Crocodylus acutus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Coccodrillo americano
Crocodylus acutus mexico 02-edit1.jpg
Crocodylus acutus
Stato di conservazione
Status iucn2.3 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Ordine Crocodylia
Famiglia Crocodylidae
Genere Crocodylus
Specie C. acutus
Nomenclatura binomiale
Crocodylus acutus
Cuvier, 1807
Sinonimi

Crocodilus acutus

Areale

Crocodylus acutus Distribution.png

Il coccodrillo americano (Crocodylus acutus (Cuvier, 1807)) è una specie di coccodrillo endemico dei neotropici. È la più diffusa delle quattro specie esistenti di coccodrilli originari delle Americhe.[1]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Cuvier è stato il primo a descrivere la specie come Crocodylus acutus nel 1807.[2] Con l'andar del tempo questo è diventato volgarmente noto come "sharp-snout alligator". Nel 1822, Constantine Samuel Rafinesque ha confermato che la specie era di fatto un coccodrillo.[3] La specie è stata poi descritta come Crocodylus floridanus da William T. Hornaday[4][5] nel 1875, quando Hornaday e C.E. Jackson erano stati inviati da Washington, DC fino in Florida per raccogliere pelli di alligatore. Una volta sentito di un "big old gator" nell' Arch Creek alla testata della Biscayne Bay, Hornaday e i suoi compagni lo hanno cercato e trovato dopo qualche ora in un banco di Cyperaceae. Ora il Crocodylus floridanus è considerato un sinonimo non valido del Crocodylus acutus.[6][7]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Esemplare mimetizzato in Messico

Come gli altri coccodrilli anche il coccodrillo americano ha quattro zampe corte e tozze con una lunga e potente coda e una copertura di squame con file di scudi ossificati lungo la schiena e la coda.[8] Il suo muso è allungato e comprende un paio di forti fauci. I suoi occhi sono protetti dalla membrana nittitante e hanno ghiandole lacrimali che producono lacrime. Come negli altri coccodrilli le narici, le orecchie e gli occhi sono posizionati nella parte superiore della testa così che il resto del corpo può rimanere nascosto durante gli agguati in acqua. Il mimetismo è utilizzato a fini predatori. Il muso è relativamente più stretto e più lungo rispetto a quello dell'alligatore americano (Alligator mississippiensis), ma più largo rispetto a quello del coccodrillo dell'orinoco (Crocodylus intermedius). I coccodrilli americani sono anche più pallidi e grigiastri rispetto all'alligatore che è più scuro. Questa specie normalmente striscia sulla pancia, ma può anche camminare elevandosi sulle zampe.[9] Gli esemplari più grandi possono galoppare fino a 16 km/h.[10] Possono nuotare fino a circa 30 km/h muovendo il corpo e la coda in un modo sinuoso, ma non possono mantenere a lungo questa velocità.[11] Il coccodrillo americano è spesso confuso con il coccodrillo di Morelet, una specie più piccola originaria del Messico.

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Combattimento tra adulti

I neonati sono lunghi circa 27 cm e pesano mediamente 60 g.[12][13] Un maschio adulto può misurare 4.1 - 4.8 m e pesare 400 - 500 kg; mentre le femmine misurano da 2,5 a 3 m e pesano fino a 170 kg. La lunghezza minore rappresenta la dimensione media all'età della maturità sessuale, quella maggiore rappresenta il limite più alto per il rispettivo sesso nella maggioranza delle popolazioni conosciute.[14][15][16] Nel fiume Tárcoles in Costa Rica, ci sono numerosi individui di 4 m e qualcuno anche di 5 m che frequentano i ponti di attraversamento dove costituiscono un'attrazione turistica e sono quotidianamente nutriti, il che spiega perché hanno raggiunto tali dimensioni. Si dice che questa specie possa raggiungere dimensioni ancora maggiori nei bacini dei fiumi sudamericani, ma raramente eccedono i 5 m o raggiungono i 6 m.[17][18] I coccodrilli delle isole o delle coste hanno solitamente dimensioni molto minori. Il peso degli adulti lungo le coste del Belize raggiunge in media i 77,8 kg.[19] In Florida la lunghezza massima degli adulti è stata misurata in 5,2 m, ma i maschi adulti in media misurano 3,35 m, probabilmente più piccoli degli altri maschi delle popolazioni continentali.[20][21] È stato trovato un cranio che misurava 72,6 cm e si stima sia appartenuto a un coccodrilli di 6,6 m di lunghezza.[21] I grandi maschi maturi regolarmente pesano dai 400 ai 500 kg, mentre gli individui di 6 o più metri sorpassano i 1000 kg.[22]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Coccodrillo attaccato da un alligatore americano

