Cristiano I di Sassonia-Merseburg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cristiano I
Christian I. von Sachsen-Merseburg 1.jpg
Anonimo, Ritratto di Cristiano I di Sassonia-Merseburg (XVII secolo).
Duca di Sassonia-Merseburg
Stemma
Stemma
In carica 22 aprile 1657 –
18 ottobre 1691
Predecessore divisione dal Principato Elettorale di Sassonia
Successore Cristiano II
Margravio di Lusazia
In carica 22 aprile 1657 –
18 ottobre 1691
Predecessore Giovanni Giorgio I
Successore Cristiano II
Nascita Dresda, 27 ottobre 1615
Morte Merseburg, 18 ottobre 1691 (75 anni)
Luogo di sepoltura Duomo di Merseburg
Casa reale Casata di Wettin
Padre Giovanni Giorgio I di Sassonia
Madre Maddalena Sibilla di Prussia
Consorte Cristiana di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg
Figli Maddalena Sofia
Giovanni Giorgio
Cristiano
Augusto
un figlio nato morto
Filippo
Cristiana
Sofia Edvige
Enrico
Maurizio
Sibilla Maria
Religione Calvinismo

Cristiano di Sassonia-Merseburg (Dresda, 27 ottobre 1615Merseburg, 18 ottobre 1691) fu duca di Sassonia-Merseburg dal 1657 fino alla morte nel 1691.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio di Giovanni Giorgio I di Sassonia e della seconda moglie Maddalena Sibilla di Hohenzollern.

Fu il quarto figlio maschio del duca. I fratelli maggiori che raggiunsero l'età adulta furono Giovanni Giorgio, divenuto poi Elettore di Sassonia, e Augusto, duca di Sassonia-Weissenfels.

Nel 1650 suo padre gli conferì l'amministrazione della Diocesi di Merseburg, che era stato confiscato dopo la Riforma.

In un testamento datato 20 luglio 1652, l'Elettore Giovanni Giorgio I dispose di dividere le terre della Sassonia. A Cristiano venne così permesso di trasferirsi con la moglie e i figli a Merseburg il 30 settembre 1653 per dare vita ad un nuovo ramo della dinastia Wettin.

Prese formalmente possesso delle sue terre il 22 aprile 1657, pochi mesi dopo il funerale di suo padre avvenuto il 27 gennaio di quello stesso anno.

Secondo la volontà di Giovanni Giorgio I, Cristiano ricevette oltre a Merseburg le città di Bad Lauchstädt, Schkeuditz, Lützen, e Zwenkauand con i loro castelli, i comuni di Brehna, Zörbig e Finsterwalde e il Marchesato di Niederlausitz, comprendente i comuni e i castelli di Lübben, Dobrilugk, Finsterwalde, Guben, Luckau, Calau e Spremberg.

Quando la Casa di Biberstein si estinse il 9 gennaio 1668, Cristiano divenne anche signore di Forst, con tutti i suoi castelli e borghi, tra cui Döbern che faceva invece parte dell'elettorato di Sassonia. Ciò creò controversie con il fratello maggiore Giovanni Giorgio II. L'11 agosto i fratelli si divisero formalmente i nuovi territori: le città di Delitzsch e Bitterfeld (che Cristiano aveva ricevuto nel 1660), più Zörbig vennero restituiti all'elettore di Sassonia. Tuttavia, Zörbig venne poi restituita a Cristiano nel 1681.

Giovanni Giorgio II si trovava infatti frustrato dal fatto che suo padre non lo avesse favorito in quanto primogenito ma che anzi avesse diviso le sue terre tra tutti i suoi figli maschi. Trascorse quindi la sua vita a cercare di recuperare quante più terre possibili. Lo stesso intento appartenne a Giovanni Giorgio III, primogenito di Giovanni Giorgio II, che annullò tutti i precedenti accordi con zii e cugini siglati dal padre nel 1680. I restanti anni di regno di Cristiano trascorsero dunque nel costante pericolo di un conflitto militare con il nipote.

Il 25 novembre 1659 Cristiano diede la sua approvazione al conte Erdmann Leopold di Promnitz di proteggere alcuni rifugiati protestanti provenienti dalla Slesia ospitandoli a Neudorf[non chiaro].

Nel 1655 Cristiano venne accolto nella Società dei Carpofori.

Matrimonio e discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Sposò a Dresda il 19 novembre 1650 Cristiana di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg da cui ebbe undici figli[1]:

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Augusto I di Sassonia Enrico IV di Sassonia  
 
Caterina di Meclemburgo-Schwerin  
Cristiano I di Sassonia  
Anna di Danimarca Cristiano III di Danimarca  
 
Dorotea di Sassonia-Lauenburg  
Giovanni Giorgio I di Sassonia  
Giovanni Giorgio di Brandeburgo Gioacchino II di Brandeburgo  
 
Maddalena di Sassonia  
Sofia di Brandeburgo  
Sabina di Brandeburgo-Ansbach Giorgio di Brandeburgo-Ansbach  
 
Edvige di Münsterberg-Oels  
Cristiano I di Sassonia-Merseburg  
Alberto I di Prussia Federico I di Brandeburgo-Ansbach  
 
Sofia di Polonia  
Alberto Federico di Prussia  
Anna Maria di Brunswick-Lüneburg Eric I di Brunswick-Lüneburg  
 
Elisabetta di Brandeburgo  
Maddalena Sibilla di Prussia  
Guglielmo di Jülich-Kleve-Berg Giovanni III di Kleve  
 
Maria di Jülich-Berg  
Maria Eleonora di Jülich-Kleve-Berg  
Maria d'Austria Ferdinando I d'Asburgo  
 
Anna Jagellone  
 

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN266298478 · ISNI (EN0000 0003 8262 1267 · CERL cnp00356191 · GND (DE104174420 · WorldCat Identities (ENviaf-266298478