Curtis Jerrells

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curtis Jerrells
Nome Curtis Louis Jerrells
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 185 cm
Peso 89 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Playmaker / guardia
Squadra Hap. Gerusalemme
Carriera
Giovanili
Del Valle High School
2005-2009 Baylor Bears
Squadre di club
2009-2010 Austin Toros 43 (887)
2010 San Antonio Spurs 0 (0)
2010 Austin Toros 7 (147)
2010-2011 Partizan 32
2011-2012 Fenerbahçe Ülker 17 (108)
2012 Murcia 2 (15)
2012-2013 Beşiktaş 17 (205)
2013 Maine Red Claws 10 (144)
2013-2014 Olimpia Milano 28 (247)
2014-2015 UNICS Kazan' 27 (251)
2016 Galatasaray 4 (19)
2016- Hap. Gerusalemme 9 (117)
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 4 dicembre 2016

Curtis Louis Jerrells (Austin, 5 febbraio 1987) è un cestista statunitense.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Atleta eccezionale, col fisico NBA. Combina potenza, velocità, rapidità laterale e abilità nel saltare. A suo agio in entrambi gli spot di guardia[1].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ha giocato nella Baylor University, diventando il primo giocatore nella storia dell'università a guidare la squadra di pallacanestro in punti e assist per quattro anni consecutivi e il secondo giocatore a segnare almeno 1.000 punti, 400 assist e 100 palle rubate.

Nel settembre 2009 firma con i San Antonio Spurs. Gli Spurs lo cedono alla loro squadra associata in D-League, gli Austin Toros. Il 24 marzo 2010 firma nuovamente con gli Spurs, ma viene nuovamente assegnato ai Toros. Viene nuovamente ingaggiato dagli Spurs per la Summer League del 2010.

Il 18 ottobre 2010 viene ceduto ai New Orleans Hornets per una seconda scelta al draft, ma viene svincolato solo una settimana dopo, al termine del training camp.

Il 27 novembre 2010 firma un contratto fino al termine della stagione con il Partizan Belgrado.

Nel giugno 2011 firma un contratto biennale con il Fenerbahçe.

Nel marzo 2012 viene ingaggiato dal Murcia. Dopo solo una settimana con la nuova squadra (2 partite giocate), si rompe il piede ed è costretto a saltare il resto della stagione.

Il 29 agosto 2012 viene ingaggiato dal Beşiktaş.

Nel marzo 2013 viene ingaggiato dai Sioux Falls Skyforce, venendo immediatamente ceduto ai Maine Red Claws per il centro Chris Ayer.

Nell'agosto 2013 viene ingaggiato dall'Olimpia Milano, con cui vince il campionato di Serie A maschile FIP 2013-2014. Dopo un avvio di stagione complicato per questioni di ruolo e ambientamento, diventa il sesto uomo della squadra e risulta spesso decisivo nelle Top 16 dell'ottima Eurolega disputata dall'Olimpia. Di rilievo poi la prestazione durante la finale con la Mens Sana Siena in gara 1 dove stabilsce il suo record personale nel campionato italiano segnando 26 punti e il decisivo contributo in gara 6: la partita si disputa a Siena con Milano sotto nella serie per 3-2. In situazione di parità nel punteggio, Jerrells segna all'ultimo secondo utile il canestro della vittoria per mandare a gara 7 la serie di finale. Decisivo negli ultimi minuti di gara 7, quando la sua tripla porta il risultato in parità (62-62) a 4'05" dalla sirena e apre la strada all'arrembante finale dell'Olimpia che si conclude vittorioso per 74-67.

Il 6 luglio 2014 firma un contratto biennale a 1,8 milioni di dollari con l'UNICS Kazan', dove ritrova Keith Langford.

Il 25 gennaio 2016 viene ingaggiato dal Galatasaray. Il successivo 2 maggio rescinde il suo contratto con la squadra turca.

Il 10 luglio 2016 viene ingaggiato con un contratto biennale dal Hapoel Gerusalemme [2].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Squadra[modifica | modifica wikitesto]

Partizan Belgrado: 2010-2011
Partizan Belgrado: 2011
Partizan Belgrado: 2010-2011
Milano: 2013-2014
Galatasaray: 2015-2016

Individuali[modifica | modifica wikitesto]

2009-2010

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ NBA.com - DRAFT 2009 Prospects - Curtis Jerrells, nba.com.
  2. ^ (EN) Curtis Jerrells Will Be Wearing Red Next Season, hapoel.co.il, 10 luglio 2016. URL consultato il 10 luglio 2016 (archiviato il 10 luglio 2016).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]