Le popolazioni di coccodrillo americano sono presenti sulle coste atlantiche e pacifiche dal Messico meridionale fino al Sud America raggiungendo il Perù e il Venezuela. Vive anche in molte isole caraibiche come Cuba, Giamaica, Hispaniola, Grand Cayman, le grandi Antille e le Indie occidentali. All'interno degli Stati Uniti, la distribuzione del è limitata al Porto Rico e alla parte meridionale della Florida, anche se sono stati registrati due avvistamenti nell'area della Baia di Tampa. La popolazione attuale all'interno degli Stati Uniti è stimata in 2.000 esemplari, il che rappresenta un significativo recupero dalle poche centinaia segnalate negli anni Settanta. L'habitat è limitato generalmente alle aree costiere. Lo si può trovare anche in sistemi fluviali, anche se ha la tendenza a preferire e non semplicemente a tollerare, un certo livello di salinità, il che porta la specie a concentrarsi in laghi salmastri, mangrovieti, lagune, cayos e piccole isole. Anche altri coccodrilli tollerano l'acqua salata grazie alle ghiandole del sale che hanno sotto la lingua, ma il coccodrillo americano è l'unica specie, oltre al coccodrillo marino (C. porosus) che vive e prospera comunemente in acqua salata. Possono essere trovati sulle spiagge e sulle barre di sabbia senza alcuna fonte d'acqua dolce, come certi cayos e isolette nella zona delle Bahamas e dei Caraibi. Si trovano anche in laghi ipersalini, come il lago Enriquillo, che ospita una delle maggiori popolazioni conosciute[15] Il C. acutus è stato osservato anche a Grand Cayman, suggerendo così l’ipotesi che possa essere arrivato a nuoto da Cuba (che ne ospita una popolazione ragguardevole) e stia ripopolando la Grand Cayman. Inoltre, un ibrido di coccodrillo cubano con coccodrillo americano è stato recentemente osservato nell’area di Cancun. Il coccodrillo probabilmente è originario della Cienaga de Zapata, a Cuba (l’unico posto dove questi ibridi sono stati osservati allo stato naturale), e ha nuotato fino alla penisola dello Yucatán. La loro tolleranza all’ambiente salino ha permesso al coccodrillo americano di colonizzare alcune porzioni degli Stati uniti (Porto Rico e il meridione della Florida). Contrariamente a quanto viene comunemente detto, la presenza dell’alligatore americano non è dovuta al fatto che il coccodrillo americano non fosse in grado di colonizzare gli ambienti salmastri, ma piuttosto il clima. I coccodrilli americani, contrariamente agli alligatori, sono estremamente suscettibili alle temperature fredde e vivono esclusivamente in acque tropicali. Nel 2009, un inverno insolitamente freddo per la Florida, si sono registrate le morti di 150 coccodrilli americani in condizioni selvatiche, compreso un esemplare molto ben conosciuto che abitava l’isola di Sanibel, molto a nord rispetto all’areale naturale.[23][24] I coccodrilli americani, negli Stati uniti, coesistono con l'alligatore americano e si trovano principalmente nelle latitudini a sud di Miami, nel parco nazionale delle Everglades, nella Baia di Florida, nella Baia di Biscaynee e nei Florida Keys.[13][25] Una buona popolazione si è stabilità nei pressi di Homestead, Florida, presso la centrale nucleare di Turkey Point.[26][27] Alcuni esemplari vagano verso nord in acque calde estive e sono stati osservati nelle contee di Sarasota e di Palm Beach.[12] Nell’estate del 2008, è stato catturato un coccodrillo tra le onde presso l’isola delle Palme, nella Carolina del Sud. Nel 2013, un coccodrillo di 400 kg è stato catturato a Tarpon Springs, Florida.[28] I coccodrilli richiedono temperature tropicali continuative, da questo deriva quindi la loro discontinua presenza negli Stati Uniti del Sud. In America centrale, coesistono con il piccolo “caimano dagli occhiali”; gli altri coccodrilli presenti nell'areale occupato dal coccodrillo americano sono il coccodrillo cubano, più piccolo e in pericolo critico, e il coccodrillo di Morelet, nel Messico meridionale e in Guatemala.

