicano dal 1968 fino al 2004, mentre nelle elezioni del 2008 ha prevalso il candidato democratico Barack Obama sul repubblicano John McCain per 15 preferenze a 6. Alle successive elezioni del 2012, invece, Dixville Notch ha registrato un pareggio tra lo stesso Obama e lo sfidante Mitt Romney, con 5 voti a testa, mentre nel 2016 Hillary Clinton ha avuto 4 voti contro i 2 di Donald Trump, 1 per il candidato del Partito Libertariano Gary Johnson, e 1, probabilmente per protesta, per Mitt Romney[8].

Nel 2019 il paesino ha rischiato di perdere la possibilità di votare per primo, in quanto la sua popolazione si era ridotta a quattro persone. L'eventualità è stata scongiurata dall'arrivo di un quinto abitante, che ha garantito il numero minimo di votanti per avere un seggio autonomo.[9]

Alle primarie democratiche del 2020 Michael Bloomberg è stato il candidato più votato, con tre voti, sebbene non fosse neanche candidato nello Stato (è stato inserito come write-in), mentre gli altri due voti sono andati a Pete Buttigieg e a Bernie Sanders. Joe Biden, il futuro candidato alla presidenza per il Partito Democratico, non ha quindi ottenuto neanche un voto,[10] ma si è rifatto alle successive elezioni presidenziali di novembre, battendo 5 a 0 Donald Trump. È la prima volta che il candidato repubblicano non prende neanche un voto nel villaggio.

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Dixville Notch è apparsa nel quattordicesimo episodio della terza stagione della serie tv statunitense West Wing sotto forma di un paesino fittizio chiamato Hartsville, nel 2002.[11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) American FactFinder, in 2010 Census, United States Census Bureau. URL consultato il 28 febbraio 2016.
  2. ^ a b (EN) Peter Schworm, N.H. towns vie for late-night voter limelight, The Boston Globe, 7 gennaio 2008.
  3. ^ (EN) Hotel History: Balsams Grand Resort Hotel (1866), Dixville Notch, su hotelnewsresource.com. URL consultato il 1º novembre 2020.
  4. ^ (EN) Dixville Notch, N.H., may have to give up tradition of midnight voting, su vnews.com, 13 febbraio 2019. URL consultato il 1º novembre 2020.
  5. ^ (EN) The Dixville Notch midnight voting tradition almost didn't happen, su politico.com, 2 luglio 2020. URL consultato il 2 novembre 2020.
  6. ^ (EN) Ronald Reagan on presidential campaign trip in New Hampshire, su upi.com. URL consultato il 2 novembre 2020.
  7. ^ (EN) Neil Tillotson, 102, First Presidential Voter, su nytimes.com, 5 novembre 2001. URL consultato il 1º novembre 2020.
  8. ^ (EN) Hillary Clinton wins Dixville Notch midnight vote, su edition.cnn.com, 8 novembre 2016. URL consultato il 2 novembre 2020.
  9. ^ (EN) Dixville Notch's 'First In The Nation' Midnight Voting Tradition May End Over Election Rules, su wbur.org, 13 febbraio 2019. URL consultato il 1º novembre 2020.
  10. ^ (EN) Michael Bloomberg wins the vote in tiny Dixville Notch, N.H., su bostonherald.com, 11 febbraio 2020. URL consultato il 1º novembre 2020.
  11. ^ (EN) Joe Reid, The West Wing's "Hartsfield's Landing" Has Never Made Any Damn Sense, su Primetimer, 6 ottobre 2020. URL consultato il 2 novembre 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti d'America Portale Stati Uniti d'America: accedi alle voci di Wikipedia che parlano degli Stati Uniti d'America