Dickie Moore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dickie Moore (1932)

Dickie Moore, in seguito noto anche come Dick Moore, nome d'arte di John Richard Moore, Jr (Los Angeles, 12 settembre 1925Wilton, 7 settembre 2015), è stato un attore statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La sua prima apparizione, sia pure non accreditata, risale al 1927 nel film The Beloved Rogue con John Barrymore. A soli 7 anni venne poi scelto da Hal Roach ed entrò nel cast fisso della serie Simpatiche canaglie.

Continuò a lavorare in diversi film, i più famosi dei quali sono Venere bionda (1932), nel ruolo del figlio di Marlene Dietrich, e Oliver Twist (1933), di cui fu protagonista.

Con l'adolescenza proseguì la carriera nel cinema ma con meno successo, fino al ritiro a partire dagli anni cinquanta.

Viene ricordato per essere stato il secondo attore a baciare sullo schermo Shirley Temple nel film Miss Annie Rooney (1942).

Negli anni successivi tornò a recitare per la televisione e il teatro. Nel 1984 pubblicò il libro Twinkle, Twinkle, Little Star, nel quale raccontò la sua - e quella di altri - esperienza di attore bambino.

Nel 1988 sposò in terze nozze l'attrice Jane Powell.

Muore il 7 settembre 2015, a 89 anni.[1]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) John Holmstrom, The Moving Picture Boy: An International Encyclopaedia from 1895 to 1995, Norwich, Michael Russell, 1996, pp. 139-140.
  • (EN) David Dye, Child and Youth Actors: Filmography of Their Entire Careers, 1914-1985. Jefferson, NC: McFarland & Co., 1988, pp. 162-163.
  • (EN) Edward Edelson. Great Kids of the Movies, Garden City, NY: Doubleday, 1979, pp. 5-7.
  • (EN) James Robert Parish, Great Child Stars, New York: Ace Books, 1976, pp. 109-116.
  • (EN) Marc Best, Those Endearing Young Charms: Child Performers of the Screen (South Brunswick and New York: Barnes & Co., 1971), pp. 197-202.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN110211236 · ISNI (EN0000 0001 2147 5716 · LCCN (ENn81090467 · GND (DE1013291360 · BNF (FRcb142083464 (data)