Biologia e comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Mentre l'alligatore americano può sopravvivere in acque con temperature fino a 7,2 °C per un tempo limitato, un coccodrillo americano non potrebbe resistere a uno shock di questo tipo e rimarrebbe immobile fino ad annegare.[8] D’altra parte, il coccodrillo americano ha invece una velocità di crescita maggiore di quella dell’alligatore e risultano molto più tolleranti all’acqua salmastra.[8] Una simbiosi “di pulizia” è stata descritta nel caso del coccodrillo americano: contrariamente ai coccodrillo del vecchio mondo, che hanno rapporti simbiontici con alcuni uccelli per quanto riguarda la pulizia dai parassiti, il coccodrillo americano confida invece più spesso su alcuni pesci.[8]. La speranza di vita si aggira intorno ai 50-60 anni.[29]

Predazione e dieta[modifica | modifica wikitesto]

Particolare del muso di coccodrillo americano

Il coccodrillo americano si ciba prevalentemente di pesce, il muso relativamente stretto indica questa preferenza. Ogni pesce che si trovi nelle acque dolci o salmastre vicino alle coste è una potenziale preda. Il muso del coccodrillo americano è comunque più largo di quello di alcune specie specializzate nell’alimentazione a base di pesce come ad esempio il gaviale (Gavialis gangeticus) e il coccodrillo di Johnson (Crocodylus johnsoni), permettendogli di complementare la dieta con una maggior varietà di prede. Le specie predate possono variare in dimensioni dagli insetti catturati dai giovani coccodrilli fino al bestiame adulti catturato da grossi esemplari maturi e può comprendere uccelli, mammiferi, tartarughe, granchi, lumache, rane e occasionalmente carogne.[15][30] A Haiti gli esemplari appena nati e i giovani coccodrilli si nutrono primariamente di granchio violinista (Uca spp.) che possono raggiungere i 2/3 della dieta in peso.[31] In altri luoghi, insetti acquatici, le loro larve e le lumache occupano posti principali nella dieta dei giovani coccodrilli. Gli individui non maturi e subadulti, secondo uno studio svolto in Messico, hanno una dieta più diversificata che comprende insetti, pesci, rane, piccole tartarughe, uccelli e piccoli mammiferi. Un esemplare di 1,2 m aveva nello stomaco un pesce gatto, una tortora luttuosa e un opossum dalla coda pelata (Caluromys philander).[32] In Florida il branzino, il tarpon (Megalops atlanticus), e specialmente il cefalo sono le prede preferite degli esemplari adulti e subadulti di coccodrillo americano.[33]

Coccodrillo americano mentre si nutre di pesce

Ad Haiti sembra che gli adulti si nutrano spesso di vari uccelli (molti dei quali sono Charadri in riproduzione e altri uccelli come l'airone, la cicogna, il fenicottero, i pellicani, svassi, folaghe e gallinule seguiti da una concentrazione di pesci marini che comprendono la tilapia e i ciclasoma; a volte sono state osservate catture di tartarughe, cani e capre.[31] Nello stomaco di un adulto di 3 m in Honduras è stato trovato un esemplare di coccodrillo della sua stessa specie di 1,5 m, il carapece di una tartaruga e gli zoccoli di pecari.[34] A Quintana Roo in Messico, la maggior parte delle prede che sono state identificate in adulti e subadulti erano pesci e i subadulti mostravano una maggior varietà di prede rispetto sia ai più giovani sia agli adulti.[35] In Costa Rica è stato registrato che i coccodrilli americani cacciano e uccidono le femmine adulte di tartarughe bastarde olivacee mentre deponevano le uova nella spiaggia.[36] Si sa che questi coccodrilli cacciano soprattutto nelle prime ore dopo il tramonto specialmente nelle notti senza luna, sebbene poi consumino il cibo in qualsiasi ora.[33] La caccia avviene nella maniera tipica per la maggior parte delle specie di coccodrilli, tendendo imboscate alle prede terrestri quando si avvicinano al bordo dell’acqua o quando sono sedute in acque basse, trascinandole sott’acqua e affogandole, oppure tendendo imboscate alle prede acquatiche vicino alla superficie dell’acqua.[31]

