Dan Serafini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dan Serafini
Pitching 2-600X335.jpg
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Italia Italia (dal 2009)
Altezza 185 cm
Peso 86 kg
Baseball Baseball pictogram.svg
Record
Batte ambidestro
Tira sinistro
Vinte-perse 15-16
Media PGL (EAR) 6.01
Strikeout 127
Ruolo Lanciatore
Carriera
Squadre di club
1996-1998 Minnesota Twins
1999 Chicago Cubs
2000 San Diego Padres
2000 Pittsburgh Pirates
2002 Chinatrust Whales
2003 Cincinnati Reds
2004-2005 Chiba Lotte Marines
2006-2007 Orix Buffaloes
2007 Colorado Rockies
2008 Sultanes de Monterrey
2010 Bridgeport Bluefish
2011 Sultanes de Monterrey
2012 Bridgeport Bluefish
2013 Tigres de Quintana Roo
Nazionale
2009-2013 Italia Italia
 

Daniel Joseph Serafini (San Francisco, 25 gennaio 1974) è un ex giocatore di baseball statunitense naturalizzato italiano, lanciatore mancino.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver frequentato la Junípero Serra High School, a San Mateo (California), Serafini fu scelto al 1º giro (26° assoluto) al draft MLB del 1992 dai Minnesota Twins.

Giocò quindi nelle Minors con varie squadre affiliate alla franchigia: Fort Wayne (A), Fort Myers (A+), Hardware City (AA), Salt Lake (AAA), fino al debutto in MLB il 25 giugno 1996 contro i New York Yankees.

Dopo 35 partite in 3 stagioni con i Twins, il 31 marzo 1999 venne acquistato dai Cubs con cui giocò 42 incontri (4 da partente) più alcune apparizioni con la franchigia in triplo A ad Iowa.

Nella stagione seguente si divise tra San Diego Padres (e Las Vegas in AAA) e Pittsburgh Pirates (Nashville in AAA), finché il suo contratto venne rescisso il 20 marzo 2001.

Poté quindi firmare un contratto da minor league con i San Francisco Giants, giocando sette incontri in triplo A a Fresno, per poi passare a Norfolk (franchigia affiliata ai New York Mets) e Indianapolis (affiliata ai Milwaukee Brewers).

Nel 2002 affrontò la prima esperienza all'estero giocando con i Chinatrust Whales nel campionato cinese. La stagione seguente, dopo una breve esperienza a Memphis in triplo A, ritornò in Major League con i Cincinnati Reds.

Seguirono alcune stagioni in Giappone nella Nippon Professional Baseball, con le casacche dei Chiba Lotte Marines e degli Orix Buffaloes. Nel 2007 tornò in MLB con i Colorado Rockies, ma riuscì a disputare solo 3 incontri. Negli anni seguenti si divise quindi tra il campionato messicano (Sultanes de Monterrey e Tigres de Quintana Roo) e leghe indipendenti (Bridgeport Bluefish).

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ha ottenuto la cittadinanza italiana grazie al nonno Vito, emigrato dalla Romagna.[1] Ha indossato in tre occasioni la maglia azzurra, disputando il World Baseball Classic nel 2009 e nel 2013.[2][3]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Ritiratosi dall'attività agonistica, gestisce un'accademia per aspiranti giocatori a Sparks, nel Nevada e un bar, l’Oak Tavern.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]