Relazioni predatorie interspecifiche[modifica | modifica wikitesto]

I coccodrilli americani adulti normalmente non hanno predatori naturali e praticamente ogni animale terrestre o fluviale che incontrano costituisce una potenziale preda. Un caso eccezionale di predazione è stato riportato riguardante un adulto di coccodrillo americano poco al largo della Colombia che è stato attaccato e ucciso da un grande squalo bianco (Carcharodon carcharias).[37][38] Si trattava probabilmente di un episodio locale dato che in acqua salate i coccodrilli americani non raggiungono grandi dimensioni. Tuttavia questo coccodrillo è notoriamente predatore dello squalo limone i quali evitano le aree con i coccodrilli.[39][40] Un esemplare subadulto di 2,5 m è stato predato in Chiapas, Messico da un giaguaro (Panthera onca).[38] Un coccodrillo americano di 4,4 m, noto per essere il maggior esemplare tenuto in cattività è scappato da uno zoo nella Florida e ha ingaggiato un combattimento con un grande maschio di alligatore americano di 4,1 m e finì ucciso da quest’ultimo.[21] Reciprocamente esiste un caso confermato di un coccodrillo che ha predato un subadulto di alligatore in natura in Florida,[38] e mediamente i coccodrilli americani sono molto più potenti degli alligatori delle stesse dimensioni.[41] Alligatori e coccodrilli normalmente non entrano in conflitto in natura dato che occupano habitat segregati e hanno distribuzioni ampiamente separate.[42] Ci sono numerose registrazioni di coccodrilli americani che hanno ucciso e divorato i caimani dagli occhiali di ogni età in Sud America così come casi di cannibalismo. Le aree dove vivono popolazioni sane di coccodrillo americano spesso ospitano un numero limitato di caimano dagli occhiali, al contrario le aree che prima erano colonizzate da coccodrilli che ora si sono significativamente indeboliti o si sono localmente estinti mostrano una crescita numerica del caimano.[38] In Messico alcuni cocodrilli di Morelet che sono fuggiti dalla cattività hanno costituito delle popolazioni selvatiche che hanno creato problemi alle popolazioni di cocodrillo americano che si trovano a competere con questa specie invasiva.[43]

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Piccolo di coccodrillo americano

I coccodrilli americani si moltiplicano nel tardo autunno o all'inizio dell'inverno, ingaggiando delle cerimonie di accoppiamento durante le quali i maschi emettono dei muggiti a frequenza bassissima per attirare le femmine. La dimensione del corpo è più importante dell'età nel determinare le capacità riproduttive. Le femmine raggiungono la maturità sessuale in corrispondenza alla lunghezza di 2,8 m. Nel mese di febbraio-marzo le femmine gravide cominciano a creare dei nidi di fango, sabbia e vegetazione morta lungo il bordo dell'acqua. Dato che la determinazione del sesso dipende dalla temperatura, piccole alterazioni della temperature possono terminare in covate di soli maschi o di sole femmine con possibili conseguenze sulla salute della popolazione. Circa un mese più tardi quando è il tempo della deposizione, le femmine scaveranno una grande fossa diagonale al lato del nido ove depongono da 30 a 70 uova dipendendo dalla loro dimensione. Dopo la deposizione, le femmine possono coprire le uova con dei residui vegetali o lasciarle scoperte; le uova bianche e allungate sono lunghe 8 cm e larghe 5 cm e hanno dei pori che cospargono il guscio. Durante il periodo di incubazione di 75-80 giorni, i genitori custodiscono il nido e normalmente abitano in un buco sulla riva nei pressi del nido, si sa che le femmine sono particolarmente aggressive durante questo periodo. Malgrado queste precauzioni, le uova di coccodrillo a volte sono preda di procioni (probabilmente il più pericoloso predatore di nidi di coccodrillo nelle Americhe), di coati, di volpi, moffette o di altri mammiferi predatori (perfino i coyote in Messico e l'orso nero nel sud della Florida), così come di grandi formiche predatrici, granchi e avvoltoi.[38] A Panamá è stato osservato che l'iguana verde predava le uova di coccodrillo anche se i molti casi sono state catturate dalla madre cocodrillo e successivamente uccise.[44] Le uova di coccodrillo sono fragili, ma più soffici delle uova di uccello. Le uova si schiudono dopo 75-80 giorni, quindi in prossimità delle prime piogge estive (luglio-agosto) al termine della stagione secca, ma prima che i bacini acquatici dove andranno a vivere si inondino. In questo stadio di sviluppo dei loro piccoli, le madri coccodrillo mostrano un singolare comportamento di cure parentali. Durante il processo di schiusa, quando i giovani coccodrilli sono più vulnerabili ai predatori istintivamente emettono un richiamo simile a dei sommessi gracidii. Questi suoni spingono la femmina ad accorrere al nido, scoprendo le uova se per caso sono rimaste coperte. In seguito aiuterà i giovani a abbandonare le uova e le proteggerà all'interno della propria bocca trasportandoli fino alla più vicina sorgente d'acqua. I giovani, che sono lunghi dai 24 ai 27 cm, sono immediatamente attivi come predatori fin dai primi giorni, non è insolito il caso che la madre si prenda cura dei giovani anche alcune settimane dopo la schiusa, continuando a fornire loro attenzione e a trasportarli. Dopo circa sei settimane dalla schiusa, i giovani coccodrilli si disperdono alla ricerca della loro vita indipendente: molti di loro naturalmente non sopravviveranno, cadendo preda di numerosi tipi di rapaci e di grandi pesci come pesci gatto, tarponi e squali limone o rettili come il boa, iguane nere, caimani dagli occhiali e mammiferi come il procione.[38] I sopravvissuti ai primi stadi della vita crescono rapidamente cibandosi di insetti, pesci e rane; in oltre è stato notato che alcuni giovani coccodrilli praticano il cannibalismo.[33]

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

A seguito della caccia per la pelle, dell’inquinamento, della perdita dell’habitat e della cattura degli adulti per l’allevamento commerciale, il coccodrillo americano è in pericolo in alcune parti del suo habitat.[13] Nel 1972, il Venezuela ha proibito la commercializzazione della pelle di coccodrillo per dieci anni in seguito alla eccessiva caccia degli anni Cinquanta e Sessanta.[45] Tra i 1.000 e i 2.000 coccodrili americani vivono in Messico e in America centrale e meridionale, ma i dati sulla popolazione sono scarsi;[33] nel sud della Florida è stata stimata una popolazione di 500-1.200 individui.[29] In Florida il 67,8% dei cocodrilli muore a causa di investimento lungo le strade, il 10,5% per uccisione intenzionale, mentre solo il 4,5% può essere attribuito a cause naturali (nel resto dei casi non si conosce la causa di morte).[46]

Interazioni con l'uomo[modifica | modifica wikitesto]

I coccodrilli americani sono considerati pericolosi: sono stati registrati attacchi in Messico, Costa Rica e Panamá, ma - non costituendo una notizia a livello internazionale -[non chiaro] la specie non è considerata mangiatrice di uomini come i suoi parenti.[8] Questa specie è spesso considerata timida e apparentemente non mostra propensione ad attaccare l’uomo così regolarmente come i coccodrilli del vecchio mondo.[3] In ogni caso è più aggressivo dell’alligatore americano.[33] Uno studio dell’IUCN ha scoperto che il coccodrillo americano è il più aggressivo verso gli uomini e il più propenso all’attacco rispetto a tutti i coccodrilli dell’America, ciononostante il numero di attacchi da parte dei coccodrilli americani è di gran lunga inferiore a quello delle specie notoriamente più pericolose quali il coccodrillo marino e il coccodrillo del Nilo.[47] Si sa che il coccodrillo cubano è decisamente più aggressivo nelle relazioni interspecifiche che non il coccodrillo americano e apparentemente lo attacca e lo scaccia nei casi in cui convivano nello stesso territorio chiuso, come negli zoo e negli allevamenti, anche se è di dimensioni minori. Nel mese di maggio 2007 sono avvenuti due casi nel giro di una settimana in cui dei bambini sono stati attaccati e uccisi, uno in Messico, poco a sud di Puerto Vallarta e uno in Costa Rica.[48] Nell'agosto 2014 è stato riportato il primo attacco di coccodrillo selvatico nella storia della Florida quando un uomo e una donna sono stati morsi a una spalla e una mano mentre nuotavano in un canale di Coral Gables.[49] Nel maggio 2015, un ragazzo di 7 anni è stato ucciso da un coccodrillo americano nell'estuario di Barra Santa Ana, nei pressi della città di Lazaro Cardenas in Messico. In questo caso si trattava dell'ottavo attacco di coccodrillo negli ultimi due anni nello stesso luogo.[50]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Ponce-Campos, P., Thorbjarnarson, J. & Velasco, A. (IUCN SSC Crocodile Specialist Group), Crocodylus acutus, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2015.2, IUCN, 2015.
  2. ^ Integrated Taxonomic Information System
  3. ^ a b Ted Levin, Liquid Land: A Journey Through the Florida Everglades, Georgia Press, 2004, ISBN 0-8203-2672-0.
  4. ^ The crocodile in Florida
  5. ^ A New Day Dawns in the Everglades, in Audubon Magazine, luglio-agosto, 2001.
  6. ^ Integrated Taxonomic Information System
  7. ^ Leonhard Stajneger, Crocodilian Nomenclature, in Copeia (American Socety of Ichthyologists and Herpetology, nº 3, 1933, pp. 117-120.
  8. ^ a b c d e C. A. W. Guggisberg, Crocodiles: Their Natural History, Folklore, and Conservation, David & Charles, 1972, p. 195, ISBN 0-7153-5272-5.
  9. ^ Gordon Gregg e Carl Gans, http://espace.library.uq.edu.au/view/UQ:9776/croc.pdf.
  10. ^ Elizabeth Swiman, Mark Hostetler, Martin Main e Sarah Webb Miller, "Living with Alligators: A Florida Reality", UF/IFAS Extension Service, agosto 2005.
  11. ^ American Crocodile, in Everglades, Miami Science Museum, 2009.
  12. ^ a b Roger Conant e Joseph T. Collins, Reptiles and Amphibians Eastern-Central North America., 1998, p. 142-3, ISBN 0-395-90452-8.
  13. ^ a b c Michelle P. Moller, Michael S. Cherkiss e Frank J. Mazzotti, American Crocodile: A Story of Recovery-rivista=The Croc Docs-editore=Fort Lauderdale Research and EducationCroCenter.
  14. ^ Jay M. Savage, Michael Fogden e Patricia MFogden, The Amphibians and Reptiles of Costa Rica: A Herpetofauna between Two Continents, between Two Seas., University of Chicago Press, 2005, ISBN 978-0-226-73538-2.
  15. ^ a b c American Crocodile, in Animals, National Geographic Society, dicembre 2008.
  16. ^ J. B. Thorbjarnarson, Ecology of the American crocodile, Crocodylus acutus, in Proceedings of the 7th Working Meeting of the Crocodile Specialist Group of the Species Survival Commission of the International Union for Conservation of Nature and Natural Resources, IUCN, 1986, p. 228.
  17. ^ J. L. Behler e F. W. King, The Audubon Society Field Guide to North American Reptiles and Amphibians., New York, Alfred A. Knopf, 1979, p. 743, ISBN 0-394-50824-6.
  18. ^ "American Crocodiles, American Crocodile Pictures, American Crocodile Facts – National Geographic".
  19. ^ S. G. Platt, T. R. Rainwater, J. B. Thorbjarnarson e D. Martin, Size estimation, morphometrics, sex ratio, sexual size dimorphism, and biomass of Crocodylus acutus in the coastal zone of Belize., in Salamandra, vol. 4, 2011, p. 179-192.
  20. ^ Gaby, R., McMahon, M. P., Mazzotti, F. J., Gillies, W. N., & Wilcox, J. R., Ecology of a population of Crocodylus acutus at a power plant site in Florida., in Journal of Herpetology, 1985, p. 189-198.
  21. ^ a b c Gerald Wood, The Guinness Book of Animal Facts and Feats., 1983, ISBN 978-0-85112-235-9.
  22. ^ [1]
  23. ^ [2]
  24. ^ Dr. Adam Britton
  25. ^ Kushlan, J.A. Mazotti, "Historic and present distribution of the American crocodile in Florida", in Journal of Herpetology, vol. 23, 1989, pp. 1-7.
  26. ^ Providing a home for american crocodile, Florida Power and Light.
  27. ^ Greg Allen, american crocodiles make a come back, National Pubblic Radio, 21 aprile 2007.
  28. ^ Craig pittman, "Croc found in Lake Tarpon traveled 350 miles from South Florida home", Tampa Bay Times, 5 agosto 2013.
  29. ^ a b American Crocodile (Crocodylus acutus), National Parks Conservation Association, 2008.
  30. ^ Florida Museum of Natural History, American Crocodyle (Crocodylus acutus), in Crocodilians: Natural History and Conservation.
  31. ^ a b c Thorjarnarson,J. B., The status and ecology of the american crocodile in Haiti, in Bulletin of the Florida State Museum, 1988.
  32. ^ Alvarez del Toro, M., Los crocodylia de Mexico (estudio comparativo), Smith III, 1974.
  33. ^ a b c d e [3]
  34. ^ Schmidt, K. P., Notes on Central American Crocodiles, Publs. Fiels. Mus. Nat, 1924.
  35. ^ Villegas A., Soto J. J. S., Feeding habits of the american crocodile, crocodylus acutus (cuvier, 1807)(reptilia: crocodylidae) in the southern coast of Quintana Roo, Mexico., in Acta Zoologica Mexicana (nueva serie), vol. 24, 2008, pp. 117-124.
  36. ^ Ortiz R. M.; Plotkin, P. T.; Owens, D. W., Predation upon olive ridley sea turtles (Lepidochelys olivacea) by the American crocodile (Crocodylus acutus) at Playa Nancite, Costa Rica., in Chelonian conservation and biology, 1997, pp. 585-586.
  37. ^ Medem, F., Los Crocodilia de Sur America-vol1, Los Crocodylia de Colombia, Colciencias, 1988.
  38. ^ a b c d e f Somaweera, R.; Brien, M.; Shine, R., The role of predation in shaping crocodilian natural history, in Herpetological Monographs, vol. 27, 2013, pp. 23-51.
  39. ^ Sismeros J. A.& Nelson D. R., Surfactants as chemical shark repellents: past, present, and future (PDF), in Enviromental Biology of Fishes, vol. 60, 1999, pp. 117-129.
  40. ^ Carrier, J. C.; Musick, J. A.; Heithaus, M. R., Biology of Sharks and their Relatives, Second Edition, CRC Press, 2012, ISBN 978-1-4398-3926-3.
  41. ^ Gurney S., Pelletier C., Feeding Frenzy: Season 1 episode 3, 2008.
  42. ^ Ogden, J. C., Status and nesting biology of the American crocodile, Crocodylus acutus,(Reptilia, Crocodilidae) in Florida., in Journal of Herpetology, 1978, pp. 183-196.
  43. ^ [4]
  44. ^ Dugan B. A.; Rand A. S.; Burghardt, G. M.; Bock, B. C., Interaction between nesting crocodiles and iguanas, in Jurnal of Herpetology, 1981, pp. 409-414.
  45. ^ Pough, F. Harvey; Andrews, Robin M.; Cadle, John E.; Crump, Martha L.; Savitsky, Alan H.; Wells, Kentwood D., Herpetology (3rd edition), Upple Suddle River, N. J., Pearson/Prentice Hall, 2004, pp. 620-629, ISBN 0-13-100849-8.
  46. ^ Brien, M. L., Cherkiss, M. S., & Mazzotti, F. J., American Crocodile (Crocodylus acutus), mortalities in Southern Florida, in Florida Field naturalist, vol. 36, 2008, pp. 55-59.
  47. ^ Sideleau, B.; Britton, A. R. C., A preliminary analysis of worldwide crocodilian attacks, in Proceedings of the 21st walking meeting of the crocodile specialist group, Manila, Gland, IUCN, 2012, pp. 111-114.
  48. ^ Boy killed in crocodile attack in Mexico, Associated Press, 3 maggio 2007.
  49. ^ [5]
  50. ^ [6]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

rettili Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili